Home Attualità Caffè, fa bene anche all’amore: Due tazzine al giorno combattono la disfunzione...

Caffè, fa bene anche all’amore: Due tazzine al giorno combattono la disfunzione erettile

1185
SHARE
caffe
caffè fa bene all'amore

Caffè, fa bene anche all’amore: Due tazzine al giorno combattono la disfunzione erettile.

170 mg di caffeina al giorno abbassano del 42% il rischio di avere un “calo nelle prestazioni”. Il risultato di una accurata ricerca scientifica.

170 mg di caffeina corrispondono a due tazzine di caffè che se assunte al giorno possono migliorare di molto le prestazioni maschili. I ricercatori della Società italiana di andrologia sulla base degli ultimi dati discussi al congresso nazionale Sia di fine maggio, hanno svelato che un quantitativo di caffeina misurabile dagli tra gli 85 ai 170 milligrammi al giorno è in grado di attivare i meccanismi che permettono una riduzione del rischio di disfunzione erettile pari al 42%. Per i consumatori di caffè che assumono invece tra 171 e 303 milligrammi al giorno da due a quattro tazzine al giorno, la percentuale di rischio scende al 39%.

Il caffè fa bene all’amore…

Secondo gli studi effettuati, gli scienziati ipotizzano l’attivazione di meccanismi legati al metabolismo dovuti alla caffeina, che porterebbero le arterie del pene a rilassarsi, aumentando contemporaneamente il flusso sanguigno. La caffeina agisce infatti da inibitore aspecifico della fosfodiesterasi, favorendo l’afflusso del sangue nei corpi cavernosi e facilitando così l’erezione.

L’effetto riscontrato rispetto all’assunzione regolare di caffeina sarebbe utile anche agli uomini in sovrappeso, agli obesi, agli ipertesi, ma purtroppo non ai diabetici. Perchè il diabete rappresenta ancora uno dei fattori di rischio primari per la disfunzione erettile.

Caffè. I ricercatori consigliano comunque che non bisogna comunque abusarne e suggeriscono di fare contemporaneamente regolare attività fisica. Per contrastare la disfunzione erettile si consiglia di muoversi su più fronti; anche su quello alimentare.

 

 

Rispondi