SHARE

Carlo Verdone insignito Laurea honoris causa Beni culturali e Territorio

Il noto attore romano Carlo Verdone, è stato insignito della Laurea honoris causa in Beni culturali e Territorio.

La cerimonia si è svolta nella sala Ennio Moricone dell’Università di Lettere e filosofia di Roma 2, al cospetto del rettore Giuseppe Novelli e di tantissimi studenti della facoltà.

L’altro giorno, l‘Università di Roma Tor Vergata  ha conferito il dottorato honoris causa in Beni Culturali e Territorio ad un personaggio del cinema italiano, regista ed attore impareggiabile, molto amato in Italia, Carlo Verdone. Ma ecco le motivazioni che hanno portato all’onorificenza attribuita al famoso attore italiano che ha fatto la storia del cinema nostrano nel genere commedia comica. Nella nota si legge:

“Si conferisce laurea Honoris causa in beni culturali e territorio all’attore Carlo Verdone “per aver offerto un quadro autentico dell’evoluzione antropologica e sociale del nostro Paese, per aver valorizzato la cultura e il territorio di Roma, per aver conservato e rielaborato lo spirito indagatorio della grande commedia all’italiana”.

Commosso e con la voce a tratti, rotta dall’emozione, Carlo Verdone muove il suo discorso spaziando su tanti temi, dalla gestione della capitale fino allo scandalo sulle molestie sessuali che hanno coinvolto Hollywood e, di riflesso, anche l’Italia. Queste le sue parole:

“Io devo tutto alla mia famiglia e a Roma. Sono stati i miei genitori a voler farmi guardare questa città con tanto entusiasmo e a far coltivare in me lo stupore verso il prossimo, il quartiere e la città. Ricordo che dalla mia terrazza che dava a 360 gradi sulla capitale, il mio occhio mirava sempre il Gianicolo, il suo faro, ma soprattutto il ponte Sisto, che negli anni ’70 era il ponte dei suicidi”.

L’attore ha poi raccontato un suo particolare aneddoto: “Una volta scesi a guardare come riportavano a galla un cadavere da quel ponte, era interessante ascoltare quello che diceva la gente mentre i sommozzatori portavano su il corpo: ognuno ci ricamava sopra, inventando  una storia di fantasia su quanto successo. ‘Si è suicidata ‘na contessa de Trastevere’ diceva uno. E un’altra rispondeva: ‘No, so’ du sorelle’. ‘No no, pare che è un cinese’ diceva un terzo, e un altro aggiungeva: ‘e mò che ci stanno cinesi a Roma?’. Ecco, il mio cinema nasce proprio da questo tipo di osservazioni, tutte tipicamente rivolte al popolo romano.”

E’ indubbio che Carlo Verdone sia stato ed è tuttora un’icona del mondo della celluloide, in chiave commedia all’italiana satirica ed ironica. Innumerevoli sono i personaggi che ha interpretato nella sua lunga carriera, ma tutti essenzialmente tratti dalla quotidianità della Capitale. Il suo scopo è stato quello di portare sullo schermo Roma ed i romani in tutte le loro possibili sfaccettature. Veramente straordinaria la sua capacità di osservare e riprodurre fedelmente la realtà.

Proprio per queste sue caratteristiche l’Università degli studi di Roma “Tor Vergata”,  ha inteso premiare con questo brillante riconoscimento il mitico ed unico Carlo Verdone.

Rispondi