Home Mondo Casa Bianca: Donald Trump ha annunciato di non certificare l’accordo nucleare iraniano.

Casa Bianca: Donald Trump ha annunciato di non certificare l’accordo nucleare iraniano.

219
SHARE
casa bianca no a certificazione accordo nucleare iraniano

Casa Bianca: Donald Trump ha annunciato di non certificare l’accordo nucleare iraniano

In un discorso alla Casa Bianca, Donald Trump ha annunciato di non certificare l’accordo nucleare iraniano. I Guardiani della Rivoluzione saranno da ora classificati come “organizzazioni terroristiche” dal Tesoro degli Stati Uniti.

Il presidente USA durante un energico discorso, ha dichiarato di non aver certificato l’accordo sul nucleare iraniano, definendolo “peggiore accordo”. Ha anche annunciato nuove sanzioni contro il regime iraniano, tra cui le guardie rivoluzionarie dell’esercito.

Non avendo certificato questo accordo, stabilito nel luglio 2015 dall’Iran e dal gruppo dei Sei, Donald Trump de facto pone il Congresso degli Stati Uniti in prima linea: “la mia amministrazione lavorerà a stretto contatto con il Congresso e i nostri alleati per riempire le numerose lacune dell’accordo, al fine di impedire al regime iraniano di minacciare il mondo con armi atomiche “, ha detto dalla Casa Bianca.  Aggiungendo ” Tuttavia, se non saremo in grado di trovare una soluzione lavorando con il Congresso e i nostri alleati, allora l’accordo sarà cancellato.

La pricipale sanzione annunciata da Donald Trump riguarda i Guardiani della Rivoluzione. I corpi di elite dell’esercito iraniano sono stati aggiunti all’elenco di personalità ed entità sotto sanzioni statunitensi, ha annunciato il Tesoro statunitense sul suo sito web. Sono accusati di “sostenere il terrorismo”.

Solo pochi minuti dopo la fine del discorso di Donald Trump, il capo degli affari esteri dell’Unione Europea Federica Mogherini,  ha ricordato che “L’accordo nucleare non appartiene a un paese, appartiene alla comunità internazionale”. “è un accordo che ha funzionato”. L’Unione europea rispetta la revisione degli Stati Uniti sull’accordo del 2015 con l’Iran, ma rende chiaro a Washington che è stato un accordo internazionale approvato dalle Nazioni Unite.

Il presidente iraniano Hassan Rohani ha denunciato un discorso fatto di “accuse infondate”. “L’accordo nucleare non può essere modificato, né può essere aggiunto ad esso un articolo o una nota”, ha detto il leader sciita “, finché i nostri interessi lo richiedono, rimarremo nell’accordo nucleare e collaboreremo con IAEA (Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica), ma se i nostri interessi non saranno soddisfatti un giorno, non esiteremo per un solo secondo e risponderemo “.

Francia, Germania e Regno Unito hanno dichiarato di essere “preoccupati per le implicazioni” della decisione del Presidente americano di non ricercare l’accordo nucleare iraniano in una dichiarazione congiunta.

L’Iran è soggetta al “regime di verifica nucleare più forte” e rispetta l’accordo sul suo programma, ha risposto al Direttore Generale dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (IAEA), in risposta al discorso del presidente americano.

Intanto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, ha salutato la “decisione coraggiosa” del presidente americano, mentre l’Arabia Saudita ha elogiato la sua “strategia ferma”.

Nel suo discorso, Donald Trump ha moltiplicato gli attacchi contro il regime iraniano, definendolo in particolare “scontroso e fanatico”. Ha denunciato inoltre, anche il comportamento della “dittatura iraniana” in Medio Oriente, affermando che è “uno dei principali sostenitori del terrorismo nel mondo”.

“Oggi annunciamo la nostra strategia e i diversi importanti passi che stiamo affrontando nei confronti delle azioni ostili del regime iraniano, per assicurare che l’Iran non possa mai, e sottolineo mai, dotarsi della bomba atomica “.

 

 

Rispondi