Home Fotografia La fotografia di Pasquale Vassallo, candida ed immacolata bellezza

La fotografia di Pasquale Vassallo, candida ed immacolata bellezza

3368
0
SHARE
La fotografia di Pasquale Vassallo, candida ed immacolata bellezza-1

La candida bellezza della fotografia di Pasquale Vassallo.

Prima di dare spazio alla fotografia di Pasquale Vassallo, è bene premettere che è necessario possedere o almeno coltivare una certa sensibilità, condita da tanta pazienza e gusto, per dar vita ad uno scatto in grado di saper emozionare chi lo ammira. Requisito imprescindibile è ovviamente l’amore incondizionato per la natura, una natura intesa in tutte le sue forme, sia terrestri che marine. Uno dei primi filosofi a riscoprire tutta la candida ed immacolata bellezza del contatto con l’ambiente che ci circonda, fu Lucrezio che nel suo “De Rerum Natura”, ci esorta ad abbandonarci ai piaceri terreni, ad abbandonarci totalmente, anima e corpo per fonderci in un contatto quasi mistico, a ciò che respiriamo e che suscita in noi sensazioni profonde.

Il prestigioso riconoscimento di National Geographic.

Prima di tutto però, occorre liberarci dall’idea incondizionata che la religione sia l’elemento generatore di ogni cosa. Dalla virtù divina non nasce mai nessuna cosa, afferma il convinto seguace di Epicuro, e nulla si riduce al nulla, bensì si trasforma. La vita, non è composta soltanto dalla religione che fa commettere agli uomini i gesti più infami e malvagi, ma da un insieme di corpi (gli atomi), indivisibili e indistruttibili che dal caos iniziale, si uniscono per creare i corpi celesti ed infine, con la morte, si disgregano, muovendosi singolarmente in uno spazio vuoto; tale vuoto, insieme alla materia, costituisce la natura della quale possiamo godere appieno, proprio grazie a queste piccole particelle (dette anche simulacri), le quali staccandosi dai diversi oggetti, entrano nel corpo, dando così vita alla vista, al tatto, all’udito, all’odorato ed al gusto. I primi due in particolare, devono essere molto sviluppati nel fotografo campano Pasquale Vassallo, la cui grande passione per la fotografia è stata di recente premiata con il prestigioso riconoscimento ottenuto da National Geographic che lo ha premiato con il secondo posto nella categoria “Natura”.

La fotografia di Pasquale Vassallo, candida ed immacolata bellezza-1

Le meraviglie dei fondali del Golfo di Napoli.

La fotografia di Pasquale Vassallo che gli ha consentito di sbaragliare la folta concorrenza del contest National Geographic, è stata quella ritraente un polpo nel bel mezzo del Golfo di Napoli; in una giornata fredda di inverno in cui il Vesuvio era eccezionalmente innevato, proprio come se fosse nell’atto di guardare il gigante che in quel mentre aveva indossato una insolita veste bianca. Pasquale Vassallo continua ad esplorare le acque di tutto il mondo; da Napoli all’Indonesia, dal Sudafrica, passando per la Malesia, e così via. E’ proprio nelle profondità di un mondo per molti versi sconosciuto, che ha cominciato ad avvicinarsi con circospezione e rispetto ai tanti organismi ed esseri viventi che lo popolano, deciso a riportare in superficie, attraverso l’immagine, tutta la loro fierezza e bellezza. La passione è però soltanto il volano che permette di spiccare il volo, la miccia che va accesa con l’arte della pazienza e della perseveranza, per trovare i momenti giusti che possano immortalare uno scatto suggestivo, destinato ad impressionare.

In simbiosi con la natura.

Non è fondamentale andare troppo lontano per stupirsi di ciò che la natura è in grado di regalarci. In fondo, come sosteneva Lucrezio, tutto è destinato a mutare ed esaurirsi e soltanto se siamo in grado di rifuggire dalla ricchezza materiale e ritrovare quella serenità imperturbabile da qualsiasi futilità, riusciamo a vivere momenti di profondo connubio con l’ambiente, un po’ come riesce a fare da anni il nostro Pasquale, con abile maestria ed immutato rispetto per i luoghi in cui lavora. Dunque chapeau alla fotografia di Pasquale Vassallo, un fulgido esempio per tutti, un insegnamento importante in un’era in cui siamo troppo assorbiti dai ritmi frenetici della vita e divorati da una globalizzazione che molto spesso ignora e distrugge la natura. Info su Pasqualevassallo.com.

Rispondi