Home Cronaca locale Giovanni Arvonio giovane chef campano e la sua Taberna del Principe

Giovanni Arvonio giovane chef campano e la sua Taberna del Principe

1688
SHARE
giovanni arvonio-taberna del principe

Giovanni Arvonio un giovane chef trentenne che si è fatto notare da chi ricerca una cucina espressiva ed identitaria.

Taberna del Principe è la creatura di Giovanni Arvonio, a Sirignano, alle porte dell’Irpinia ed al confine con l’agro nolano. Un po’ una terra di mezzo che riceve la capacità di accogliere e comunicare della provincia di Napoli e il forte legame con le proprie radici della gente irpina. Giovanni è molto legato al territorio che ritiene una fonte preziosa per chi fa cucina, sia per i prodotti agro alimentari offerti sia per la tradizione culinaria.

La sua è quindi una cucina terragna, interpretata da una mente giovane, attuale, spesso proiettata in avanti. I suoi piatti sanno divertire, c’è eleganza e personalità nell’interpretazione delle risorse che madre terra mette generosamente a disposizione. La cucina spesso è progetto di vita, racconta il proprio modo di vedere le cose e, nel caso di Giovanni Arvonio, è ben intuibile la personalità dello chef. E’ stato allievo di Gualtiero Marchesi che ha sempre divulgato un concetto di cucina che mettesse in sintonia l’eleganza, il gusto e la leggerezza.

Giovanni Arvonio – Taberna del Principe -Sirignano

Ci sono tutti questi elementi nello Chef Giovanni Arvonio che mostra sicurezza e maturità di ampio spessore. Gli va riconosciuto l’impegno di aver investito sul territorio di appartenenza. Pochi conoscono Sirignano, vecchio feudo legato alla vicina Avella, la città romana sospesa tra le vette dell’Appennino Meridionale. Fu il principe Giuseppe Caravita nel tardo 1884 a dare una identità al piccolo borgo e proprio a lui Giovanni ha dedicato il suo ristorante.

C’è grande armonia nella squadra di lavoro, sono tutti giovani sia in cucina che in sala e si lavora con entusiasmo spinti sì dalla passione, ma anche dall’esigenza di emergere in un territorio interno e poco conosciuto. Importante è stata anche la formazione con Enrico Crippa e presso l’Oasis della famiglia Fischetti a Vallesaccarda. Ma ancor di più lo è l’essere riuscito ad esprimere un proprio stile, intuibile all’assaggio dei piatti.

Taberna del Principe di recente si è rifatta il look per rafforzare la volontà di accogliere i propri ospiti nel migliore dei modi e per motivarli ulteriormente a tornare ritrovando i piatti cult di Giovanni Arvonio e scoprendo le novità in carta.

Rispondi