1500 alberi distrutti: una stagione tesa di raccolta delle olive nei territori palestinesi

L’olivicoltore palestinese Muhammed Al-Hajj Muhammad è rimasto scioccato quando è entrato nel suo frutteto questa settimana. Più di un centinaio dei suoi ulivi sono stati trovati gravemente danneggiati: la corteccia attorno al tronco è stata tagliata con un’accetta o una sega. “È completamente morto”, dice, mentre raccoglie un ramoscello secco da un albero. “L’acqua non può più raggiungere le foglie.”

Quando esattamente ciò sia accaduto, l’olivicoltore non è noto. L’esercito israeliano non sempre gli permette di entrare nel suo paese. Ma dubita da dove provengano i colpevoli: da uno degli insediamenti israeliani intorno al suo villaggio di Jalud. “È un dramma”, dice Hajj Muhammad. “Mio nonno ha piantato quegli alberi 55 anni fa.”

Le prime piogge autunnali di ogni anno segnano l’inizio della stagione della raccolta delle olive nei territori palestinesi. È un evento festivo in calendario per molte famiglie. Ma ogni anno c’è molta violenza tra coloni israeliani e contadini palestinesi. E dopo un forte aumento della violenza dei coloni negli ultimi mesi, molte persone si stanno preparando.

Più di 600.000 coloni israeliani vivono in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, tra circa 3 milioni di palestinesi. Ecco dove sono quei punti:

READ  Chiamare gli olandesi in Afghanistan: Parti al più presto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24