41 miliziani civili uccisi in Burkina Faso, dopo due giorni di lutto nazionale

In Burkina Faso sono stati dichiarati due giorni di lutto nazionale. Giovedì scorso, il governo ha dichiarato che sono stati uccisi 41 membri di una milizia civile che combatte gli estremisti islamici con il sostegno del governo. I miliziani sono caduti in un’imboscata in una zona desertica nel nord del Paese.

Non si sapeva chi ci fosse dietro l’attacco ai miliziani. Nella regione sono attivi gruppi combattenti legati a gruppi terroristici islamici come Al-Qaeda e ISIS. Svolgono regolarmente attacchi o attaccano le forze governative in Burkina Faso, così come nei paesi vicini Mali e Niger. L’attacco del mese scorso ha ucciso 53 membri del Burkinabe Marichosse.

L’imboscata di giovedì ha provocato il maggior numero di vittime in un solo giorno per i volontari per la difesa della patria (VDP), come viene chiamata la milizia civile. VDP è stato istituito all’inizio del 2020 e deriva da altre milizie civili. Con la creazione del VDP, il governo e l’esercito volevano controllare le milizie civili.

Secondo il governo, il VEP doveva diventare un gruppo di combattimento onnicomprensivo con membri di tutti i gruppi della popolazione. L’attivo, tuttavia, è principalmente il Musi, un gruppo di popolazione che costituisce più della metà della popolazione del Burkina Faso. Sono accusati di fomentare violenze tra le diverse etnie del Paese.

READ  Temperature record vicine ai 20 gradi in Alaska: 'ridicole' | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24