5 strane motociclette mai usate in guerra

Nella seconda guerra mondiale furono utilizzati i veicoli più strani e sorprendenti della seconda guerra mondiale. Per battere il nemico, niente sembra troppo folle. I Funnies di Hobart è diventato famoso in tutto il mondo ea volte si è dimostrato eccezionalmente buono. Che sia la creatività sfrenata di quel periodo oscuro, una convinzione esagerata nella meccanica o apertamente, incrociamo le dita e vediamo se questa speranza funziona, fino ad oggi ispirando designer, registi e designer di fabbrica in tutto il mondo in generale. Non che siamo troppo ossessionati da questi veicoli, ma le 5 migliori bici pazze della Seconda Guerra Mondiale, in nessun ordine particolare, vengono prodotte in pochissimo tempo. Scopri cosa può succedere quando hai una guerra da vincere, un finanziamento del governo che ti salverà e un presidente generale che non accetta “è un’idea pazza” come risposta.

5. Kellinger e Freund (1938)

Questa moto non è proprio una “motocicletta da battaglia”. Invece, l’esclusiva motocicletta Killinger & Freund fu scoperta dalle forze di occupazione statunitensi dopo la fine della guerra nel 1945.

La motocicletta Art Deco è stata originariamente realizzata a mano nel 1938, ma lo sviluppo è stato interrotto piuttosto che accelerato a causa della seconda guerra mondiale. Tuttavia, la storia della motocicletta è strettamente legata all’epoca e si è evoluta dalla stessa mentalità del “cielo blu” prebellico che qui ha dato vita a molte altre motociclette.

Il blocco motore era nella ruota.

La bici sembra più un esercizio di artigianato tecnico che un design destinato a risolvere un problema o una sfida urgente: il propulsore è montato interamente sulla ruota anteriore. Sì, avete letto bene.

Traccia dell’Olanda settentrionale lungo i rottami di aerei della seconda guerra mondiale

E mentre questo è utile perché puoi semplicemente sostituire le ruote del motore e fermarti con una nuova, presenta anche una serie di sfide di progettazione, come come fornire carburante a un motore acceso e azionare l’elettronica e il controllo dell’acceleratore ai carburatori.

READ  Dopo Ali B, suo cugino ha rubato ora sì, guarda

Nonostante tutti questi fastidi mentali, secondo quanto riferito, la motocicletta era completamente riparabile e spedita negli Stati Uniti, dove si trova ancora oggi. E sebbene non abbia l’hardware e le capacità fuoristrada delle bici sottostanti, Killinger & Freund non manca certo di creatività. Immagina se questa idea fosse entrata in produzione dopo la guerra?

4 – NSU Kettenkrad HK 101 (1944)

Come una concept car del film Captain America, la NSU Kettenkrad o motocicletta “sprocket” (se si può ancora nominarla) è stata sviluppata dai tedeschi alla fine della guerra nel tentativo di superare i problemi delle motociclette militari che si impantanavano nella palude , primavera e autunno umidi e fangosi d’Europa . Tuttavia, avresti visto la leadership della NSU se avessi prestato molta attenzione durante il salvataggio del soldato Ryan.

Con un peso incredibile di 1.200 kg, si è dimostrato eccezionale nel fango, ma ha perso questo vantaggio ribaltandosi durante l’imbarco, esponendo i passeggeri a colpi di arma da fuoco. Con una moto a due ruote normale, più veloce, questo non era possibile.

La NSU poteva trainare fucili o un carro e trasportare tre soldati, ed era alimentata da un motore Opel a quattro cilindri e dotata di cambio a tre velocità. Con una potenza di 36 cavalli raggiungeva i 70 km/h su strada e circa 45 km/h in campo.

E mentre gli oggetti presentati qui erano disarmati, molte delle iterazioni lo erano. Un’aggiunta comune era il posizionamento della mitragliatrice MG 34 sull’area rialzata tra il conducente e i passeggeri.

3. Böhmerland 600 cc (1932)

A differenza della NSU Kettenkrad, Böhmerland era un progetto prebellico della Cecoslovacchia che sta ancora combattendo nei suoi ultimi giorni. Böhmerland è stato utilizzato principalmente per la sua durata e la grande fonte di energia. Nella versione laterale c’era posto per quattro persone. La lunghezza della motocicletta era di oltre tre metri e poteva raggiungere i 120 km/h. Almeno se hai il coraggio di inseguire il gigante così in fretta.

READ  Presto sarà possibile: dormire in un'astronave galattica per 1.000 euro a notte

Il comportamento in curva del Böhmerland è stato terribile, anche la minima flessione è stata sufficiente per rallentare il motore praticamente per impedirne il ribaltamento.

Questa motocicletta era una stranezza che divenne più utile per le forze di occupazione tedesche di una motocicletta militare. Böhmerland è stato prodotto in una versione militare, ma dire che ha avuto un impatto significativo sull’esito della guerra sarebbe un’esagerazione.

Altri fatti interessanti sono che la linea del carburante era lunga oltre 6 piedi, il sistema di pressione dell’olio è stato progettato per coprire i motociclisti con uno spesso strato di oro nero e il design della forcella anteriore era complesso come il razzo V2 medio. Non avevano sentito parlare di steampunk in quegli anni, ma Böhmerland ci è andato vicino.

2. Moto Guzzi “Mulo meccanico” (1960)

Gli italiani hanno gareggiato anche con piloti molto esotici, pur non avendo sorpassato i tedeschi, come testimonia la piuttosto bella Moto Guzzi. Progettati per l’alpinismo e in alternativa ai muli, sono tradizionalmente utilizzati dalle forze armate italiane per il trasporto via terra di attrezzature nelle regioni montuose del nord del Paese.

Era una moto 3WD. E così la potenza è stata erogata a tutte e tre le ruote. Quindi la bici era più che capace quando si trattava di superare gli ostacoli. E con 20 anni di sviluppo e ingegneria dalla seconda guerra mondiale, Moto Guzzi ha costruito un triciclo con un impressionante cambio a sei marce, retromarcia, differenziale convertibile e persino un sistema di ripartizione della coppia che inviava l’80% della potenza alla ruota posteriore e al resto alla ruota anteriore.

READ  Dopotutto, un vecchio carro non si trova nel Camp Westerbork Memorial Center

Da Capo Nord a Capo Sud: 30.000 km in sella

Sfortunatamente, sul campo, la bici non ha soddisfatto le aspettative e diversi motociclisti sarebbero morti dopo che la macchina pesante si è ribaltata su di loro su un terreno accidentato. Dopo 20 anni, il Mulo Meccanico non è andato meglio dell’imperfetto tedesco Kettenkrad. Ma gli ingegneri sono passati a pieni voti in termini di aspetto.

1 – Moto Chenille Mercier (1939)

L’esercito francese all’inizio degli anni ’30 chiese a Rene Gillette (spesso chiamato Harley-Davidson in Francia), che era stato “militarmente interessato” ai veicoli semicingolati dagli anni ’20, di testare l’applicabilità delle motociclette sui carri armati su una pista fuoristrada. Il risultato è stato il padre della moto che vedete qui.

Era più di una semplice motocicletta tradizionale con una pista simile a un carro armato montata sul telaio originale. Tuttavia, fu sufficiente per mantenere l’interesse dell’esercito francese.

Quindi Moto Chenil ha creato questo piccolo miracolo. Nonostante il bellissimo motore JAP e il design innegabilmente accattivante, il raffreddamento effettivo della bici era fornito da un esclusivo sistema di ventole e tubi utilizzato per dirigere l’aria quando necessario.

I rapporti suggeriscono una sana velocità massima e facilità d’uso soppresse dal sistema di binari altamente lunatico. È stato anche notato che in un test contro una motocicletta francese standard dell’epoca, la Moto-Chenille era più lenta, più assetata e (sorprendentemente) meno capace quando arrivò il momento di attraversare un fosso fangoso. Ma quello che la bici ha fatto davvero bene è stata la salita. Anche la ruota anteriore si è piegata, cosa che è successa spesso.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24