Abdeslam è entrato in un bar indossando una cintura esplosiva la notte degli attacchi di Parigi e ha cambiato idea

Disegno in tribunale del principale sospettato Salah Abdeslam.foto AFP

“Vado in una caffetteria, ordino da bere, guardo le persone intorno a me e mi dico: ‘No, non lo farò.'”

Abd al-Salam aveva dichiarato durante il processo che non voleva usare la sua cintura esplosiva e che l’aveva gettata in un bidone della spazzatura. Non disse allora di essere già entrato nel caffè.

All’inizio della giornata, un altro sospetto, Mohamed Abrini, ha dichiarato di sospettare che il suo amico Abdus Salam avesse paura di commettere l’attacco. Secondo Abrini, Abd al-Salam aveva poi detto ad altri terroristi nel loro nascondiglio di “averci provato, ma la giacca non funzionava”. Quindi chiamalo a rendere conto. “Perché non hai preso un accendino o un mozzicone di sigaretta per farti saltare in aria?” Tuttavia, Abrini non credeva alla storia: “Non ha osato, ecco tutto”.

il termine

Il 13 novembre 2015, un totale di 130 persone sono state uccise sugli spalti, in uno stadio e nella sala da concerto Le Bataclan di Parigi. Solo Abdeslam si è legato la cintura suicida ed è scappato ed è stato arrestato quattro mesi dopo a Molenbeek a Bruxelles.

Mercoledì è una delle rare occasioni in cui Abdeslam si è pronunciato: si è costantemente rifiutato di collaborare alle indagini e ha organizzato un altro processo in Belgio nel 2018 (durante il quale è stato processato per coinvolgimento nella sparatoria di una squadra investigativa della polizia belga) . stretti insieme. Durante il processo a Parigi, ha per lo più invocato il suo diritto di rimanere in silenzio e, con sorpresa di tutti, Abdeslam ha colto l’ultima occasione per parlare mercoledì per fornire risposte.

subordinato a una persona

In totale, sono state presentate accuse contro 20 persone e Salah Abdeslam è stata la più importante di loro. Altri sospettati sono complici. Ad esempio, hanno organizzato il trasporto, fornito passaporti o fornito alloggio. Si dice che Mohamed Abrini abbia aiutato nei preparativi e scortato i terroristi a Parigi prima di tornare rapidamente in Belgio. È conosciuto come l'”uomo con il cappello” fuggito quattro mesi dopo gli attacchi all’aeroporto belga di Zaventem.

Al termine della sua dichiarazione, Abrini si è rivolto ai parenti delle vittime. Cosa sarebbe dovuto succedere il 13 novembre. Non uccidiamo donne e bambini, la guerra avviene tra soldati. Chiedo scusa.’

READ  La Russia minaccia di interrompere ulteriormente le forniture di gas all'Europa | Economia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24