Al Taco Dunkers di Broadcaster ON! Gli ebrei lo facevano spesso?

L’arrivo di un gran numero di rifugiati in Europa? Organizzatore Da Israele e dagli ebrei di altri paesi, che vogliono società bianche indebolire. Passato di schiavitù olandese? Arriva al 50 percento calcolare degli ebrei. E perché gli ebrei vogliono vivere anche fuori da Israele, mentre sono interamente in quei “paesi ospitanti”? non mi piace essere?

Sentendo le dichiarazioni di Taco Dankers nelle interviste e leggendo i tweet e i post della sua organizzazione Gefira, Hanna Luden ha la pelle d’oca. “Mi fa male fisicamente”, dice il direttore del Center for Documentation Information Israel (CIDI). Edo Verdoner, il coordinatore nazionale per la lotta all’antisemitismo, vuole consultare l’accusa. Secondo lui è Gefira . Bollettino Settembre è pieno di “odio puro” e “un manifesto che sembra uscito dalla seconda guerra mondiale”.

Dankers (56) non è noto al grande pubblico, ma come presidente del consiglio di sorveglianza è un uomo forte a Ongehoord Nederland (ON). Il sito afferma che “vuole utilizzare le intuizioni acquisite negli ultimi anni per ‘monitorare la traiettoria dell’emittente ON.'” Questa nuova emittente ha più di 50.000 membri e vuole trasmettere sui canali pubblici a partire dal 1 gennaio. Dankers, che sarà anche presidente del consiglio dei membri fino a questo autunno, è Il supervisore che giudica le prestazioni del personaggio principale, Arnold Karskins.

Ungehoord Nederland vuole, come dice sempre il regista Karskens, “fare luce dall’altra parte del globo”. Sulla base di affermazioni politicamente scorrette e spazio per pensatori testardi. In linea con il Forum dei partiti politici per la democrazia e PVV, ON è anti-immigrazione, critico nei confronti dell’Unione europea e contrario alle politiche che danneggiano le persone vulnerabili. Uno dei fondatori di ON, Haye van der Heijden, ha dichiarato alla fine del 2019 che anche i negazionisti dell’Olocausto potevano parlare, ma per Karskens questo è il limite. Karskens è un combattente nazista, e secondo L’ON Policy Plan fornisce notizie più positive su Israele rispetto ad altri media. Nel 2019, Karskens ha fatto causa a NOS a causa di Presunto antisemitismo nei rapporti. Sorprendentemente, il suo supervisore, Taco Dankers, fa dichiarazioni antisemite e afferma che Israele viene screditato attraverso il suo think tank Jefaira.

READ  F2 in Gran Bretagna | Zoo vince in modo convincente, Vershor vicino al podio

Dankers è originario di Gelderland e si è trasferito ad Amsterdam negli anni ’80, dove ha studiato fisica e filosofia. Dopo la sua carriera di imprenditore IT di successo, è entrato per la prima volta nel dibattito pubblico nel 2009. Si è candidato alle elezioni europee per Newropeans, predecessore dell’odierna Volt. Il punto principale all’ordine del giorno era la democratizzazione dell’UE: più cittadini devono essere ascoltati. Il leader del partito olandese Neurobins ha descritto il suo partito nel 2009 come “una specie di D66 europeo”.

Su Twitter, Taco Dunkers difende il regime dell’apartheid in Sudafrica

Da allora, i Dankers hanno subito una trasformazione politica. Nel quartiere in cui vive con la sua famiglia, il numero di olandesi di origine immigrata è in aumento. Ciò causa disordini a Dankers. Nelle interviste online su ON Avvisare Ha parlato con esitazione e pensieroso del “reinsediamento” dell’Europa e della fine della civiltà occidentale. Essendo un olandese bianco, teme di diventare una minoranza. su Twitter arrampicarsi È l’ex apartheid del Sud Africa. L’apartheid è nato perché gli africani/non potevano costruire una società da soli… l’apartheid è più comune di quanto si pensi. Anche i lavoratori pakistani non possono entrare nei centri commerciali di Dubai e Qatar. Tutti lo adorano! “

nella lista elettorale

Véronique Swinkels conosce Dankers dai tempi dei Newropeans. Swinkels è terzo nelle liste elettorali del 2009 e Dankers è quarto. Fa campagne nei Paesi Bassi. Dankers è membro del consiglio di amministrazione del partito paneuropeo. Newropeans non ha vinto seggi nel 2009. Dankers scrive per la rivista Newropeans invisibileche analizza gli sviluppi geopolitici. Gestisce anche la Fondazione di Sostegno Gefira. È stata fondata nel 1987 dal francese Franck Biancheri, il padrino dei Nuroban.

Lo spostamento a destra di Dankers si è manifestato per la prima volta intorno al 2012, dopo la morte di Biancheri. “Taco voleva andare d’accordo con Geab ed è entrato sempre più in conflitto con Mary Helen Caillol, la compagna di vita di Biancher”, dice Swinkels. Dankers si unisce a Bart Kruitwagen, che si è classificato secondo nella lista elettorale di Newropeans nel 2009. Dopo la morte di Biancheri, Kruitwagen è l’unico pilota per Gefira, che include gli abbonamenti alla rivista Geab.

Nel 2015, il conflitto è giunto al culmine quando Dankers e Kruitwagen hanno accusato le altre persone dietro i Newropeans di compromettere il patrimonio europeo. Entrambe le parti prendono le distanze dall’Unione europea, che ritengono non sia stata democratizzata, e si oppongono all’accoglienza di un gran numero di richiedenti asilo durante la crisi dei rifugiati. Acquisiscono Gefira, inclusi siti Web e contatti collegati nel database. I due prendono esattamente la strada giusta.

READ  Cosa sta succedendo tra Turchia e Italia?

Secondo Véronique Swinkels, si parlava di un “colpo di stato”. “Abbiamo assunto degli avvocati per riprenderci la fondazione e il denaro ad essa associato. Poiché Kruitwagen era l’unico autista rimasto per la Gefira, non ha funzionato”, dice.

Dalla Francia, Marie Helen Cayol parla del “tradimento” di Dankers e Crotvagen. Secondo Caillol e Swinkels, c’erano “tonnellate” nella serra di Gefira, che ora saranno utilizzate per l’agenda dell’estrema destra. Ciò che fa più male a Caillol è che una foto del suo defunto partner Biancheri di Dankers e Kruitwagen è ancora sul suo sito web. Newropeans . magazine mostrato. “Mentre Frank aborriva il loro corso attuale.”

I membri di D66 ricordano i compagni Dankers come un bravo ragazzo che condivideva grandi teorie

L’anno in cui Dankers ha svoltato a destra con Gefira, era in piedi durante la conferenza D66 a Rotterdam. Lì iniziò una conversazione con il giovane membro del D66 Jasper Simmons, che voleva convincerlo che gli investimenti europei in progetti di energia verde dovrebbero iniziare più rapidamente. “Perché non lasciare che la BCE emetta obbligazioni di sostenibilità”, afferma Dankers nel 2015 nella rivista dei membri D66. citato. I membri del partito che hanno lavorato con Dankers in un gruppo tematico sull’economia hanno bei ricordi di lui. “Una persona vivace ed entusiasta”, ha scritto via email Evo Thijsen, ora supervisore presso l’Autorità olandese per i mercati finanziari. “Pro-europeo, progressista nelle sue idee”. Il professore emerito di logistica e tecnologia Joseph Evers è stato “eccellente con il taco”. Descrive Dankers come “non convenzionale e arguto”, cosa che ha notato, ad esempio, quando scriveva documenti congiunti sul mercato finanziario. “È una bella persona con cui parlare”, afferma l’economista e coach di management Peter Clotters. Ha inventato “teorie brillanti” a volte inclini a idee cospirative”.

Dopo il 2015, Dankers non sarà più visto nella D66. Evers ha ricevuto un altro invito per venire a Jefaira, ma non ha avuto il tempo e “non gli è piaciuta la direzione”. Dankers costruisce Jefaira Insieme a Kruitwagen in un centro di ricerca con personale in diversi paesi europei. I proventi provengono dalla newsletter di Gefira, tra l’altro, che analizza la situazione geopolitica come Geab. Alla fine del 2016, Gefira è entrata per la prima volta sotto i riflettori. Sulla base dei dati satellitari, Dankers sostiene che i trafficanti di esseri umani, le organizzazioni umanitarie, la mafia, l’Italia e l’Unione europea stanno lavorando insieme per cacciare i migranti, con il pretesto di aiuti, dal Mediterraneo e contrabbandare in Europa. L’articolo di Gefira è stato hackerato dal sito web della destra radicale americana zero Svolge un ruolo nel dibattito italiano e svedese sull’accoglienza dei rifugiati.

READ  Puck Moonen su Forfait LBL: "Sono un reclutatore per concorsi per i quali non sono pronto"

Dankers va rapidamente oltre nelle sue dichiarazioni. Ad esempio, nel 2017, un file intervistare Nella pubblicazione americana di estrema destra recensione di Barnes, Prende il nome dal negazionista americano dell’Olocausto Harry Elmer Barnes. In questa intervista, Dankers concorda sul fatto che l’arrivo di un gran numero di immigrati in Europa è reso possibile in parte da ONG finanziate da ebrei. Ma anche i sostenitori dell’immigrazione di massa, “i Rothschild e gli ebrei che promuovono un programma”, stanno cominciando a vedere che “non funzionerà”, dice Dankers. Perché secondo lui, in pochi anni gli abitanti bianchi d’Europa si renderanno conto che il loro futuro è in pericolo.

Dichiarazioni su Israele

L’intervista di Barnes corrisponde a uno schema di espressioni simili che la Fondazione Dunkers-Jeffira fa sul sito, su Twitter e nella newsletter. Su Twitter, tra gli altri, scritto Che dietro la guerra in Siria e il flusso di profughi in Europa c’è Israele. Edu Verdoner, nominato su insistenza della Camera dei Rappresentanti, vede il ritorno dei “secolari proverbi antisemiti”.

Ad esempio, secondo Gefira, il passato della schiavitù olandese è “destinato” 50 percento” In nome degli ebrei. Secondo gli esperti, ciò è contrario ai fatti storici e alla “classica propaganda antisemita”, afferma lo storico Pete Emmer.

Nel febbraio 2019, Jefaira si è lamentata del fatto che gli Stati Uniti si sono impegnati a proteggere gli ebrei di tutto il mondo. L’autore è “The Board”, di cui Dankers è membro come direttore. Articolo Si pone la domanda “Perché le persone – specialmente se hanno un proprio stato – insistono a vivere in un altro paese che non amano particolarmente?” Secondo Fredner, l’intero contributo è “costruito come un manifesto profondo e profondamente antisemita che rivaleggia con l’ideologia nazista tedesca”. Nel bollettino di settembre di Jefaira, gli ebrei Lingua della pagina Sospetti, anche mettendo in dubbio la loro lealtà verso i paesi in cui vivono.

Dankers, Karskens e Kruitwagen vogliono il contrario Consiglio norvegese per i rifugiati Non rispondere alle dichiarazioni antisemite. “Riguarda il contenuto”, ha detto Dankers alla porta del suo ufficio a casa sua.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24