Almeno 27 persone sono morte in due incidenti con barche di migranti vicino alla Grecia

Almeno 27 persone sono morte in due incidenti di barche di migranti vicino alle isole greche. Lo riferisce la guardia costiera locale.

Un’imbarcazione che trasportava migranti è affondata venerdì vicino all’isola di Paro, nel Mar Egeo. La guardia costiera greca ha detto che 16 corpi, tra cui un bambino, sono stati recuperati e 63 persone sono state salvate.

Poche ore prima, la Guardia Costiera ha tirato fuori dall’acqua 11 corpi altrove. Si tratta di persone su una barca con un centinaio di rifugiati e migranti bloccati giovedì su un’isola nel sud della Grecia. Circa 90 persone, tra cui 27 bambini, sono state evacuate venerdì mattina dall’isola, a nord di Antikythera, a metà strada tra Creta e la Grecia continentale. Un funzionario della guardia costiera ha affermato che l’operazione di salvataggio è continuata perché non era chiaro quante persone fossero a bordo della nave.

Anche il giorno prima, le persone che hanno cercato di raggiungere l’Europa avevano perso la vita. Almeno tre migranti sono morti mercoledì quando una barca è affondata nel Mar Egeo vicino all’isola di Folegandros. Dozzine di migranti a bordo risultavano ancora dispersi venerdì. Tredici persone sono state salvate, per lo più dall’Iraq ma anche dalla Siria e dall’Egitto.

I migranti tentano di raggiungere la Grecia continentale o l’Italia attraverso la costa turca dell’Egeo o altri paesi del Mediterraneo orientale. La guardia costiera greca sospetta che negli ultimi mesi 11.000 persone abbiano potuto recarsi in Italia. Non ci sono dati ufficiali sul numero dei morti.

Sea-Watch salva 180 migranti nel Mediterraneo

I volontari dell’organizzazione umanitaria tedesca Sea-Watch hanno soccorso da venerdì a sabato circa 180 migranti su una barca nel Mediterraneo. Sabato, l’organizzazione umanitaria ha affermato che circa 270 persone sono ora a bordo della Sea-Watch 3.

READ  Cosa sta succedendo tra Turchia e Italia?

L’equipaggio della Sea-Watch 3 è arrivato venerdì nella sua zona di operazioni nel Mediterraneo centrale e ha iniziato rapidamente il salvataggio dei primi naufragi in acque internazionali a sud dell’isola italiana di Lampedusa.

Finora quest’anno, il numero di migranti che arrivano in barca è del 47% in più rispetto al 2020. Le operazioni di soccorso da parte di organizzazioni umanitarie private, che di solito portano i migranti soccorsi in Sicilia, sono politicamente controverse in Italia e nell’Unione Europea.

I critici dicono che sarebbe meglio se i criminali non potessero mettere a rischio così tante persone. Alcuni ministri degli interni dell’UE sospettano che le organizzazioni umanitarie stiano cooperando con i trafficanti di esseri umani libici. Le Ong negano e affermano di essere nel pieno rispetto delle leggi internazionali. La loro critica è che l’UE sta guardando impotente.

Un’imbarcazione che trasportava migranti è affondata venerdì vicino all’isola di Paro, nel Mar Egeo. La guardia costiera greca ha detto che sono stati recuperati 16 corpi, tra cui un bambino, e sono state salvate 63 persone.Poche ore fa, la guardia costiera ha recuperato 11 corpi da altri luoghi. Si tratta di persone su una barca con un centinaio di rifugiati e migranti bloccati giovedì su un’isola nel sud della Grecia. Circa 90 persone, tra cui 27 bambini, sono state evacuate venerdì mattina dall’isola, a nord di Antikythera, a metà strada tra Creta e la Grecia continentale. Un ufficiale della Guardia Costiera ha spiegato che l’operazione di salvataggio è continuata perché non è chiaro quante persone ci fossero sulla nave, e anche il giorno prima hanno perso la vita persone che cercavano di raggiungere l’Europa. Almeno tre migranti sono morti mercoledì quando una barca è affondata nel Mar Egeo vicino all’isola di Folegandros. Dozzine di migranti a bordo risultavano ancora dispersi venerdì. Tredici persone sono state salvate, per lo più dall’Iraq, ma anche dalla Siria e dall’Egitto, ei migranti stanno cercando di raggiungere la Grecia continentale o l’Italia attraverso la costa turca dell’Egeo o altri paesi del Mediterraneo orientale. La guardia costiera greca sospetta che negli ultimi mesi 11.000 persone abbiano potuto recarsi in Italia. Non ci sono dati ufficiali sul numero dei morti. I volontari dell’organizzazione umanitaria tedesca Sea-Watch hanno soccorso da venerdì a sabato circa 180 migranti su una barca nel Mediterraneo. Circa 270 persone a bordo della Sea-Watch 3 sono state tra le prime scacciate in acque internazionali a sud dell’isola italiana di Lampedusa, ha detto sabato l’organizzazione umanitaria. E in Italia, quest’anno, il numero di migranti arrivati ​​in barca è aumentato di circa il 47% rispetto al 2020. Le operazioni di soccorso da parte di organizzazioni umanitarie private, che di norma soccorrono i migranti, li portano in Sicilia sono politicamente controverse in Italia. e l’Unione Europea. I critici dicono che sarebbe meglio se i criminali non potessero mettere in pericolo così tante persone. Alcuni ministri degli interni dell’UE sospettano che le organizzazioni umanitarie stiano cooperando con i trafficanti di esseri umani libici. Le Ong negano e affermano di essere nel pieno rispetto delle leggi internazionali. La loro critica è che l’UE sta guardando impotente.

READ  La battaglia navale per i candidati | il tempo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24