Altri licenziamenti di gioco dopo una massiccia protesta anti-sessista presso la società di giochi Activision Blizzard

Diverse centinaia di dipendenti Activision Blizzard stanno protestando contro l’atteggiamento lassista della leadership della loro azienda.Statua di Allen J. Chapin/Getty

Altri tre grandi uomini di Activision Blizzard possono fare i bagagli dopo le lamentele sul sessismo. Nella società più piccola Respawn Entertainment, un game designer è stato licenziato dopo che sono emersi post di blog sessisti e razzisti. Gli eventi arrivano sulla scia di una diffusa protesta dei dipendenti Blizzard contro la discriminazione di genere sul posto di lavoro due settimane fa.

I dipendenti di Activision Blizzard hanno protestato contro la cultura del “frat boy” all’interno dell’azienda di giochi, creando giochi come Call of Duty in un Il mondo di Warcaft Fare. La posizione del senior management, in particolare, è stata una spina nel fianco. Lo stato della California ha citato in giudizio l’azienda dopo approfondite indagini sulla discriminazione di genere, con il funzionario che ha immediatamente negato che ci fossero problemi. Secondo i dipendenti indignati, le lamentele sul comportamento transfrontaliero e la discriminazione sono state ignorate per anni sia dalle risorse umane che dai superiori.

Bobby Kotik

Il CEO di Activision Blizzard, Bobby Kotick, ha promesso una pronta guarigione. I dipendenti responsabili saranno licenziati. La società ha confermato mercoledì che i due presidenti dirigeranno e progetteranno il gioco ancora da rilasciare Diablo IV Mandato via, più designer da mondo di lattine. Blizzard non ha confermato se gli uomini siano stati licenziati a causa di denunce di sessismo.

La scorsa settimana, la testa di Blizzard, J. Allen Brack. Era uno dei pochi menzionati per nome nello studio. Si dice che Barak abbia ignorato molte lamentele su comportamenti illeciti, discriminazioni e ritorsioni. Questi includevano lamentele su Alex Afrasiabe, che è stato licenziato l’anno scorso, il direttore creativo di mondo di lattineche era noto per molestare le donne. La sua camera d’albergo è stata battezzata “Cosby Suite” durante la BlizzCon nel 2013, in onore dell’attore Bill Cosby, che è stato successivamente condannato per aggressione.

Inizialmente, le persone coinvolte hanno negato che il soprannome si riferisse a Bill Cosby e ai suoi misfatti, ma presto le foto dei membri dello staff Blizzard che sorridevano ampiamente insieme a una foto dell’attore nella suite erano un segno che alcuni pensavano che fosse un’idea divertente in quella suite che potrebbe aver aggredito le donne. Il sito di giochi Kotaku ha trovato screenshot di conversazioni di quel periodo, pubblicate pubblicamente su Facebook, in cui Afrasiabi e i suoi colleghi si vantano di tutte le “belle ragazze” che porteranno allo stand.

Discriminazione in base al sesso e al razzismo

I vecchi messaggi Internet hanno anche ucciso un impiegato dell’American Respawn Entertainment. Daniel Klein, progettista senior Leggende ApexVenerdì ha confermato le sue dimissioni. Su Twitter, i post del blog di Klein del 2007 (allora poco più che ventenne e non ancora lavorando nell’industria dei giochi) chiamavano il cromosoma XX un “cromosoma in ritardo” e scrivevano dei suoi vicini africani: “A volte do loro briciole di pane. Se gli dai da mangiare, torneranno e lanceranno l’intero posto.

Il sessismo nel mondo dei giochi ha una lunga storia. Ai BlizzCon Games 2010, una donna mondo di lattineUn fan ha riso davanti a una casa affollata dai creatori quando ha chiesto perché tutti i personaggi femminili sembravano usciti dal suo catalogo di biancheria intima. Nel 2014, le denunce pubbliche delle donne nel mondo dei giochi su violenza sessuale, discriminazione di genere e misoginia hanno portato a Gamergate, una diffusa campagna di misoginia.

Nel frattempo, Riot Games, il produttore di League of Legends, accusato anche di discriminazione sessuale dallo stato della California – il caso è ancora pendente. Alla francese Ubisoft, le teste si sono voltate indietro l’anno scorso quando sono emerse lamentele per comportamenti illeciti. Nel frattempo, Daniel Klein ha twittato di essersi pentito dell’emergere di post sul blog perché aveva “lavorato sodo” per crescere come persona. Si ritiene che le pubblicazioni siano state cercate per danneggiarlo.

READ  Horizon Forbidden West Standard Edition su PS4 riceve ancora un aggiornamento gratuito per PS5 - Giochi - Notizie

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24