Anche le protesi mammarie fisse non sono sicure e i ricercatori vogliono vietare le protesi in silicone

Anche con le protesi mammarie solide, che fino ad ora erano considerate sicure, le particelle di silicone possono sfaldarsi. Questo è quanto pubblicato oggi da una ricerca internazionale su Rivista medica JAMA, AVROTROS Consumer Reports Program radar.

Nell’87 percento delle 400 donne studiate con protesi mammarie solide o liquide, le particelle dell’impianto sono state trovate in altre parti del corpo, compreso il cervello. Inoltre, le reazioni infiammatorie nel corpo sono apparse nel 92,5% delle donne.

Le protesi mammarie in silicone solido sono state la norma sin dagli anni ’90, sostenendo di essere un’alternativa sicura alle protesi in gel di silicone liquido. Ma la ricerca ora mostra che non c’è differenza negli effetti sulla salute tra le vecchie e le nuove protesi al silicone.

Reclami più tardi al massimo

“Precedenti ricerche degli anni ’90 hanno già dimostrato quanto siano dannosi questi siliconi liquidi e qual è la relazione causale con i reclami”, ha affermato il ricercatore Henry Dijkman. radar. “Lo stiamo dimostrando ora: è lo stesso con i nuovi prodotti. Al massimo, i reclami sui nuovi prodotti compaiono più tardi”.

Sembra anche che nel 99% dei casi le particelle di silicone fuoriescano o sudano. Gli scienziati dicono: “L’uso di protesi mammarie al silicone dovrebbe essere interrotto fino a prova di sicurezza”.

Il ricercatore Dijkman vuole che le compagnie assicurative rimborsino le rimozioni di impianti alle donne che hanno lamentato di conseguenza. Questo non accade sempre ora.

ricerca

La scorsa estate, RIVM, insieme a medici di base e istituzioni educative, ha iniziato uno studio quadriennale sulle protesi mammarie. Più di 200.000 donne nei Paesi Bassi hanno impianti.

READ  Anteprima FIFA 22 - La prima versione "reale" della prossima generazione di FIFA

Le istituzioni stanno studiando se esiste un legame tra protesi mammarie al silicone e disturbi di salute, come affaticamento cronico e disturbi articolari.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24