Ancora nessuna ricostruzione a Gaza: “Perché dovrebbero aiutarci?”

L’escalation di maggio non è stato affatto il primo conflitto tra Israele e Hamas. Negli ultimi quindici anni, le due parti hanno combattuto diverse guerre sanguinose. Anche dopo questo scoppio di violenza, non sono stati ancora in grado di raggiungere un accordo su una tregua a lungo termine.

La mancanza di penetrazione politica è il motivo per cui molti paesi donatori ricorrono al controllo del proprio denaro. È difficile investire nella ricostruzione, afferma il rappresentante dell’Unione europea nella regione, finché il ciclo delle violenze non sarà terminato. “Il conflitto a Gaza”, ha detto l’inviato Ue Sven Kon von Burgsdorff.

Anche altri paesi sono riluttanti a ritirare il portafoglio. La maggior parte degli abitanti di Gaza non ha le risorse per ricostruire da sé le proprie case. La disoccupazione nella regione è intorno al 50 per cento e molte famiglie vivono in condizioni di povertà.

tunnel o armi

Un altro problema è l’enorme carenza di materiali da costruzione. Israele ed Egitto controllano i confini della Striscia di Gaza, una piccola area grande il doppio dell’isola di Texel. Il cancello principale è sul confine israeliano, ma Israele non consente né limita l’accesso a molti oggetti, temendo che Hamas li trasformi in tunnel o armi. Ad esempio, a giugno e luglio non erano ammessi materiali da costruzione.

Nel frattempo, Israele ha allentato una serie di restrizioni, consentendo l’arrivo delle prime spedizioni di cemento e acciaio. Alcuni oggetti sono forniti anche dall’Egitto, ma molti materiali sono ancora scarsi.

Una soluzione politica sembra essere un prerequisito per una ricostruzione senza intoppi. Ma una soluzione del genere è più sfuggente che mai. Non solo per l’ostilità in corso tra Hamas e Israele, ma anche per le divisioni interne ai palestinesi. Hamas è in contrasto con l’Autorità Palestinese guidata da Mahmoud Abbas. Mentre Hamas controlla la Striscia di Gaza, l’Autorità Palestinese controlla parti della Cisgiordania occupata da Israele.

READ  Scena horror in Francia: un uomo trascina i cani dietro la sua auto | All'estero

Rende molti abitanti di Gaza pessimisti riguardo al futuro. Tuttavia, Suzanne Jarusheh sta cercando di tenere alto il morale: “Mi piace tornare nella nostra vecchia casa con oggetti di valore”, dice nel suo rifugio di fortuna. “Ma cerchiamo di rimanere positivi e guardare al futuro. Perché la vita va avanti”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24