Anna Driver aveva un disturbo ossessivo compulsivo: “Pensavo che tutti quelli che amavo fossero morti” | mostrare

L’attrice Anna Driver ha sofferto di una grave nevrosi compulsiva durante un brutto periodo della sua vita. Questo è quello che ha detto a Ozkan Akyol stasera nell’ultimo episodio di Stelle sulla tela. Emotivamente, dice che stava passando la giornata. “Non avevo assolutamente energia.”




Anna Driver è stata un’attrice di successo per un po’, ma c’è stato anche un momento in cui non si sentiva bene. “Sono andata in terapia perché ero molto cupa”, ha detto a Ozkan Akyol. Non sa esattamente perché, ma all’epoca l’attrice soffriva di un disturbo ossessivo-compulsivo. Quindi devi fare, pensare o mettere le cose in un certo modo. Ero troppo occupato con quello nella mia testa. “

Il terapista di Floater le ha detto che questi disturbi ossessivo-compulsivi sarebbero solo peggiorati e non sarebbero scomparsi dall’oggi al domani. Poi ho pensato: oh no, oh no, davvero non lo voglio. Devo smetterla. Poi mi sono fermato e mi sono sentito sempre peggio. “L’attrice si è sentita come se non avesse avuto alcun controllo da quel momento.

la fine del mondo

La nevrosi ossessivo-compulsiva non è peculiare di Akyol: nel mezzo della conversazione indica che a volte ne soffre. So perché lo sto facendo, ma cosa pensi che potrebbe succedere se non facessi tutte queste cose? ”Drever chiede. Lei ha risposto: “Tutto, proprio tutto”. Tutto questo non è vero, ma in realtà pensi che ci sia una sorta di apocalisse. Così strano, come se potessi fermarlo con i tic. “Una volta ho persino pensato che tutti quelli che amavi sarebbero morti.

READ  Lady Gaga indossa un abito viola a maniche giganti di Gucci

Tutto ciò che era positivo e aperto nella mente di Driver ora era negativo e distruttivo in quel momento. Tuttavia, l’attrice è riuscita a uscire da quel palco. Se ci pensi, Driver non riesce più a trattenere le lacrime. “Ero così solo. Stavo appena finendo la giornata e non avevo assolutamente energia per pensare a ciò che gli altri pensavano di me”.

Grazie in parte al suo ragazzo, Drijver è stata in grado di mantenere una visione positiva del futuro. “Aveva fiducia che le cose sarebbero andate bene. Se non fossero andate bene, pensa: chi vuole starmi vicino?” “Era tipo, non me ne vado. Il più bel gesto d’amore”.

Ascolta anche il podcast di AD Media:


Guarda il programma e i video di intrattenimento qui sotto:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24