Arnon Grunberg visita il passato a Drenthe

All’interno della casa del comandante del campo Jimmaker V Westerbork2008

io


immagini di zinga sake

“Friede den Hütten, Krieg den Palästen” Il poeta e drammaturgo tedesco Georg Büchner scrisse nel 1834 nel suo famoso pamphlet Monastero di Hessische Landbote† Aveva allora 21 anni e studiava medicina, due anni dopo morì.

“Pace alle capanne, guerra ai palazzi”. Le prime parole dell’opuscolo chiariscono che l’obiettivo di Buchner era dichiarare guerra agli abusi sociali, che apparentemente potevano essere combattuti dai palazzi e dai loro abitanti. Dopodiché, la pace verrà naturalmente per gli abitanti di quelle capanne, che tra qualche decennio saranno chiamati “gli emarginati della terra”.

All’inizio di giugno, su invito di Hanneke Ronnes, che occupa la cattedra privata nelle tenute e tenute storiche dell’Università di Groningen, e della Fondazione Het Drentse Landschap, ho trascorso una settimana al Landgoed Overcingel, un palazzo cittadino a il centro di Assen con un parco grande quanto un giardino. La fondazione gestisce la proprietà dal 2019, che in precedenza era di proprietà della stessa famiglia per 250 anni.

Prima che il palazzo cittadino fosse convertito in una casa e in un B&B, a questo scrittore è stato permesso di annusare i profumi del passato insieme all’ultimo residente permanente di Overcingel, il gatto Marcus. In consultazione con Hanneke Ronnes, è stato deciso che il tema del mio soggiorno a Drenthe sarebbe stato castelli, aule e fantasia. Aggrapparsi al passato, contro il mio miglior giudizio, suscita il mio interesse. Il rivoluzionario contemporaneo, fondamentalmente ribelle contro l’estinzione di specie e individui, è prigioniero del passato quanto i maggiori conservatori. Al massimo, sono giunti a conclusioni diverse dalle loro famiglie.

Già durante la mia prima notte al City Palace, quando non riuscivo a dormire e perquisire gli effetti personali della famiglia Van Lier Lels, proprietaria di tutto questo, in soffitta e nelle stanze deserte, mi sono reso conto che al momento quasi nessuno con la testa sarebbe andato nei palazzi a dichiarare guerra.

Se oggi viene dichiarata guerra agli edifici in questa parte del mondo, è il quartier generale di multinazionali come la Shell. Chi è seduto così I poteri che sono Sa che la loro tenuta è paragonata, ad esempio, alla Reggia di Versailles come fornitore di terracotta di dodici pezzi.

Il potere non è più simboleggiato dal mantello di un sigillo, ma da una burocrazia organizzata o dal suo aspetto. I gingilli stravaganti hanno lasciato il desiderio di immobili a bassa manutenzione. L’efficienza è un idolo. Questo non vuol dire che dovremmo piangere la scomparsa di quegli ornamenti, la nostalgia mi è estranea quanto la fede nel progresso.

E dove la parola “château” compare ancora in Olanda, doveva essere un albergo che indossava abiti reali. I migliori esercizi di ristorazione si stabilirono nei palazzi e nelle tenute di campagna dell’antico ancien regime, dove i cittadini potevano sentirsi baroni o baroni a metà settimana. Anche a Drenthe. Ho pranzato eccezionalmente piacevole al Landgoed De Havixhorst nel sud della contea. Anche l’adiacente Sculpture Garden, che comprende sculture di Casper Berger, Maja van Hol e Peter de Hoon (curatore: Han van Hagen), è il benvenuto. Per un appuntamento discreto, consiglio vivamente South Drenthe. Un pittore dilettante può anche mettere dei campioni lì a suo piacimento, e se la parola “dilettante” è discutibile di questi tempi – l’egualitario non tollera i dilettanti – dico: pittore.

Il passato è una prigione, a volte è una prigione divertente

Questo romanzo dal prezzo abbastanza ragionevole – tutti capiscono, anche se solo temporaneamente – è l’ideale per quasi tutte le parti, la domanda al massimo è chi si qualifica per questa fiction. Il rifugiato siriano, oi suoi discendenti, se necessario, possono sentirsi come un barone infrasettimanale in un castello deliziosamente restaurato, o dovrebbe essere per sempre felice di un posto a Ter Apel? Ter Apel si trova a una quarantina di chilometri a est di Westerbork.

Drenthe è la contea dei deliziosi palazzi della città e, dall’apertura della ferrovia per Groningen nel 1870, è stata una delle mete preferite dai pittori dell’ovest del paese, che hanno convinto altri turisti con il loro lavoro a godersi la tranquillità e vaste brughiere. Queste caratteristiche – la provincia ha la densità di popolazione più bassa del paese – fanno anche del Drenthe un luogo ideale dove gli estranei indesiderati possono essere immagazzinati in capanne, conosciute anche come baracche.

La scomparsa di palazzi e castelli come simboli del potere accompagnò l’ascesa della città. Il filosofo francese Michel de Certeau descrive la città come “l’eroe e la macchina” della modernità, in cui la fede nel progresso è stata sostituita da un forte sospetto per l’imminente disastro. De Certeau afferma che i pedoni si relazionano al sistema urbano come gli utenti della lingua si relazionano alla lingua. Scrivono paesaggio urbano, ma di grattacieli, icone di città, sono punti, testo illeggibile.

L’ex direttore del museo Wim Bigbis, che ha camminato al Van Oversingel Park un anno fa e ne ha scritto Consiglio norvegese per i rifugiatiha osservato: “Non ho mai provato così tanta speranza di vedere tutti quei crochi e bucaneve, i primi vivaci messaggeri di una nuova primavera”.

Per amore della speranza e di una nuova primavera, leggiamo, non si dovrebbe andare nella capitale, ma nelle tenute di campagna e nelle ville dei sopravvissuti al vecchio regime. Decapitato in Francia nel 1793, fucilato in Russia nel 1918, espulso dalla Germania lo stesso anno, e negli ultimi due secoli è stato cannibalizzato in Olanda in un modo più sottile ma altrettanto efficace: la tolleranza oppressiva. Ciò non significa che i nobili non avessero più alcun potere reale qui, o che la rabbia verso lo Zar, l’Imperatore e il Re fosse ingiustificata. Ma una rivoluzione è sempre una rivoluzione sul palco, anche se il sangue su quel palco di solito è molto reale. Il secondo livello del vecchio ordine è piuttosto timido per le strade, ma poi si adattano molto rapidamente, con abiti diversi, linguaggi diversi, quindi mantengono la loro influenza.

Colui che si avvicina al suo tempo con moderata ma visibile esitazione è il conte zu Ortenberg che vive al castello di Midachten vicino ad Arnhem. Questo è ovviamente Gelderland, ma per il vero conte, i paesaggi di Drenthe e dell’Università di Groningen sono fluidi con i confini provinciali.

Il Conte ha un tale senso dell’umorismo inconfondibile, esordì dicendo che è facile trasformare una grande fortuna in una piccola fortuna. Ho concluso da lui che ha cercato con tutte le sue forze non solo di preservare il passato, ma anche di non ridurre inutilmente la grande ricchezza della famiglia. Ha sottolineato che hai bisogno di buoni geni per preservare il passato.

Le stalle avevano carri e carri in ottime condizioni. A proposito di Wagon Ha detto che la ristrutturazione è costata una tonnellata, ma il Fondo Mondrian ha contribuito generosamente. Era dubbio che i carri avrebbero funzionato di nuovo. Meglio conservare il passato solo guardandolo.

Nel parcheggio il conte ci salutò. Il suo viso era un misto di malinconia e lieve disprezzo, sapeva che la storia era una valanga che sarebbe tornata sulla sua strada, ma si aggrappava a una cannuccia: con grande forza e buoni geni, una valanga poteva essere coraggiosa.

Nel nord di Drenthe mi sono imbattuto anche in una bellissima tenuta di campagna, Landgoed Bosch en Vaart, dove vivevano due vecchi amichevoli, Pieter e Kees, che erano diversi da Graaf Zu Ortenburg, il che non vuol dire che il loro posto meno fosse allora il castello di Maidachten . I sigg. hanno messo in pratica il miglioramento sociale ed economico. Peter è cresciuto a Slochteren, suo padre lavorava per un agricoltore. Ha detto: “Quando avevo otto anni ho deciso di fare tre cose. Non voglio vivere in una casa della classe operaia. Non voglio più andare in chiesa. Non voglio mai lavorare per un contadino”.

I proprietari non si concedevano veri eccessi, ma dicevano che qualche volta uscivano a mangiare un pesce. Hanno preso il tè in un thermoflask e lo hanno bevuto in macchina dopo. Pensavano che tre euro per una tazza di tè fossero uno spreco.

Li ho visti seduti in macchina, signori, ad un appuntamento con un thermos.

In Huis Doorn, la gabbia d’oro in cui l’imperatore tedesco trascorse i suoi ultimi anni, c’è l’immagine di un disegno dell’artista italiano Fortunino Matania per “The Last Date”. Questo incontro avvenne nel maggio 1913 quando Victoria Louise, la figlia più giovane di Guglielmo II, sposò il Kaiser, re d’Inghilterra, e altri 1.153 ospiti a Berlino per una cena su invito dell’imperatore. Quello che è seguito è noto. Cinque anni dopo morì la dinastia del Kaiser, l’imperatore fuggì in Olanda e milioni di uomini morirono in trincea difendendo o occupando diversi chilometri quadrati di terreno intercambiabile.

Westerbork è a quindici minuti di auto dalla proprietà Overcingel. Con un po’ di buona volontà, potresti anche chiamare Westerbork una tenuta di campagna. Solo la casa dell’ultimo Capitano di Camp Jimker è ancora in piedi, anche se sotto vetro per rallentare un ulteriore deterioramento. La fotografa Saki Elzinga l’ha fotografata. Non ci sono fronzoli, le immagini tradiscono al massimo un fascino leggero per nascondere la colpa.

Philip Mechnikos, ucciso ad Auschwitz nel 1944, scrisse nelle sue memorie pubblicate con il titolo Nel magazzino – Che scrittore, a proposito, quel Mechanikos – che il comandante prima di Jhimker sconfisse gli ebrei in Polonia, lo stesso Jhimker “ride di loro in Polonia”.

Nel 1951, scontata la pena lieve, Gemmeker tornò a Düsseldorf dove riprese la sua vita di commerciante di tabacco. Il suo medico di famiglia era il dottor Spanier, un ebreo tedesco imprigionato sotto di lui a Westerbork. Secondo la testimonianza di almeno un sopravvissuto di Westerbork, Karl Michael Schlesser, Spanier, quando visitò un sopravvissuto di Westerbork, gli suggerì di chiamare Gemmeker per ricordare insieme.

Le domande sulla psicologia di questa straordinaria costellazione rimangono senza risposta al Drenthe Health, anche se il paesaggio intorno a Westerbork è boscoso in questi giorni. Forse il film Cavaliere Portiere Di Liliana Cavani Dal 1974 il boia e la vittima sono rimasti in stretto contatto anche nel dopoguerra, che ci ha aiutato di più.

Ognuno conserva il passato e quindi il paesaggio culturale è vivo a modo suo.

Il passato è una prigione, a volte una prigione divertente. E che dire della storia? È arrivato alle persone come una valanga e continuerà a farlo.

Paesaggi innocenti si allineano per fare da sfondo all’ultimo appuntamento, Drenthe ancora più vuoto che altrove.

L’imperatore tedesco a Doorn, Wim Pijbes nel parco di Overcingel, Gemmeker e Spanier a Düsseldorf, due gentiluomini, sono scappati da una capanna, in un’auto con una borraccia termica. Ovunque e da nessun’altra parte.

L’ultima mattina all’Overcingel scrivo al tavolo della cucina, le immagini sono così fuse che vedo solo il gatto Marcus sdraiato sul tavolo.

L’animale appare soddisfatto.

READ  L'Olanda dice che è arrivato il primo gruppo di afgani

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24