Arrabbiato dopo una riunione Zoom? Può essere la tua immagine video!

Una nuova ricerca mostra che più a lungo le persone si guardano la testa durante le riunioni virtuali, peggiore il loro umore peggiora durante la riunione.

E chiunque sorseggia una bevanda alcolica durante una riunione Zoom, segretamente o completamente legittimamente durante un drink virtuale il venerdì pomeriggio, sta peggio. Perché sotto l’effetto dell’alcol, le persone sembravano guardarsi più spesso durante l’incontro e il loro umore era più intenso.

ricerca
Si può leggere sulla rivista Psicologia clinica† “Noi eravamo tracciamento oculareTecnologia per esplorare la relazione tra umore, alcol e focalizzare l’attenzione durante le interazioni sociali virtuali”, ha affermato la ricercatrice Talia Ares. I soggetti hanno compilato questionari sul loro stato emotivo prima dell’incontro online. Hanno fatto lo stesso in seguito. Durante l’incontro, così come l’intervistatore capo, con cui hanno dovuto parlare delle loro preferenze musicali, tra le altre cose, hanno anche visto la propria immagine sullo schermo. Alcune persone hanno bevuto una bevanda alcolica prima dell’intervista. Ad altre è stata offerta una bevanda analcolica. E durante la conversazione, tracciamento oculare Determina quindi cosa stavano cercando i soggetti. “Abbiamo scoperto che le persone che si guardavano di più durante le conversazioni si sentivano peggio dopo l’incontro (…) e quelle che erano sotto l’effetto dell’alcol si guardavano di più”.

“Non siamo sicuri se le persone si sentissero peggio a guardare se stesse”, ha detto la ricercatrice Catherine Fairburn. Scienziati. nl† “Ma quello che sappiamo è che hanno smesso di guardarsi perché erano già di cattivo umore prima dell’incontro”. In altre parole, l’umore era già peggiorato durante l’incontro. Quindi gli umori delle persone che si guardano molto hanno sofferto di più.

READ  Trovato: una galassia senza materia oscura. Le cose misteriose sono solo un'illusione, dopotutto?

concentrati su te stesso
La scoperta non è stata una grande sorpresa per i ricercatori. Studi precedenti hanno già dimostrato che le persone che si concentrano più su se stesse che sui fattori esterni, specialmente durante le interazioni sociali, sono più suscettibili ai disturbi dell’umore. “Più una persona è egocentrica, più è probabile che riferisca sentimenti che accompagnano l’ansia e persino la depressione”, ha detto Aris.

L’alcol non aiuta
Ma ciò che ha sorpreso i ricercatori è stato il modo in cui gli stati d’animo delle persone si sono sviluppati durante le riunioni virtuali quando hanno bevuto una bevanda alcolica. “Ci sono prove evidenti che durante le interazioni sociali di persona (cioè quando le persone si riuniscono fisicamente), l’alcol agisce come una sorta di lubrificante sociale e migliora l’umore”, afferma Aris. “Ma si scopre che questo non è il caso delle conversazioni online, in cui il consumo di alcol ha reso le persone più egocentriche e non ha avuto effetti positivi sull’umore”.

arrabbiato e stanco
La ricerca può aiutare a spiegare perché le riunioni Zoom sono stressanti e generalmente non migliorano l’umore. Fairburn afferma che “sulla base di questo studio, non è possibile tracciare relazioni causali”. “Ma se consideri questi risultati insieme ai molti studi che collegano l’autofocus al cattivo umore, non è certamente una cattiva idea (che la tua immagine sullo schermo contribuisca al cattivo umore, editore).”

Fuori
La soluzione sembra ovvia. Assicurati di non vederti sullo schermo. “Una volta verificato che è bello vederti e che i tuoi capelli non sono dappertutto, potrebbe valere la pena opinione di sé Quindi puoi concentrarti su altri volti “, ha detto Fairburn. “A questo punto della pandemia, molti di noi si sono resi conto che le interazioni virtuali non sono le stesse delle interazioni faccia a faccia con un’altra persona. Molte persone sono stanche e tristi dopo una giornata di riunioni Zoom. E il nostro studio suggerisce che la tua immagine, che puoi vedere su molte piattaforme video, rende queste interazioni più difficili del necessario”.

READ  L'UMC di Amsterdam scopre una "medicina promettente" per i pazienti affetti da Corona in condizioni critiche

Sebbene la ricerca di Fairbairn e colleghi non sia adeguata per determinare esattamente come certe emozioni sorgono durante le interazioni virtuali, e sono essenzialmente ancora lì, Fairbairn osa dire sulla base della sua ricerca che queste interazioni virtuali sono davvero incomparabili. Con riunioni in una tradizionale sala conferenze. “Il virtuale, quando si tratta di elementi sociali, è un mondo che deve ancora essere esplorato. Le cose che pensavamo di sapere sulle interazioni possono apparire in modo molto diverso online. Piuttosto che fare supposizioni, vale la pena indagare ulteriormente”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24