Attenzione al “core EU” dopo Merkel

Le elezioni tedesche riguardano il futuro dell’Europa. Niente di più e niente di meno. Ecco perché è deludente che ci sia ancora così poco interesse nei Paesi Bassi per le elezioni del Bundestag tedesco di domenica. Questa elezione è rilevante per i Paesi Bassi almeno quanto l’elezione negli Stati Uniti. Resta quindi ingiustificato che gli interessi per le due elezioni siano distanti. Un talk show dopo l’altro riguardava le elezioni americane. Ma le elezioni tedesche non vanno oltre gli articoli dei giornalisti sui giornali oi dibattiti di esperti alla radio. Apparentemente solo perché in una campagna vengono investiti milioni di dollari, il che la fa sembrare un eccitante intrattenimento hollywoodiano, e l’altra campagna è noiosa nelle piazze del mercato tra currywurst occupazione Wesenbear.

C’è molto in gioco per l’Europa e l’Olanda domenica. La Germania post-Merkel cambierà il corso geopolitico. È probabile che le elezioni tedesche portino a una coalizione tripartita. Quelli elettorali e politici più probabili sono: semaforo– coalizione di SPD, Verdi e FDP, dal nome del semaforo rosso, verde e giallo; o la coalizione giamaicana di CDU/CSU, Verdi e FDP, che prende il nome dalla bandiera nera, verde e gialla della Giamaica.

ingenuità geopolitica

In entrambe le coalizioni c’è la partecipazione governativa del Partito dei Verdi e del Partito Liberale Democratico. Questo accelererà il riorientamento geopolitico che la Germania aveva già iniziato sotto Angela Merkel. La Germania (e l’Europa) si metteranno ancora di più alle spalle la sua ingenuità geopolitica. Ci si può aspettare che la Germania indurisca il suo tono e il suo atteggiamento nei confronti di Cina e Russia. Il dialogo si rafforza, ma gli interessi economici tedeschi ostacolano il confronto. La politica tedesca non sarà (ancora) integrata nel sistema mondiale bipolare tra Cina e America, ma punta a un mondo multilaterale, con spazio per l’indipendenza strategica europea. Questo si adatta bene a Parigi.

READ  Olimpiadi di Tokyo 2020 | Tutto quello che devi sapere sulla fotografia

Leggi anche: In questo mondo geopolitico aspro, l’Europa deve dimostrare la superiorità delle democrazie liberali

Insieme alla Francia, la Germania trarrà vantaggio dallo “slancio geopolitico” costringendo l’UE a operare una maggiore capacità internazionale. Ad esempio, le decisioni a maggioranza in materia di politica estera, l’approfondimento della cooperazione in materia di difesa o la creazione del Consiglio di sicurezza europeo, magari con gli inglesi.

Ci sarà una rottura con la dottrina della Merkel sull’unificazione europea (tenere duro). La Germania e la Francia eserciteranno una maggiore “leadership europea” attraverso l’approccio del “nucleo europeo”. La domanda è se – alla luce del dibattito europeo tiepido e disinformato qui – i Paesi Bassi diventeranno una parte attiva di questo nucleo europeo di paesi.

La Germania cercherà anche di porre fine alla lenta polifonia della “posizione tedesca” in Europa. Aspettatevi che la politica tedesca nei confronti dell’Europa sia coordinata meglio dall’ufficio del cancelliere. L’Europa sta diventando più grande Il capo conta. Ciò pone delle richieste alla diplomazia olandese a Bruxelles ea Berlino e alla capacità proattiva dei politici e dei responsabili politici olandesi.

Le elezioni tedesche riguardano il futuro dell’Europa. Il leader della SPD, Olaf Schulz, sembra avere le migliori qualifiche per succedere alla Merkel come cancelliere. Insieme al presidente francese Macron e al primo ministro italiano Mario Draghi, i venti del Mediterraneo potrebbero soffiare sull’Unione monetaria europea (UEM). Successivamente, l’UE si muoverà verso un’unione di debito e trasferimenti e il fondo di recupero “NextGenerationEU” diventerà non un’operazione di crisi una tantum, ma un precedente per gli investimenti e la tassazione europei. Quindi l’LDP dovrà arrendersi nei prossimi negoziati di coalizione.

La conoscenza della Germania è importante ora: è una mini UE

Proprio come i cosiddetti paesi nordici “Economic Four”, l’FDP non vuole allentare le regole dell’UEM, nonostante la crisi climatica e il corona. Questa linea di demarcazione attraversa la politica tedesca. Ecco perché è inspiegabilmente ingenuo che ci sia un interesse così superficiale per le elezioni tedesche nei Paesi Bassi.

READ  Von Trapp ha segretamente giocato con "Maria" prima: "Avrei dovuto indossare una faccia da poker" | proprio adesso

Una conoscenza approfondita della Germania è fondamentale perché la Germania stessa costituisce una sorta di Europa in miniatura. I contrasti tra Nord e Sud, Est e Ovest all’interno dell’Europa appaiono in un microcosmo nella stessa Germania. NS Oasi, Quanto ai tedeschi dell’est, nel ruolo degli europei dell’est; FDP come portavoce degli “stati economici”; La SPD e i Verdi tedeschi come alleati europei federali di Macron e CDU/CSU con la Dottrina Merkel tenere duro Il che dovrebbe fare un po’ tutto insieme. È la “sfera di potere europea” all’interno della Germania che influenzerà profondamente il futuro dell’Unione europea, compreso il futuro dei Paesi Bassi.

Leggi anche: In Germania, i “Quattro frugalisti” sono sotto tiro per la loro resistenza

Piaccia o no, i Paesi Bassi fanno parte del gruppo leader nell’Unione europea. Tradizionalmente, i Paesi Bassi sono sempre stati coinvolti in tutto nell’Unione Europea. Non c’è ritiro, ma piena partecipazione a progetti come l’accordo sulla frontiera di Schengen e l’unione monetaria. È una questione di imperativo geografico, di interessi politici ed economici. C’è molto rumore nella politica europeo-olandese, ma alla fine c’è poca resistenza e inclinazione.

Sala motori

A volte l’opinione pubblica interna e l’atmosfera alla Camera dei deputati sembrano suggerire il contrario, ma i Paesi Bassi sono nella sala macchine dell’UE. Secondo la ricerca, l’Olanda ha fatto boxe al di sopra del suo peso, soprattutto dopo la Brexit, anche a causa della lunga vita del primo ministro Mark Rutte (VVD).

Tuttavia, il pericolo maggiore rimane che le iniziative franco-tedesche superino i Paesi Bassi, come è successo nella primavera del 2020 con Corona europea. Qualcosa del genere potrebbe ora accadere di nuovo con una Germania post-Merkel. Né i politici né il pubblico sembrano consapevoli nei Paesi Bassi del “Grande balzo in avanti” nell’integrazione europea che Germania e Francia stanno pianificando. A seconda dei risultati delle prossime elezioni presidenziali francesi, Germania e Francia vorranno sfruttare lo “slancio geopolitico” dell’Unione Europea.

READ  Influenzato dal film di Schumacher: Michael Hammana, proteggiamo Michael

Hanno subito blocchi, battute d’arresto dei piccoli stati e divisioni europee, soprattutto nel campo della politica estera e di sicurezza. Si stanno muovendo verso l’indipendenza strategica europea sotto la guida franco-tedesca, se necessario con l’avanguardia delle nazioni. Questo “balzo in avanti europeo” è senza dubbio lo slancio della Giamaica e semaforo-Concerti.

I Paesi Bassi sono pronti per questo? I Paesi Bassi possono permettersi di rimanere fuori dal “core Europe”? E come sei riuscito a far seguire una strada del genere all’opinione pubblica indifferente dell’Europa nei Paesi Bassi? Questa potrebbe essere la domanda principale per noi nelle elezioni tedesche di domenica.

Questo articolo è basato sull’analisi di Clingendael Germany Dove stai andando dopo la Merkel Deutschland?.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24