Attivista bielorusso si pugnala al collo il primo giorno del suo processo | all’estero

Latypov, 41 anni, è uno delle migliaia di attivisti che sono stati arrestati dalla controversa rielezione del presidente Alexander Lukashenko. Le forze di sicurezza hanno represso i manifestanti civili.

La polizia ha arrestato Latypov a settembre. Ha cercato a Minsk di impedire la rimozione dei graffiti dall’opposizione. L’attivista è sospettato, tra le altre cose, di aver realizzato simboli di protesta e di resistenza della polizia.

lividi

Secondo Viasna, il quarantenne ha riportato lividi quando è apparso in tribunale martedì. Un conoscente di Latypov ha detto a RFE/RL che l’attivista era lì e si rivolgeva a suo padre, che era anche lui nella stanza. Ha detto, tra le altre cose, che il servizio di sicurezza ha minacciato di fare causa alla sua famiglia e ai vicini se si fosse rifiutato di confessare.

Poi Latypov “ha letteralmente iniziato a macellarsi”, ha detto il testimone a RFI/RL. Tutti hanno iniziato a urlare. Inizialmente la polizia non è stata in grado di aprire la sua gabbia e ha perso conoscenza. Poi siamo stati portati fuori dalla stanza.”

Vyasna ha riferito che Latypov ha apparentemente usato una penna per pugnalarsi. I media locali hanno riferito che le guardie non avevano le chiavi corrette per aprire immediatamente la gabbia del sospetto ferito. Successivamente è stato portato in ospedale e, secondo le autorità, le sue condizioni sono stabili.

reazioni scioccate

L’opposizione ha risposto con sgomento all’accaduto. La leader dell’opposizione Svetlana Tikanovskaya, che ha recentemente visitato il primo ministro Rutte nei Paesi Bassi, ha dichiarato su Twitter che l’azione di Latypov è stata il risultato di “terrorismo di stato, repressione e tortura in Bielorussia”. Il politico Andrei Sannikov ha parlato di “atto di disperazione”.

READ  Piano di bilancio a 12 zeri: Biden investirà nell'economia americana il prossimo anno cinquemila miliardi di euro | Casa, casa

Il governo del paese dell’Europa orientale, a volte indicato come l’ultima dittatura in Europa, è da tempo sotto attacco in Occidente. A maggio c’è stata molta indignazione per l’atterraggio di emergenza di un aereo Ryanair a Minsk. Lì, le autorità hanno arrestato un disertore sulla nave.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24