Attraverso la Bielorussia attraverso la “foresta polacca” verso la Germania: “Era molto pericoloso”

La storia di Tammam è difficile da verificare. Tuttavia, è una storia come raccontano molti nel centro di accoglienza. La famiglia è del Kurdistan, l’uomo più anziano è dell’Iraq, il gruppo dei giovani è dello Yemen, della Palestina e della Siria: tutti dicono di essere venuti dalla Bielorussia. Parlano anche di vagare di notte in foreste fredde, senza cibo e acqua. La maggior parte di loro parla anche delle somme che hanno pagato ai contrabbandieri: 3.000 euro, 7.000 euro.

Aumento inaspettatamente veloce

Solo poche persone hanno attraversato illegalmente il confine polacco-tedesco tra gennaio e settembre. Da allora, questo numero è cresciuto rapidamente. Il mese scorso hanno partecipato più di 1.500 persone, ora circa 120 al giorno.

Questo rapido aumento è stato inaspettato, afferma Olaf Jansen, presidente del Centro di accoglienza di Eisenhutenstadt. “Non puoi aspettarti che un paese aiuti le persone a contrabbandare”. Si riferisce alla Bielorussia.

Dopo che l’Unione europea ha imposto sanzioni al paese per violazioni dei diritti umani, è diventato chiaro che il presidente bielorusso Lukashenko non impedisce più ai migranti di entrare nell’Unione europea. Secondo l’Unione Europea, li incoraggia, anche facilitando il rilascio dei visti. Ci sono storie di persone che sono state lasciate al confine vicino alla Polonia.

Il fatto è che il rifugio di Eisenhutenstadt si sta riempiendo. E che circa il 90 percento delle persone qui, come Tammam, è passato dalla Bielorussia, dice Janssen.

Perché ci sono ancora abbastanza rifugi in Germania?

Il centro di accoglienza può ancora ospitare tutti, dice Jansen, perché abbiamo imparato dagli errori del 2015 e del 2016. Poi sono arrivati ​​in Germania grandi gruppi di immigrati e l’accoglienza non è stata più in grado di adattarsi. Questo è il motivo per cui in seguito viene sviluppato un piano passo-passo.

READ  La CDU si stava dirigendo verso una storica sconfitta

“Abbiamo seguito quel piano ora.” Ecco perché non ci sono 800 posti qui ora, come di solito ci sono, ma già 2000. Di questi, 1.300 posti letto sono attualmente occupati.

Possiamo ancora affrontarlo”, ha detto Jansen. Secondo lui non ci sono dubbi su una situazione come il 2015.

Nel frattempo, il governo tedesco ha schierato altri 800 agenti per le ispezioni alle frontiere polacche. Non per riportare le persone in Polonia, ma per registrare quante più persone possibile e catturare i trafficanti di persone.

Percorso per Eisenhüttenstadt

Tammam non sa ancora cosa gli accadrà e deve aspettare e vedere. Il suo obiettivo è imparare il tedesco il più rapidamente possibile, trovare un lavoro e portare la sua famiglia in Germania. Suo figlio ha una settimana, è nato quando era completamente addormentato nella foresta tra la Bielorussia e la Polonia. Non è chiaro quando lo vedrà.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24