Aumento della temperatura di mezzo grado: ecco quanto è importante

Per prevenire pericolosi cambiamenti climatici, l’aumento della temperatura dovrebbe essere limitato a un grado e mezzo. In apertura, il presidente ha affermato che la Conferenza sul clima di Glasgow è “l’ultima e la migliore speranza” per mantenere questo obiettivo a portata di mano. Ora che il vertice sul clima è finito, un riscaldamento di 1,8-2,3 gradi è ancora minaccioso.

Questa è una brutta notizia per milioni di persone. Nei prossimi decenni dovranno affrontare ondate di calore estremo, inondazioni, incendi e siccità.

Mezzo grado in più o in meno può fare una grande differenza. Nel 2018, l’IPCC delle Nazioni Unite per il clima ha definito cosa significa in pratica la differenza tra un grado e mezzo e due gradi. Ecco alcune delle conclusioni del rapporto IPCC e di altri studi scientifici.

Guarda tu stesso che differenza fa un grado e mezzo o due di riscaldamento:

Come puoi vedere: un aumento di mezzo grado della temperatura ha conseguenze disastrose. Quindi l’Accordo di Parigi sul clima (2015) ha fissato l’obiettivo di mantenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2 gradi (rispetto ai tempi preindustriali) e di “fare sforzi” per limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi.

La ricercatrice sul clima Helen de Koninck della Eindhoven University of Technology afferma che questo “limite” di 1,5 gradi non è terminato solo nell’accordo sul clima. “La temperatura di un grado e mezzo era sotto pressione dalle piccole nazioni insulari che vedevano arrivare che con due gradi di riscaldamento sarebbero scomparse completamente e quindi avrebbero perso tutto il loro territorio”.

“Questa è una violazione del diritto internazionale perché ogni paese ha diritto al proprio territorio. Questo è un argomento molto forte”.

READ  La prima grande delusione della COP26 è realtà

Ripristino di scogliere danneggiate

ANNP

Inoltre, si spera che limitare l’aumento della temperatura a un grado e mezzo ridurrà significativamente l’impatto del cambiamento climatico in altre regioni. De Koninck: “Un esempio di questo sarebbe la scomparsa dei coralli. Moriresti quasi completamente con due gradi di riscaldamento. A un grado e mezzo potresti avere ancora un quarto”.

Dopo aver ottenuto una laurea e mezzo nel Trattato di Parigi, il comitato climatico dell’IPCC delle Nazioni Unite è stato incaricato di indagare su cosa potrebbe significare questo riscaldamento per il mondo. Nel 2018, il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici ha presentato un file rapporto speciale. Le conseguenze di un aumento della temperatura di 1,5 gradi si sono rivelate così violente che il rapporto ha sollevato la questione di quanto fosse sicuro il “vecchio” limite di 2 gradi. Da allora, la pressione internazionale per limitare l’aumento della temperatura è aumentata a 1,5 gradi.

Conseguenze molto gravi

De Coninck è stato uno dei principali autori del rapporto. Se il mondo mantiene l’aumento della temperatura al di sotto di un grado e mezzo, potrebbe prevenire i cosiddetti punti di non ritorno, ha detto. “Ai poli, il riscaldamento è più veloce che nelle regioni temperate. L’Artico senza ghiaccio marino si verifica ogni dieci anni con un aumento della temperatura di due gradi e un grado e mezzo ogni cento anni. E lo scioglimento può avvenire ovunque tra un anno e mezzo. e poco più alto di due gradi. punto di svolta passa. Ciò potrebbe avere gravi conseguenze per l’innalzamento del livello del mare”.

ANNP

Quindi tutte le ragioni per restare al di sotto di un grado e mezzo. Ma sembra che non ce la facciamo. dall’ultima Analisi Mostra che con gli impegni presi dai paesi per il 2030, il riscaldamento nel 2100 sarà di 2,4 gradi. Se i paesi annunciassero davvero i nuovi piani e le intenzioni che hanno messo in atto durante il Summit sul clima, ciò fornirebbe comunque 0,1 gradi di riscaldamento.

Se includiamo tutte le promesse (di solito vaghe) che i paesi hanno fatto sul lontano futuro (ad esempio sulle emissioni nette zero nel 2050, 2060 o 2070), il mondo si sta ancora dirigendo verso un riscaldamento di 1,8°C. Sebbene il vertice sul clima si sia concluso con i paesi che chiedono di accelerare nuovi piani e promesse, un aumento della temperatura di due gradi (o più) ha quindi più senso che limitare il riscaldamento a un grado e mezzo.

De Koninck: “Stai parlando di centinaia di milioni di persone in più che hanno a che fare con una minore resa dell’agricoltura. E con più stress idrico e ondate di caldo estremo in un modo in cui semplicemente non puoi vivere, specialmente nelle città. “

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24