Avanzata talebana in Afghanistan: ‘Non ho mai pensato a una soluzione sostenibile’

A fine giugno si sono ufficialmente conclusi i vent’anni di presenza olandese in Afghanistan. Le forze olandesi, così come i soldati di altri paesi della NATO, si ritirarono.

Da quando le truppe se ne sono andate, i talebani stanno avanzando. Il Segretario di Stato americano Blinken ha parlato oggi esprime le sue preoccupazioni attraverso il paese. Nelle ultime settimane, i combattenti talebani hanno preso il controllo dei principali posti di blocco lungo il confine e sono riusciti a prendere il controllo del terreno. Secondo Blinken, la violenza contro i civili afghani minaccia il processo di pace.

Secondo gli esperti, una soluzione permanente al protrarsi del conflitto non è mai stata pensata, motivo per cui la violenza nel Paese è di nuovo in aumento.

L’esperto afghano Jorit Kamenga incolpa indirettamente i paesi della NATO, compresi i Paesi Bassi, del conflitto in corso in Afghanistan. Secondo Kamenja, affiliato al Clingendael Institute e autore del libro Grazie Bin Laden: 20 anni dai Paesi Bassi in AfghanistanI paesi hanno optato per un approccio militare piuttosto che per una soluzione politica permanente.

La NATO ha commesso un errore strategico

Secondo Kamenja, se i paesi della Nato avessero cercato una soluzione politica, la situazione sarebbe stata completamente diversa. Così dice anche la militare Miriam Grandia. Ha condotto ricerche sul processo decisionale politico relativo alla Missione Uruzgan olandese. “Fin dall’inizio, tutti i paesi hanno commesso un enorme errore strategico – ha detto Grandia -. I talebani sono stati respinti al tavolo dei negoziati”.

Ritiene inoltre che si sarebbe dovuto tenere fin dall’inizio dei colloqui con i talebani per trovare una soluzione. “La storia di qualsiasi conflitto mostra che se escludi le persone, puoi essere sicuro che continueranno fino a quando non avranno voce in capitolo”.

READ  La Grecia si prepara a un'ondata di caldo fino a 43 gradi | all'estero

promessa elettorale

Ma i paesi hanno scelto di non negoziare con il movimento e hanno invece inviato personale militare. Kamenga: “Alla politica dell’Aia si diceva: non negoziamo con i terroristi, punto”. Anni dopo, nel 2019, lo fece l’ex presidente Trump. Come parte di una promessa elettorale, ha raggiunto un controverso accordo con i talebani, negoziato al di fuori del governo afghano.

Parte degli accordi era il ritiro delle forze statunitensi. È successo, e gli afgani hanno dovuto mettersi d’accordo tra loro sul futuro del loro paese. Questo sembra essere distorto ora.

Una panoramica di 20 anni di soldati olandesi in Afghanistan:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24