Avvocato italiano critica duramente: ‘Paesi Bassi innocenti di criminalità organizzata’

“I paesi europei non sanno cosa sia realmente un mafioso, un criminale serio e di cosa siano capaci”, afferma Nicola Gratteri. È stato portato al RDL in un’area fortemente sorvegliata dove è stato tenuto segreto fino all’ultimo minuto.

‘Sicuro Peter R. De Vries’

“Multure pesanti, attrezzature migliori, più regole sulla distanza e più manodopera”, secondo Critteri, sono “lezioni italiane” che i Paesi Bassi possono imparare.

Pietro R. Critter ha anche le idee chiare sull’attacco a de Vries. «Deve essere protetto», disse con fermezza l’avvocato italiano. “Questa è una cosa molto seria. Si tratta di libertà di pensiero, di espressione, di democrazia… di civiltà”. Pietro R. De Vries ha anche negato la protezione.

“Nessuno chiude la bocca”

Critteri si difende molto: intorno a lui ci sono almeno dieci guardie del corpo. Da 30 anni, 7 giorni su 7, 24 ore su 24. Questo è il prezzo che paga per la sua lotta contro la mafia. “Mi sento mentalmente libero, questa è la cosa più importante”, dice. “Ho sacrificato la mia libertà fisica molto tempo fa, ma non c’era nessuno che mi fermasse”.

Ripagano anche i sacrifici di Gratteri. All’inizio di quest’anno, 355 sospetti sono stati interrogati. Appartengono alla mafia ‘Entrெngetta’ nel sud Italia. Questo mega test è stato il più grande successo della carriera di Critteri.

Un uomo ha commesso un centinaio di omicidi

Critteri si avvale di testimoni chiave. “Dopo molte conversazioni preliminari e aver scoperto i circoli in cui si trovano, parlerò con loro. Di recente ho parlato con un criminale sospettato di un centinaio di omicidi. Ha cercato di falsificarci con menzogne ​​sofisticate.

READ  'Decine di migliaia di vaccini AstraZeneca in fabbrica Italia'

Dopo quelle conversazioni, i selezionatori in lutto dovrebbero rimanere in solitudine per almeno sei mesi. Dopodiché, se collaborano, si parla solo di ridurre la pena, a volte fino a circa il 50 per cento, dice il pubblico ministero.

“L’Olanda sottovaluta la mafia”

Anche i Paesi Bassi stanno combattendo la criminalità organizzata, a seguito di una serie di attacchi a un fratello (Redovan B), a un consigliere segreto (Peter R. de Vries) dell’avvocato (Dirk Weirs) e al principe ereditario Nabil B. La violenza e le minacce legate alla droga nei Paesi Bassi sono spesso viste come incidenti isolati, non come un problema legittimo.

Quel problema, non è andato. “Non solo la logistica dei Paesi Bassi per la criminalità organizzata è interessante – con l’apertura di ristoranti e hotel al traffico di cocaina con porti di trasporto come Rotterdam e Amsterdam – anche il sistema olandese ne beneficia, motivo per cui è così difficile fermarsi”.

“I Paesi Bassi sottovalutano la mafia”, ha detto Critteri. Pensa che dovrebbe essere molto difficile per i prigionieri. C’è una divergenza di opinioni su questo punto. Questa è diventata la situazione di un trafficante di droga italiano in una cella olandese. “Ha chiamato sua moglie e ha detto che non voleva venire in Italia. Stava bene in cella e aveva tutto quello di cui aveva bisogno lì”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24