Bart Hoolwerf ha ambizioni internazionali nel pattinaggio in linea

Durante la prima competizione su pista/strada KNSB a Heerenveen, Bart Hoolwerf viaggiava comodamente. Spesso ha tagliato il traguardo per primo in una corsa a punti/eliminazione, in modo da poter vincere il segmento. E questo mentre il fantino ha vinto la medaglia d’argento ai campionati del mondo solo un mese e mezzo fa. “Siamo ancora all’ultimo tratto del riposo, infatti sono appena uscito dalla pausa. Quest’anno è la quarta volta che metto i pattini. La scorsa settimana ho avuto mezz’ora, mercoledì scorso mi è stato permesso di allenarmi con i Preselezione olandese e ieri un’altra ora”.

“Sembrava così facile. Ho avuto un inverno molto buono e non avresti perso quel livello in tre o quattro settimane. Inoltre, ho già ripreso un po’ la corda attraverso alcune sessioni di allenamento ciclistico”, spiega Holwerf .

Per molti è stata la prima competizione, perché il pattinatore vuole tornare a concentrarsi di più sulla vaccinazione. Territorio sconosciuto per Emedeker, perché era già Campione Europeo su strada juniores e lo scorso anno è stato il migliore in Olanda nella corsa a punti. “Il gioco è fantastico. Come rincorri le curve nel gruppo, che bella sensazione. Continuerò sicuramente a praticare questo sport”.

I risultati del passato e sul ghiaccio non danno garanzie a livello internazionale, lo sa bene Hoolwerf. “Il livello è molto più alto lì. Poi devo davvero lavorare. Non so ancora a che punto sono. Probabilmente affronterò i fatti per un po’. Ma va bene. Poi avrò delle cose su cui lavorare di nuovo.”

Il programma estivo non è ancora terminato, ma Hoolwerf spera di essere al via dei Campionati Europei in Francia. “Se si adatta al nostro programma, mi piacerebbe partecipare. Penso che sia un bene per lo sport e per me stesso. Le partenze in massa sono spesso caotiche, proprio come lo snowboard. Quindi ho davvero bisogno di riprendere questa gara un po’ indietro. Inoltre, Lo adoro”, conferma ancora il pilota 25enne. Dopo i Campionati Europei di luglio, si concentrerà nuovamente sul pattinaggio, fino a quando Holwerf salterà comunque i Mondiali di pattinaggio di figura.

READ  Anna van der Bregen è stata insignita del prestigioso Premio Laureus

Kai Schipper vince la tumultuosa finale
Quattro uomini si stavano preparando per la battaglia finale nei 500m: Glenn Nijenhuis, Raymond Quandt ei fratelli Schepper. Un ottimo modo per Kwant per dimostrare che il suo duro lavoro in Italia ha dato i suoi frutti. Purtroppo la finale si è conclusa troppo presto per lui, in quanto la seconda falsa partenza di giornata ha messo fine alla distanza sprint. Dopo un incidente con Rick Schipper, anche Glenn Nigenhuis è stato squalificato. Di conseguenza, solo Kai e Rick Schepper hanno tagliato il traguardo in modo organizzato. “Una finale davvero folle. In effetti, speravo di dare spettacolo qui, un ottimo inizio di stagione. E vediamo com’è l’equilibrio di potere”, dice il vincitore, Kai Schepper.

Mentre doveva correre i 500 metri e correre lui stesso i punti, era anche impegnato ad allenarsi. “Hai bisogno di molta energia per metterlo insieme, ma ne traggo anche energia.” Questa interazione era evidente anche lungo tutto il percorso. Tra una gara e l’altra, Scheiber si è impegnato con i giovani pattinatori e durante le sue gare li ha incoraggiati a gran voce. “Adesso sono a mio agio, è l’inizio della stagione e non siamo in competizione con i campioni del mondo. Un errore è comunque accettabile”.

Oltre alla formazione, i fratelli Schipper si impegnano anche in altri modi per lo sviluppo dello sport nei Paesi Bassi, ad esempio organizzando campi di addestramento e cliniche. Il più volte campione del mondo Joey Mantilla era uno degli ospiti. “Conosciamo Joey dal 2015, quando ha dormito in soffitta per due settimane durante il suo soggiorno in Olanda. Ci siamo presi cura di lui come due bambini piccoli. Ora è tornato nel nostro paese per un periodo più lungo, quindi abbiamo discusso con lui le possibilità della clinica. Porta un po ‘di carisma e può spiegare molto bene. Inoltre, anche questo ha avuto una nota rinfrescante per me. Non capita spesso che qualcuno mi dia più consigli tecnici. Oltre a Joey, Desley Hill e Michelle Mulder ha tenuto cliniche. “Adoriamo aiutare le persone nei Paesi Bassi che abbracciano lo sport”, dice Kai Schepper. “.

READ  Gli Overmar vogliono portare con sé Ten Hag quando l'Ajax se ne va

Tuttavia, i fratelli si sono impegnati a fare una grande impressione quest’estate. Con in mente i tornei internazionali, hanno nuovamente aderito ai corsi per la preselezione nazionale. “Per me, non si tratta solo del posto nella scelta del campionato europeo, ma anche della strada per raggiungerlo. Questo è più importante della trasferta in Francia. Non importa se avrà successo o meno. Se la strada sembra giusta. Con due nuovi assistenti, Nice ha fatto un passo avanti e non vedo l’ora”.

Curioso di tutti i risultati del primo concorso nazionale? Aspetto Qui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24