blog in diretta | Gli Stati Uniti vogliono inviare di nuovo armi in Ucraina

Dopropolia regione di Donetsk Agenzia dei porti nazionali / Agenzia di Anadolu / Metin Aktas

Gli Stati Uniti vogliono inviare di nuovo armi in Ucraina

16:56 | Mercoledì, fonti hanno detto all’agenzia di stampa Reuters che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden intende stanziare più soldi per armi e attrezzature militari in Ucraina. Sarebbero centinaia di milioni di dollari di armi.

Il pacchetto armi include veicoli con missili antinave, artiglieria e munizioni per obici. L’Ucraina sarà anche in grado di acquistare radio sicure, occhiali per la visione notturna e altre apparecchiature con i soldi.

Da mesi l’Ucraina ordina armi sempre più pesanti. Secondo il presidente Volodymyr Zelensky, se l’Occidente consegnasse armi più velocemente, le forze russe potrebbero essere respinte più rapidamente.

I ministri della Difesa della NATO si incontrano a Bruxelles per discutere della situazione in Ucraina. Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha invitato gli alleati occidentali ad aumentare anche le forniture di armi. “Non possiamo permetterci di indulgere. L’Ucraina è in un momento cruciale della guerra”.

Il Regno Unito ha anche promesso di inviare sistemi missilistici in Ucraina. Secondo il ministro della Difesa britannico, i Paesi Bassi hanno promesso di fornire loro missili antinave. Alla fine di maggio, la Danimarca ha promesso lo stesso.

L’ex presidente russo Medvedev dubita dell’esistenza dell’Ucraina

15:38 | L’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha suscitato scalpore chiedendo ad alta voce se l’Ucraina continuerà ad esistere tra due anni. Medvedev, che ora è vicepresidente del Consiglio di sicurezza speciale della Federazione Russa, ha commentato il desiderio del governo ucraino di firmare un contratto biennale per l’acquisto di gas liquefatto statunitense. Medvedev ha espresso sorpresa per l’intenzione, perché “Chi ha detto che tra due anni l’Ucraina sarebbe ancora sulla mappa del mondo?”

Medvedev è stato presidente della Russia dal 2008 al 2012. Era visto come un giovane innovatore ma anche un “sostituto” di Vladimir Putin, a cui non era permesso essere rieletto a tempo indeterminato. Medvedev ha recentemente rilasciato diverse dichiarazioni condiscendenti sulla vicina Ucraina. Alcuni osservatori temono che tali affermazioni indichino la deliberata distruzione dell’Ucraina come stato indipendente. Ma secondo il Cremlino, l’obiettivo dell'”operazione militare” è l’eliminazione delle capacità militari ucraine e la liberazione della regione orientale del Donbass.

Con l’attacco russo al paese vicino iniziato il 24 febbraio, l’eliminazione del governo filo-occidentale dell’Ucraina sembrava essere uno dei principali obiettivi dell’attacco e gli attacchi sono stati effettuati anche nella capitale, Kiev. Ma quel governo guidato dal presidente Volodymyr Zelensky ha già annunciato di non voler più entrare a far parte della NATO. Le forze russe stanno ora cercando di catturare l’intera regione orientale del Donbass e tenere le regioni sudorientali di Kherson e Zaporizhzhya. Le regioni saranno già annesse e, come prima, la Crimea non passerà sotto il controllo di Kiev. Alcuni osservatori vedono indicazioni che il Cremlino voglia davvero soggiogare l’intero paese a tappe.

L’Italia riceverà meno gas russo

14:00 | Mercoledì, l’Italia riceverà quantità minori di gas dalla compagnia statale russa Gazprom. Secondo il gruppo italiano di petrolio e gas Eni, questo gas è circa il 15 per cento in meno rispetto al solito. Gazprom non ha motivato la decisione, secondo Eni. Inoltre non è chiaro se il rubinetto del gas sarà di nuovo completamente aperto dopo mercoledì. L’Italia è uno dei maggiori utilizzatori di gas russo in Europa.

Al momento dell’invasione russa dell’Ucraina, il paese dipendeva dalla Russia per circa il 40% del suo fabbisogno di gas. L’Italia sta cercando di ridurre questa dipendenza e ha già fatto accordi con Algeria ed Egitto, tra gli altri paesi, per ottenere più gas. Il primo ministro italiano Mario Draghi è attualmente in Israele per discutere delle spedizioni di gas.

Gazprom ha dichiarato martedì che le spedizioni in Germania tramite il gasdotto Nord Stream sarebbero inferiori del 40% rispetto al normale. Sarà perché le parti vengono riparate dalla società tedesca Siemens. Secondo Bloomberg News, ciò è accaduto in Canada e le turbine non possono essere restituite dopo la riparazione a causa delle sanzioni.

Tuttavia, il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck ha descritto la mossa di Gazprom come una decisione politica. Secondo Habek, questa mossa non è “tecnicamente spiegabile”.

Macron ha un tono più duro nei confronti della Russia sulla possibilità di una visita a Kiev

11:15 | Il presidente francese Emmanuel Macron sta usando un tono sempre più duro nei confronti della Russia. Dopo essere stato criticato per essere stato troppo gentile con il presidente Vladimir Putin, Macron ha sottolineato durante una visita in Romania che avrebbe “fatto tutto ciò che è in suo potere per fermare le forze russe”. Secondo vari media, Macron visiterà Kiev giovedì, accompagnato dal cancelliere tedesco Olaf Schulz e dal primo ministro italiano Mario Draghi.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha criticato Macron per aver affermato che Putin non dovrebbe essere “umiliato”. Mercoledì il presidente francese ha sottolineato l’assistenza dell’esercito ucraino e del Paese, ma ha affermato che anche i negoziati devono svolgersi ad un certo punto, una volta che i combattimenti saranno finiti. Ecco perché Macron mantiene ancora aperte le linee di comunicazione con il Cremlino.

Macron è atterrato in Romania martedì per visitare una base NATO lì. Mercoledì volerà in Moldova, dove parlerà con la presidente Maya Sandu della situazione nel suo paese e del numero di rifugiati che sta ricevendo. Dopo i vicini dell’Ucraina, Macron avrebbe dovuto recarsi giovedì nel paese dilaniato dalla guerra, ma il viaggio non è stato confermato dai governi dei paesi coinvolti.

La Commissione europea dovrebbe emettere il suo parere sulla domanda di adesione dell’Ucraina all’Unione europea venerdì. La prossima settimana c’è un vertice dell’UE a Bruxelles in cui i leader discuteranno della situazione dell’Ucraina.

Separatisti: 1.200 civili nello stabilimento di Severodonetsk

11:10 | Ben 1.200 civili potrebbero nascondersi nei rifugi degli impianti chimici a Severodonetsk, la città dell’Ucraina orientale che da settimane è teatro di aspri combattimenti. Partecipa a questo numero un separatista filo-russo.

Un totale di circa 2.000 persone risiedono nel sito dell’impianto, afferma Rodion Miroshnik, un funzionario dell’autoproclamata Repubblica di Luhansk. Oltre ai civili, ci saranno combattenti ucraini e stranieri. Kiev ritiene che ci siano tra i 540 ei 560 civili nascosti.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che i “militanti” ucraini hanno condotto deliberatamente i civili nell’impianto di azoto e li hanno usati come scudi umani. Queste informazioni non sono state verificate in modo indipendente, come hanno fatto i numeri russi e ucraini.

Severodonetsk è in gran parte catturata dalle forze russe e sta avanzando lentamente. Una zona industriale nel sud della città, dove si trova l’impianto chimico, non è stata ancora catturata. La battaglia di Severodonetsk divenne “sempre più difficile” secondo il governatore ucraino della regione di Luhansk.

“La guerra è entrata in una fase critica”.

10:45 | La guerra di logoramento nell’Ucraina orientale continua. Le forze russe ora controllano la maggior parte della città di Severodonetsk, dove centinaia di civili e unità delle forze armate ucraine si nascondono ancora nello stabilimento di Azot. “L’Ucraina è chiaramente sulla difensiva e la guerra è entrata in una fase critica”, ha affermato l’analista geopolitico Alex Krieger.

Ricerca: l’agricoltura ucraina è stata colpita da oltre 4 miliardi di euro

09:45 | Il settore agricolo ucraino ha già subito 4,3 miliardi di dollari, trasferito 4,1 miliardi di euro, a causa dell’invasione russa. Lo affermano i ricercatori della Kyiv School of Economics in un rapporto. Si tratta, ad esempio, di danni a terreni, macchine agricole e perdita di bestiame.

Nello studio si parlava di “danni significativi” all’agricoltura a seguito della guerra. Circa la metà dei danni è stata causata da terreni agricoli contaminati da mine e munizioni, che hanno impedito la raccolta dei raccolti. Un quarto è stato causato da danni a macchine agricole come i trattori.

I ricercatori affermano che ci vorranno centinaia di milioni di dollari per ripulire mine e munizioni. Inoltre, si stima che 5,7 milioni di polli siano morti a causa della guerra e perché gli allevatori non erano in grado di nutrire i loro animali. Inoltre, secondo il rapporto, grano per un valore di 613 milioni di dollari è stato rubato dall’Ucraina e trasferito in Russia.

Gli autori dello studio ritengono che l’economia ucraina potrebbe ridursi fino al 45% quest’anno. Decine di milioni di persone nel mondo sono minacciate di fame a causa dell’interruzione delle forniture di grano dall’Ucraina e dei danni al settore agricolo. A causa del blocco russo dei porti ucraini sul Mar Nero, poco può essere esportato.

Chiedere all’Ucraina di ottenere più armi un importante punto di interesse nelle consultazioni dei ministri della Difesa

05:30 | Dozzine di ministri della Difesa della NATO e di altre parti del mondo dovrebbero discutere delle forniture di armi all’Ucraina a Bruxelles mercoledì, ha riferito l’agenzia di stampa Reuters.

Il separatista sostenuto dalla Russia annuncia l’apertura della strada dal Donbass alla Crimea

04:30 | L’agenzia di stampa russa TASS, citando un membro dell’amministrazione sostenuta da Mosca, ha riferito che il percorso tra la regione ucraina del Donbas e il territorio della Crimea annessa alla Russia attraverso le regioni occupate di Mariupol, Melitopol e Kherson, è ora disponibile per i veicoli civili. . Dalla regione di Zaporizhia.

“Non si tratta solo dell’esercito”, ha detto Vladimir Rogov. Ho già viaggiato da Kherson via Melitopol a Berdyansk, Mariupol e Novoazovsk. Sono andato in Russia via Novoazovsk.

“La gente ne sta approfittando, ci sono molte persone che lo vogliono, ci sono code al confine, non è stato progettato per un tale afflusso. Ma questa corsia esiste.

Biden vuole costruire granai al confine ucraino per esportare grano

03:15 | Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato martedì che saranno costruiti silos temporanei per il grano lungo il confine con l’Ucraina. I silos sono necessari per esportare più grano e affrontare la crescente crisi alimentare globale. “Sto lavorando a stretto contatto con i nostri partner europei per immettere 20 milioni di tonnellate di grano sul mercato ucraino per abbassare i prezzi dei generi alimentari”, ha affermato Biden.

Dall’invasione russa e dal blocco dei porti ucraini sul Mar Nero, le spedizioni di grano si sono fermate e oltre 20 milioni di tonnellate sono state trattenute in silos. L’Ucraina afferma di non avere abbastanza silos per immagazzinare un nuovo raccolto.

La guerra ha fatto aumentare i prezzi di grano, olio da cucina, carburante e fertilizzanti. La Russia e l’Ucraina rappresentano quasi un terzo dello stock mondiale di grano. L’Ucraina è anche un importante esportatore di mais e olio di girasole e la Russia è un importante esportatore di fertilizzanti.

Biden ha detto che Washington stava sviluppando un piano con gli alleati europei per il trasporto di grano su rotaia. Tuttavia, gli scartamenti dei binari in Ucraina sono diversi da quelli di qualsiasi altra parte d’Europa, quindi il grano deve essere trasportato su treni diversi al confine. “Quindi costruiremo silos, silos temporanei, ai confini dell’Ucraina, inclusa la Polonia”, ha detto Biden.

L’Ucraina descrive il piano di Biden come “solo uno dei passi potenzialmente vantaggiosi per garantire la sicurezza alimentare”. “Ma abbiamo anche bisogno di un corridoio verde per i nostri porti”, ha detto in un post online il capo dello staff del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. L’Ucraina ha sempre affermato che il transito attraverso il Mar Nero è il modo migliore per riesportare nuovamente il grano.

Tuttavia, Biden ha affermato che gli Stati Uniti e i loro alleati escludono questa strada per ora. “(I grani) non possono uscire attraverso il Mar Nero, perché volano fuori dall’acqua.” Con questo, il presidente ha fatto riferimento alle numerose mine navali che Russia e Ucraina hanno posato dall’inizio della guerra. Di conseguenza, circa 84 navi straniere sono rimaste bloccate nei porti ucraini, spesso trasportando grano.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres sta nel frattempo cercando di negoziare un “accordo globale” per riprendere le esportazioni ucraine dal Mar Nero e le esportazioni russe di cibo e fertilizzanti, che secondo Mosca sono state colpite da sanzioni. Le Nazioni Unite hanno finora definito “costruttivi” i colloqui con la Russia.

READ  Truckstar 06/2021 - Truckstar

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24