Blog: “Nessuna indicazione che la Russia abbandonerà l’invasione di Kiev”, il Cremlino prevede di imporre sanzioni ai “paesi ostili”

Impossibile recuperare i nuovi messaggi, riprova più tardi.

blog in diretta

North Sea Port vede scarso impatto del conflitto Russia-Ucraina al momento

L’impatto economico del conflitto russo-ucraino sul porto del Mare del Nord è attualmente limitato. Sarebbe dall’1 al 2 percento dei numeri globali.

“Ma ovviamente l’effetto dipende dalla durata della guerra”, afferma Sophie Braque (Open VLD). “Al momento non ci sono più navi in ​​partenza dai porti ucraini. Resta da vedere se in autunno arriverà abbastanza grano”.

Il porto di Gand è molto frugale con informazioni sulle conseguenze del conflitto russo-ucraino sulla navigazione. Tuttavia, 6,2 milioni di tonnellate di merci sono arrivate l’anno scorso dalla Russia. Ciò ha reso la Russia il partner commerciale più importante e ci sono anche scambi commerciali con l’Ucraina, in particolare con il porto di Mykolaiv.

Le attuali sanzioni contro la Russia non hanno ancora un impatto significativo sugli specifici flussi di merci lungo il porto. Non ci sono linee di container dirette ai porti russi. “Al momento non ci sono navi o container intasati”, afferma Brack.

Il consigliere del presidente ucraino ha detto che almeno 5.000 persone sono state uccise a Mariupol

Almeno 5.000 persone sono state uccise nella città sudorientale di Mariupol dall’invasione russa dell’Ucraina. Lo ha confermato lunedì un consigliere del presidente ucraino all’Agence France-Presse.

“Sono state sepolte circa 5.000 persone, ma a causa dei continui attacchi missilistici, i corpi non sono stati seppelliti negli ultimi 10 giorni”, ha affermato Tetiana Lomanica. Secondo lei, il bilancio delle vittime salirà a circa 10.000, tenendo conto delle persone che sono ancora sotto le macerie.

“Non ci sono segni di una svolta nei negoziati”, Geert Grote Corkamp

Domani i negoziatori ucraini e russi si incontreranno nuovamente per negoziare il conflitto in Ucraina. “Non ci sono indicazioni che ci sarà un hack. Negli ultimi giorni si è parlato tramite la videocomunicazione e domani torneranno a sedersi. Inoltre non sappiamo cosa stia succedendo dietro le quinte”, afferma Geert Grote- Korkamp a Terzake.

READ  Gli europei immagazzinano 8,5 miliardi di euro di monete antiche

“Finora i colloqui sono stati molto difficili. Ciò è dovuto principalmente al fatto che l’Ucraina vuole solo una cosa, ovvero smettere di combattere e ritirare le forze russe. La Russia ha un elenco completo di cose a cui l’Ucraina deve conformarsi”. Vogliono il riconoscimento della Crimea come territorio russo e il riconoscimento delle repubbliche popolari dell’Ucraina orientale come stati indipendenti. Poi c’è lo status neutrale dell’Ucraina. Questo è l’unico punto di cui l’Ucraina vuole parlare ora”.

Sindaco di Kharkiv: quasi 1.180 grandi edifici residenziali distrutti

Il sindaco Ihor Terikov ha affermato che settimane di bombardamenti terrestri e aerei della città di Kharkov, nell’Ucraina orientale, hanno causato una devastazione diffusa.

Quasi 1.180 edifici residenziali a più piani, più di 50 asili nido, circa 70 scuole e 15 ospedali sono stati distrutti, ha detto il ministro all’UNIAN.

Nelle ultime 24 ore, la seconda città più grande del paese, che aveva una popolazione prebellica di circa 1,5 milioni, è stata bombardata con artiglieria e mortai quasi 60 volte. I residenti delle case distrutte risiedono nelle restanti scuole (asili nido), scantinati e stazioni della metropolitana. Nonostante i bombardamenti, i supermercati di Kharkiv rimangono aperti e forniscono tutti i generi alimentari necessari, secondo il sindaco.

L’oligarca russo Abramovich e due negoziatori ucraini potrebbero essere stati avvelenati

L’oligarca russo Roman Abramovich e due negoziatori ucraini potrebbero essere stati avvelenati durante un incontro nella capitale ucraina, Kiev. Lo scrive l’American Wall Street Journal sulla base di fonti anonime, come confermato dalla piattaforma di ricerca Bellingcat.

Abramovich, che ha svolto il ruolo di mediatore tra Mosca e Kiev e due importanti negoziatori ucraini, si è incontrato a Kiev all’inizio di questo mese. Quindi avrebbero problemi di salute, come lacrimazione e pelle squamosa. Secondo Bellingcat, i sintomi sono simili ai reclami che si verificano dopo l’avvelenamento da armi chimiche. Si dice che i sintomi siano successivamente migliorati e che tutti e tre non siano in pericolo di vita.

Secondo fonti citate dal Wall Street Journal, l’attacco sarebbe stato opera di estremisti a Mosca che cercavano di sabotare i colloqui di pace tra Mosca e Kiev.

READ  Il Museo di Bologna usa i big data per mostrare ai visitatori

Il giudice russo consente ancora l’utilizzo di Facebook e Instagram

I russi dovrebbero ancora essere in grado di utilizzare questi social network legalmente in Russia, nonostante il blocco di Facebook e Instagram. Lo ha deciso un giudice secondo l’agenzia di stampa statale russa TASS in una procedura che includeva Meta, la società madre di Facebook e Instagram.

Meta era stata precedentemente classificata come un’organizzazione estremista e bandita dai giudici. L’accesso a Facebook e Instagram era stato precedentemente bloccato.

Tuttavia, molti russi utilizzano i social network per guadagnare denaro, ad esempio vendendo merci. Temevano di perdere il loro sostentamento e ora possono continuare a utilizzare le reti.

Marijn Trio a Lviv: “Donne e bambini tornano perché sentono che il luogo in cui vivono è abbastanza sicuro”

Sempre più ucraini che sono fuggiti dal loro paese per paura dell’invasione russa stanno tornando a casa perché sentono che il luogo in cui vivono è abbastanza sicuro.

“Ieri al valico di frontiera tra Polonia e Ucraina e questo pomeriggio alla stazione ferroviaria di Leopoli, abbiamo visto molte persone tornare di nuovo in Ucraina. La situazione si è alquanto stabilizzata per quanto riguarda le forze di terra russe”, spiega Marine Trio in World Today.

Il presidente ucraino Zelensky ringrazia il premier italiano per le “garanzie di sicurezza”

Il presidente Volodymyr Zelensky ha parlato con il primo ministro italiano Mario Draghi di un sistema che darebbe all’Ucraina garanzie di sicurezza per proteggerla da minacce future. Lo ha annunciato il presidente ucraino tramite Twitter.

“Abbiamo discusso di come fermare l’aggressione russa”, si legge nel tweet. “Grazie per l’importante supporto difensivo e umanitario. Il popolo ucraino lo ricorderà. Apprezziamo la disponibilità dell’Italia a partecipare alla creazione di un sistema di garanzie di sicurezza per l’Ucraina”.

Lo stesso presidente del Consiglio Draghi ha affermato in una dichiarazione che il governo italiano continuerà a sostenere le autorità e il popolo ucraino e che l’Italia è pronta a contribuire alle misure internazionali per porre fine alla guerra. Vuole anche una soluzione duratura alla crisi in Ucraina.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24