Bloomberg: dieci acquirenti di gas europei aprono un conto in rubli


Foto: ANP

Altre dieci società europee hanno aperto conti con Gazprombank per soddisfare la richiesta del presidente Vladimir Putin di regolare il gas russo in rubli. Una fonte ben informata della compagnia statale del gas Gazprom ha detto all’agenzia di stampa Bloomberg che un totale di venti società europee hanno aperto conti finora.

Altre 14 società hanno anche richiesto i documenti necessari per creare conti in rubli. Il numero di clienti che hanno già pagato in rubli è ancora quattro, lo stesso della fine del mese scorso. Secondo la fonte, i pagamenti di altri acquirenti scadranno entro la fine del mese.

Dall’ordine di Putin, i principali importatori europei di gas russo hanno cercato una via d’uscita per pagare i conti senza violare le sanzioni europee. Temendo un cut-off dal gas russo, come accaduto con Polonia e Bulgaria, gli importatori scelgono di seguire il nuovo metodo di pagamento stabilito dalla Russia.

La Russia inizialmente richiedeva agli acquirenti di gas di aprire un conto in euro e rubli con Gazprombank, che fa parte di Gazprom. La Banca centrale russa converte quindi gli euro depositati nel conto in euro in rubli nel conto in rublo. Tuttavia, se le aziende europee seguissero questo metodo di pagamento, violerebbe le sanzioni imposte dall’Unione Europea alla Banca centrale russa, secondo Bruxelles.

Tuttavia, con le scadenze per pagare le spedizioni di gas ad aprile che incombono per i principali acquirenti dell’Europa occidentale, la Russia ha adottato misure per dissipare i timori che il meccanismo di pagamento violi le sanzioni occidentali. Nelle condizioni attuali, il pagamento è effettivamente completato non appena l’acquirente deposita euro o dollari sul conto presso Gazprombank. Quindi l’importo viene automaticamente convertito in rubli e la Banca centrale russa, soggetta alle sanzioni dell’UE, non partecipa.

READ  Le sorelle italiane aprono fish and chips nel cuore del Roeselare: "Lavoriamo con il pesce freschissimo e facciamo tutto da sole"

Finora, Bruxelles non ha detto se la road map rivista della Russia è in linea con le sanzioni. Il primo ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato mercoledì che le aziende possono pagare il gas in rubli senza violare le sanzioni.

“La maggior parte degli importatori di gas ha già aperto i propri conti in rubli con Gazprom”, ha detto Draghi in una conferenza stampa. Ha anche detto che il più grande importatore di gas della Germania ha già pagato in rubli. Come l’Italia, la Germania è uno dei principali consumatori di gas russo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24