Caos dopo l’assassinio del presidente: gli haitiani chiedono un visto all’esercito americano | all’estero

Il caos ad Haiti è completo. Dopo l’assassinio del presidente Jovenel Moss, il Paese resta senza un leader. In questo vuoto di potere, i politici discutono ei cittadini cercano di fuggire. Il governo ad interim chiede agli Stati Uniti e alle Nazioni Unite di inviare truppe.


Tony van der Mee





Il primo ministro ad interim, Claude Joseph, ha confermato che il suo Paese ha richiesto supporto militare per proteggere le infrastrutture, ripristinare l’ordine e preparare il Paese per nuove elezioni. Il paese lotta con la povertà, l’instabilità politica e le bande violente.

“Abbiamo un disperato bisogno di aiuto e abbiamo chiesto aiuto ai nostri partner internazionali”, ha detto Joseph per telefono all’Associated Press. “Crediamo che i nostri partner possano aiutare la polizia nazionale a risolvere la situazione”.

Mathias Pierre, il ministro elettorale, afferma che la polizia haitiana è “debole” e non ha modo di ristabilire l’ordine. ,, Cosa facciamo? Lasciamo il paese allo sfascio? Distruzione di proprietà privata? Uccidere persone dopo l’assassinio del presidente? O noi come governo lo impediamo? “dice Pierre.

Lynchin

Non stiamo chiedendo di occupare il paese. Chiediamo piccole forze che ci sostengano e ci aiutino. Finché siamo deboli, abbiamo bisogno dei nostri vicini”.

Questo appello ci ricorda il caos che seguì l’ultimo assassinio presidenziale ad Haiti più di un secolo fa. Nel 1915, il presidente Guillaume Velburne fu giustiziato da una folla inferocita dopo averlo ritirato dall’ambasciata francese.

Gli haitiani agitano i loro passaporti all’ambasciata degli Stati Uniti per ottenere i visti © AFP

In risposta, il presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson ha inviato dei marines ad Haiti per prevenire il caos. L’occupazione militare statunitense durò quasi due decenni.

L’amministrazione di Joe Biden non ha intenzione di inviare truppe in questo momento. Gli agenti dell’FBI sono volati ad Haiti per supportare le indagini sull’omicidio.

Il presidente Jovenel Moyes è stato ucciso mercoledì sera a casa sua. Carl Henry Destin, un giudice investigativo locale, ha raccontato alla CNN cosa ha trovato in casa. “Le porte erano piene di proiettili, il vetro è stato frantumato, le porte sono state frantumate e persino le serrature sfondate e il pavimento”.

Dodici ferite da arma da fuoco

C’erano macchie di sangue sulle scale e Moise era in camera da letto. “Indossava una camicia bianca e jeans”, ha detto Destin. La sua camicia era strappata e coperta di sangue. Ho visto dodici evidenti ferite da arma da fuoco sul corpo del presidente. Hanno colpito il suo occhio sinistro, ma entrambi erano aperti”.

Il primo ministro ad interim Claude Joseph (a sinistra) e il ministro delle elezioni Matthias Pierre

Il primo ministro ad interim Claude Joseph (a sinistra) e il ministro delle elezioni Matthias Pierre © AFP

Non è ancora chiaro cosa sia successo esattamente e cosa abbia motivato gli autori. La polizia dice che ci sono 28 sospetti: 26 mercenari colombiani e due haitiani americani, venti sospetti sono in custodia e tre sono stati uccisi. Gli altri sono in fuga.

Le autorità colombiane hanno confermato che i mercenari sono ex soldati dell’esercito colombiano. Sarebbero stati reclutati da quattro società di sicurezza private. Hanno viaggiato in due gruppi attraverso la Repubblica Dominicana fino al paese dei Caraibi. Gli americani faranno da interpreti.

Mente

Questi mercenari colombiani addestrati dagli Stati Uniti sono molto richiesti dalle compagnie di sicurezza private a causa della loro esperienza nelle guerre contro i ribelli di sinistra e i potenti cartelli della droga. “C’è una mente dietro questo crimine e questo è ciò che dobbiamo scoprire”, ha detto il ministro Pierre.

I sospetti arrestati vengono mostrati ai media con le armi che hanno usato

I sospetti arrestati vengono mostrati ai media con le armi che hanno usato © AP

La First Lady Maren Moyes, che è stata infettata, ha risposto per la prima volta in una dichiarazione rilasciata dall’ospedale di Miami. Crede che suo marito sia stato ucciso perché ha investito nella costruzione di strade, elettricità e forniture di acqua potabile, e voleva organizzare un referendum ed elezioni.

aiuta

“I mercenari che hanno ucciso il presidente sono ora dietro le sbarre, ma altri mercenari vogliono distruggere il suo sogno, la sua visione e la sua ideologia”, ha detto la vedova Moss.

“Sono vivo per grazia di Dio. Abbiamo combattuto insieme per più di 25 anni. In tutti quegli anni l’amore splendeva in casa. Ma all’improvviso sono arrivati ​​dei mercenari e hanno sparato a mio marito. Devi essere un criminale codardo per uccidere un capo come Juvenil Moss impunemente.” senza dargli la possibilità di parlare”.

Haitiani che cercano di ottenere carburante scarso

Haitiani che cercano di ottenere carburante scarso © Reuters

La mancanza di immagini dell’attacco o della rimozione dei resti di Moyes è foraggio per teorie cospirative. La domanda è come gli autori sono riusciti a superare la sicurezza. Non una sola guardia è rimasta ferita.

servizio di sicurezza

La giustizia vuole mettere in discussione l’apparato di sicurezza del presidente, compreso il capo della sicurezza del palazzo. “Se fossi responsabile della sicurezza del presidente, dove sarei?”, ha detto al quotidiano francese il procuratore generale Claude Ford. il discorso. “Cosa hai fatto per impedire questo destino al capo?”

Nel frattempo, i politici stanno lottando per il potere nel paese. Alcuni vogliono sbarazzarsi del primo ministro ad interim Joseph, che ha assunto la presidenza dopo l’assassinio con il sostegno della polizia e dell’esercito. Rosemond Bradel, ex segretario generale della Commissione elettorale provvisoria di Haiti, ritiene che Joseph sia “non qualificato” e non abbia “il diritto legale” di governare il paese.

Agenzia di stampa Francia

© AFP

Un gruppo riconosce il presidente del Senato Joseph Lambert come presidente ad interim e Ariel Henry come primo ministro. Henry è stato nominato da Moyes come il nuovo primo ministro designato il giorno prima dell’assassinio, ma non era ancora stato inaugurato.

lotta di potere

Joseph dice che altri stanno cercando di ottenere vantaggi politici dall’omicidio di Moss. Non sono interessato alla lotta per il potere. C’è solo un modo in cui le persone possono diventare presidente ad Haiti, ed è attraverso le elezioni”.

Il caos è motivo del desiderio di molti cittadini di lasciare il Paese. Centinaia di haitiani si sono radunati davanti all’ambasciata degli Stati Uniti nella capitale, Port-au-Prince. Donne che trasportano bambini e giovani adulti hanno agitato i loro passaporti e carte d’identità e hanno chiesto i visti per gli Stati Uniti.

“Questo paese non ha nulla da offrire”, ha detto Thermidor Guam, 36 anni. “Se il capo può essere ucciso nella sua stessa sicurezza, non ho assolutamente alcuna protezione se qualcuno vuole uccidermi”.

READ  “Il gruppo di estrema destra voleva attaccare i massoni francesi” | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24