Carlo Ancelotti del Real Madrid è il tipo di allenatore da vivere e far vivere

I giocatori del Real Madrid, l’allenatore “Jonasin” Carlo Ancelotti dopo aver vinto il titolo spagnolo lo scorso sabato.immagine AP

Carlo Ancelotti è un padre tra i migliori allenatori. Si sente quando è amico dei giocatori e quando hanno bisogno di una mano forte. Permette loro di giocare a calcio in base alle loro qualità. Inoltre, è vestito elegantemente e distinto, rilassato e dotato di un sorriso gentile, senza comportarsi diversamente da come è.

Il suo tesoro di titoli ha quasi ceduto ai desideri corrotti della sua carriera: campioni d’Italia (Milan), Inghilterra (Chelsea), Francia (Paris Saint-Germain), Germania (Bayern Monaco) e, dallo scorso fine settimana, Spagna (Real Madrid). .

Queste sono foto incredibili della festa della domenica a Madrid. Capelli grigi in grande stile. Occhiali da sole a sigaro alla moda del film italiano. Don Carlo Ancelotti, ballando e ridendo dei giocatori dietro di lui come sottofondo. Vinicio, Militao, Alaba, Rodrigo.

Ancora meglio: i giocatori, Jonas, l’allenatore in campo. Lo catturarono e lo arrestarono in sicurezza. Jonassen è un atto di affetto e fiducia reciproci. Sull’autobus scoperto, durante un tour della città, Ancelotti si abbraccia uno ad uno. Il modo in cui lui e Karim Benzema si vedono è quasi puro amore. Dal punto di vista di Benzema: sei un grande allenatore che sa come possiamo lavorare insieme. Da parte sua: non devo dirti nient’altro da capocannoniere.

combinazione perfetta

Ancelotti e Real Madrid sono la combinazione perfetta al momento giusto, come un mix di esperienza, vivi e lascia vivere. Perché questa è la bellezza del Real Madrid. In effetti, la squadra è in ritardo, con le stelle che hanno superato i trent’anni. Presumibilmente questo non è possibile nel calcio moderno. La vera eccezione è di supporto. Guarda il brasiliano Marcelo (33) interpretare il mood maker sul divano con la sua faccia allegra. Benzema (34) è il capocannoniere, Modric (36), Casemiro (30) e Kroos (32) formano un forte centrocampo a 30 anni. Anche Gareth Bale (32), non importa quanto si senta umiliato per il suo ruolo di supporto, rimane calmo.

L'italiano Carlo Ancelotti prima della partita di campionato contro l'Espanyol sabato a Madrid.  Sono vestiti elegantemente e completamente rilassati.  foto AFP

L’italiano Carlo Ancelotti prima della partita di campionato contro l’Espanyol sabato a Madrid. Sono vestiti elegantemente e completamente rilassati.foto AFP

Certo, era in campionato, perché il Barcellona era in crisi e l’Atletico è esploso. Tuttavia, essere il campione di quattro duelli prima della fine è fondamentalmente un vantaggio per il Real stesso. Certo, la fortuna è stata dalla parte del Real Madrid in Champions League: tornare imbattuta contro il PSG. fortuna però? Era chiaro che Kroos si fosse infortunato dopo il cambio del giovane Camavinga, ma in quei momenti deve intervenire il tecnico. Quindi non è più un amico, ma un tattico, il vincitore. La svolta è arrivata, soprattutto per l’equilibrio a centrocampo e un po’ di fortuna sull’1-1, aiutato da un errore del portiere Donnarumma.

Contro il Chelsea ha di fatto perso il vantaggio ottenuto a Londra, ma Benzema e compagni sono risaliti. La scorsa settimana a Manchester, il Real Madrid ha dovuto vedere ogni angolo del campo davanti al City per mezz’ora, ma la squadra ha limitato i danni a 4-3. Prospettive sufficienti, quindi, per raggiungere la finale durante il match di ritorno di mercoledì.

riposare in disparte

Con Thomas Tuchel (Chelsea) che corre freneticamente sulla linea e Pep Guardiola (City) che istruisce o protesta con gesti selvaggi, Ancelotti resta calmo. Soprattutto perché la sua bocca si muove principalmente da gomme da masticare. Ancelotti è figlio di un contadino reggiano cresciuto a Roma. Si è ispirato all’allenatore svedese Nils Liedholm, che ha portato altre idee nel calcio italiano: coprire l’area piuttosto che coprire gli uomini, per esempio.

Si ispira anche ad Arrigo Sacchi al Milan, anche se a volte era così nervoso che i top player lo prendevano in giro nei momenti in contropiede. Il centrocampista Ancelotti ha dato il tono a Frank Rijkaard a Milano con Ruud Gullit e Marco van Basten. Due volte vincitore della principale Coppa dei Campioni. Ascolta come ne hanno parlato nei talk show, Gullit e Van Basten. Si tratta di intelligenza, calma, empatia e intuizione tattica.

Notevole il numero di club da allenatore, dopo una lunga esperienza al Milan. Solo dal 2009: Chelsea, Paris Saint-Germain, Real Madrid, Bayern Monaco, Napoli, Everton e ancora Real Madrid. Funzionava così com’è. Certo, Bayern e PSG vincono il campionato in quasi tutte le stagioni, ma comunque: essere campioni nei primi cinque paesi è un’impresa impressionante. Ha vinto più volte la Champions League come giocatore e allenatore.

E pensare che il Real Madrid sta attraversando la stagione dei trasferimenti. Il presidente Florentino Perez non ha voluto fare grandi investimenti sui giocatori. Sta aspettando gli acquisti a parametro zero, per avere ancora qualcosa da fare per la bella ristrutturazione del Bernabeu, che non è ancora ultimata. Così è arrivato il difensore Alaba e lo stesso accadrà a Rudiger la prossima stagione. Ancelotti ha detto dopo il titolo che potrebbe ritirarsi dopo il Real Madrid. Ma forse no. È stato ovunque. Ha vinto tutto. Il piacere nel suo lavoro lo spinge avanti.

READ  Ron Blau vince lo snack Snackmasters: "Ci ho lavorato quasi giorno e notte" | cucinare e mangiare

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24