C’è la possibilità di mutazioni terrificanti? “Il virus trae vantaggio dall’essere meno letale’

I tassi di infezione da coronavirus sono stati notevolmente stabili nelle ultime settimane. Sebbene il numero di iniezioni utilizzate continui a crescere costantemente e ora superi i 22 milioni, il numero di test positivi è compreso tra due e tremila iniezioni al giorno.

“È opinione generale tra i virologi che un gruppo così ampio di persone rimanga suscettibile all’infezione da un coronavirus che non andrà mai via”, afferma Eric Snyder, professore di virologia molecolare presso il Leiden University Medical Center. “Pensa ai bambini piccoli e ai neonati che non ottengono molto dalla vaccinazione, alle persone che rifiutano il vaccino e al gruppo in cui il vaccino non funziona perché hanno un disturbo immunitario o stanno assumendo determinati farmaci”.

Snijder studia i coronavirus da trent’anni ed è anche considerato in tutto il mondo un esperto in materia. Nel 2012 è stato eletto all’American Academy of Microbiology. Con lui attendiamo con impazienza la prossima fase della pandemia e possibili epidemie in futuro. Cosa dovremmo tenere a mente nel prossimo futuro?

ormoni?

La grande paura è che il virus muti in un tipo più mortale, più contagioso o più resistente ai vaccini. Ci può essere anche un lato positivo delle mutazioni, dice Snyder. “La vecchia idea è che un virus che fa ammalare gravemente il suo ospite non si fa alcun favore, perché si diffonderà peggio. Il virus può quindi trarre vantaggio dall’evoluzione in una specie meno malata”.

La domanda è se il virus SARS-2 ha le caratteristiche di questo. “In ogni caso, è molto meno mortale del suo predecessore, il primo coronavirus SARS”.

READ  RIVM: Vaccinare i bambini a partire dai 12 anni tiene sotto controllo Corona più facilmente in inverno

Ciò non significa che un “boom terrificante” sia fuori discussione. Dopotutto, l’alto tasso di mortalità per SARS significa anche che il virus della stessa famiglia con le stesse caratteristiche ha il potenziale per essere molto più pericoloso del Covid-19 ora, afferma Snyder. “È quindi particolarmente importante che i governi investano nella rilevazione precoce dei focolai e dispongano di risorse pronte che possono essere utilizzate immediatamente nel caso in cui un nuovo virus dovesse emergere nell’uomo”.

“Pensa agli inibitori dei virus che hanno un ampio impatto contro l’intera famiglia di virus. Non puoi fornire una sicurezza assoluta, ma puoi ridurre significativamente il rischio”.

continua ad allentare

Snyder non è sorpreso che, nonostante l’alto tasso di vaccinazione, migliaia di persone siano ancora infettate dal virus Corona ogni giorno. “Poiché la variante delta è così contagiosa e la risposta immunitaria delle persone dopo la vaccinazione è diversa per ogni persona, anche con un’elevata copertura vaccinale, vedrai comunque migliaia di infezioni in un paese come i Paesi Bassi con milioni di residenti”.

Sebbene la ricerca sul coronavirus abbia fornito molte informazioni nuove e dettagliate su questo virus, afferma Snijder, alla fine è in definitiva un po’ nuovo sulla lotta ai virus. “Questo virus ha le stesse caratteristiche dei già noti coronavirus che causano SARS e MERS, ma potrebbe aver colto il rischio a causa di alcune caratteristiche specifiche e molte coincidenze”.

“Tutti i tentativi di fermare il virus e fermare la diffusione di nuove varianti sono falliti con troppo poco e troppo tardi. Misure rigorose hanno rallentato le cose, ma di certo non si sono fermate”.

READ  Un forte aumento del tasso di sopravvivenza dei bambini malati di cancro | interni

Sebbene la corona non sia scomparsa per ora, dovremmo continuare a rilassarci gradualmente, afferma Snyder. “Dobbiamo imparare a convivere con questo virus”.

Per lui, questo non significa solo un ritorno alla vecchia normalità: “Abbiamo viaggiato molto dal secolo scorso e molte persone si sono trasferite per vivere vicine. E nelle precedenti epidemie, le persone urlavano : ‘Sfortunatamente andiamo!’ “È stato un colpo che avremmo potuto vedere”.

future epidemie

Quindi Snijder crede che la pandemia di coronavirus sia un segnale importante per cui dobbiamo pensare meglio alla nostra preparazione alla pandemia: il modo in cui ci prepariamo per future pandemie, sia individualmente che a livello mondiale. “È come se guardassimo ogni giorno le previsioni del tempo ma dimenticassimo che c’è un problema climatico. Dobbiamo investire nel medio termine per combattere questi tipi di malattie infettive”.

Come ti sembra concretamente? “Sappiamo da tempo, ad esempio, che il problema dell’influenza è in parte legato ai virus dei maiali e del pollame. Quindi dobbiamo avvicinarci a questi tipi di animali da allevamento in modo più saggio, e ovviamente anche con la nostra fauna selvatica. Un coltello può tagliare in entrambe le direzioni: mangiare meno carne non solo riduce i problemi di virus, ma aiuta anche a combattere il problema climatico”.

Molto importante è quindi il sano rapporto tra il mondo animale, il mondo umano e l’ambiente, detto anche concetto di una salute. “La densità della popolazione è ovviamente anche un fattore importante, come la convivenza nelle città. Questa pandemia è stata una lezione su quanto sia resiliente il nostro pianeta. E questo si rivela piuttosto deludente, perché un organismo relativamente semplice può rovinare completamente le cose. a poco a poco. E a questo difficilmente abbiamo una risposta.””.

READ  Le lunghe settimane di lavoro sono mortali e flessibili e non fanno che peggiorare la situazione

Nota importante: che preparazione alla pandemia È un concetto internazionale, avverte Snyder. “Finché continueremo a viaggiare, volare e migrare, i virus arriveranno. Quindi dovrai controllarli in tutto il mondo”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24