C’è speranza: gli astronomi hanno trovato un pianeta scampato alla morte della sua stella

Quando il nostro sole entrerà in agonia tra circa cinque miliardi di anni, schiaccerà il nostro pianeta e poi morirà drammaticamente per diventare un antrace morto: una nana bianca. Ma il destino di pianeti lontani come Giove o Saturno è meno chiaro. Gli astronomi hanno ora trovato un pianeta scampato alla morte della sua stella. Ha le dimensioni di Giove e orbita intorno a una nana bianca distante 6.500 anni luce da qui.

Perché questo è importante?

Il pianeta delle dimensioni di Giove orbita attorno a un tipo di stella chiamata nana bianca e dà un’idea di come potrebbe apparire il nostro sistema solare se il sole si spegnesse. Oppure: se l’umanità è ancora in giro tra cinque miliardi di anni, probabilmente avremmo maggiori possibilità di sopravvivere alla fase di gigante rossa del Sole sulla luna di Giove rispetto alla Terra.

MOA-2010-BLG-477Lb Acquista Discovery Non solo offre uno sguardo sul nostro futuro cosmico, ma aumenta anche la possibilità che qualsiasi vita su “mondi sopravvissuti” possa resistere alla morte delle sue stelle. È probabile che il destino del nostro sistema solare sarà simile a MOA-2010-BLG-477Lb. Il sole diventerà una nana bianca, i pianeti interni inghiottiranno e sopravviveranno i pianeti con orbite più grandi come Giove e Saturno.

Il pianeta è stato visto per la prima volta a causa degli effetti di distorsione della luce di un campo gravitazionale, un fenomeno noto come microlensing. Dopo anni di ricerca della sua stella ospite con il telescopio Keck II alle Hawaii, è stato determinato che orbita attorno a una nana bianca troppo debole per essere osservata direttamente.

READ  La mamma pazza Monique muore dopo settimane di isolamento

Gli astronomi che hanno utilizzato un metodo diverso l’anno scorso hanno riferito di aver visto un altro pianeta intatto simile a Giove, noto come WD 1856 b, anch’esso in orbita attorno a una nana bianca. Ma MOA-2010-BLG-477Lb orbita attorno alla sua nana bianca a circa tre volte la distanza tra la Terra e il Sole, rendendolo il primo pianeta noto ad orbitare attorno a una nana bianca simile a Giove. D’altra parte, WD 1856 b orbita attorno alla sua nana bianca ogni 1,4 giorni, indicando che è migrata nella sua posizione attuale dopo la morte della sua stella, sebbene gli esatti meccanismi di quel volo siano ancora oggetto di indagine.

Si può vivere anche la vita?

La nuova scoperta potrebbe fornire informazioni sulla ricerca di vita extraterrestre e il potenziale per l’abitazione dei sistemi di nane bianche. Lisa Kaltenegger, direttrice del Carl Sagan Institute, ha suggerito che alcune galassie portatrici di vita potrebbero subire una “seconda formazione”, in cui nuovi oggetti appaiono nei resti del sistema ricostituito delle nane bianche.

Oppure: se i pianeti potessero sopravvivere alla morte delle loro stelle, potrebbe anche la vita su quei pianeti? Le stelle morenti emettono radiazioni nocive mentre crescono nelle cosiddette giganti rosse, creando un disturbo nei loro sistemi che può distruggere la vita. Ma ci sono alcuni scenari speculativi in ​​cui l’abitabilità dei pianeti potrebbe essere preservata nei sistemi di nane bianche.

Ci sono molte cose che dovrebbero andare bene. Potrebbe essere con un pianeta lontano da una stella gigante rossa che poi si muove verso l’interno dopo che la stella diventa una nana bianca e contiene abbastanza acqua per essere un luogo abitabile quando la stella si trasforma in una nana bianca.

READ  I Red Panthers confermano la grande vittoria sull'Italia nell'European Hockey League | pantere rosse

Tra cinque miliardi di anni saremo migliori in Europa

Poiché le nane bianche sono piccole e deboli, un pianeta del genere dovrebbe trovarsi in un’orbita molto vicina e molto corta affinché l’acqua liquida possa esistere. Tuttavia, se la vita apparisse in un mondo come Europa, la luna di Giove, che potrebbe avere un oceano sotterraneo riscaldato dalle forze di marea di Giove, probabilmente vivrebbe anche a una distanza maggiore rispetto alla nana bianca.

Oppure: se l’umanità è ancora in giro tra cinque miliardi di anni, probabilmente avremmo maggiori possibilità di sopravvivere alla fase di gigante rossa del Sole sulla luna di Giove rispetto alla Terra.

Mentre l’esistenza della vita intorno alle nane bianche è ancora oggetto di speculazione, gli osservatori di nuova generazione, Come il telescopio spaziale James Webb, può aiutare a fornire risposte specifiche a questa domanda. Man mano che i pianeti più sani orbitano attorno a nane bianche, gli scienziati avranno un quadro più chiaro della vita e dell’aldilà di questi misteriosi sistemi di stelle estinte. Questa è stata la prima scoperta di un pianeta in orbita attorno a una nana bianca, ma di certo non è l’ultima.

(kg)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24