Chi aiuta gli afghani affamati aiuta anche i talebani

La scarsità di cibo è in aumento in Afghanistan. Ma quando i paesi stranieri (leggi: ex nemici dell’Occidente) si prendono cura della popolazione, il regime estremista islamico la libera, Scritto da Robert de Witt.

Non sono solo i problemi di transizione che soffrono gli afgani, ma le solite lotte quando un governo lascia il posto all’altro. L’economia afghana era già una delle più deboli al mondo quando i talebani hanno preso il controllo del Paese ad agosto. Inoltre, a causa della grave siccità, molti raccolti sono falliti, con conseguente penuria di cibo. L’importazione di cibo è costosa.

Quando è apparso chiaro che i talebani avrebbero ripreso il controllo, i problemi sono aumentati: le banche hanno chiuso subito dopo l’acquisizione. Da allora hanno riaperto, ma c’è ancora un’enorme carenza di denaro. Questo è anche legato alla partenza degli americani e dei loro alleati, che hanno portato con sé molti soldi. Da quando hanno preso il controllo dei talebani, gli Stati Uniti hanno congelato almeno 9 miliardi di dollari dal governo afghano. Per impedire ai talebani di acquistare armi, ad esempio, vengono conservate in conti bancari esteri.

Robert de Witt (1978) redattore per gli affari esteri presso Rivista settimanale Elsevier. Ogni giovedì tiene un blog sugli sviluppi globali e le loro conseguenze per i Paesi Bassi e l’Europa.

Il lavoratore afgano
Le donne restano a casa

Alcuni dei problemi sono il risultato diretto delle convinzioni estremiste del nuovo regime. In molte famiglie, le donne erano i capifamiglia o costituivano una parte importante del reddito familiare. Molte donne ora stanno a casa. A volte perché non possono più lavorare, ma anche perché temono per la loro sicurezza quando vanno a lavorare. In generale, le organizzazioni umanitarie hanno concluso che esiste una minaccia significativa per gli afgani. Carenza di cibo, con l’avvicinarsi del rigido inverno.

READ  Un momento di caffè con ... un sacco di strujave

Perché l’Occidente dovrebbe aiutare di nuovo?

Stimato 14 milioni di afghani avranno poco da mangiare nei prossimi mesi. Questi sono numeri da capogiro, anche se gli scettici, giustamente in parte, noteranno che le organizzazioni umanitarie hanno sempre maggiori probabilità di dare l’allarme piuttosto che mettere le cose in chiaro, anche solo per mantenere le loro cassette della raccolta ben piene.

Insomma, ci sono tutte le ragioni per aiutare gli afghani. Ora il lettore cinico penserà: perché noi occidentali dovremmo farlo di nuovo? Dopotutto, ci sono molti paesi prosperi più vicini a casa che possono aiutare il paese. Ma sono stati i paesi occidentali a intervenire in Afghanistan negli ultimi decenni, e quei paesi occidentali hanno lasciato improvvisamente il paese quest’estate dopo vent’anni. I ricchi stati del Golfo non si sono mai preoccupati degli afgani.

Conclusione un po’ problematica

Questa settimana si è tenuto il vertice del G20, che riunisce le venti strade industriali più ricche e influenti. La situazione in Afghanistan è stata discussa a lungo. Conclusione un po’ problematica: Sì, aiuteremo gli afghani con centinaia di milioni di euro. E necessariamente, i talebani parteciperanno alla distribuzione di quei fondi per alleviare i bisogni più acuti del popolo afghano. Ma questo non significa che riconosciamo i talebani come il governo legittimo del Paese.

Secondo il presidente del Consiglio Mario Draghi, l’obiettivo del vertice di Roma è “fornire aiuti umanitari al popolo afghano sottolineando l’importanza della tutela dei diritti umani e delle libertà”. Bene, continua così. L’Afghanistan mostra solo che a volte è impossibile fare entrambe le cose.

Anche i talebani sono a corto di soldi

Ogni euro o dollaro per aiutare il popolo afghano non dovrebbe essere speso dai talebani. Questo sistema è a corto di soldi. Utile se i paesi stranieri (leggi: ex nemici dell’Occidente) si prendono cura della popolazione. In questo modo l’aiuto alimentare aiuta anche il regime islamico radicale.

READ  A Palermo la mafia è stata sostituita da un turista

D’altra parte, il completo isolamento dell’Afghanistan indebolirà senza dubbio il regime, forse al punto che i talebani non sono in grado di “curare” degli afghani e vengono cacciati. Ma questo potrebbe richiedere molto tempo, e nel frattempo i comuni afgani ne soffriranno.

A due mesi dalla caduta di Kabul, ci sono ancora scelte sbagliate.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24