Cinque Stati membri dell’UE chiedono un rinvio del divieto dei motori a combustione

Cinque Stati membri dell’UE vogliono posticipare il divieto di vendita di auto nuove dotate di motore a combustione fino al 2040. Tuttavia, la Commissione Europea e il Parlamento Europeo vogliono limitare le vendite entro il 2035.

Da un documento visualizzato da Reuters Sembra che Bulgaria, Italia, Portogallo, Romania e Slovacchia vogliano rinviare il divieto. Si tratta in particolare di una proposta della Commissione europea secondo cui le nuove auto potrebbero emettere il cento per cento di anidride carbonica in meno nel 2035 rispetto al 2021. In pratica, la riduzione proposta significa che sarà ridotta la vendita di auto dotate di motore a combustione.

Il divieto si applica solo alle auto nuove; Il divieto non si applica alle auto usate.

90% di sconto nel 2035

Gli Stati membri dell’UE fanno una controproposta nel documento. Sostengono una riduzione del 90 percento delle emissioni di CO2 per le autovetture entro il 2035. In pratica, ciò significa che un numero limitato di auto dotate di motore a combustione può ancora essere venduto quell’anno. Nel 2040, gli Stati membri dell’UE vogliono aumentare la riduzione al 100%. La vendita di nuove autovetture dotate di motore a combustione sarà quindi vietata entro il 2040.

Anche Bulgaria, Italia, Portogallo, Romania e Slovacchia chiedono il rinvio dei veicoli commerciali leggeri, compresi i camion per le consegne. I paesi propongono di ridurre dell’80% le emissioni di CO2 per questa classe di veicoli. Questo è anche meno di quanto vogliono la Commissione europea e il Parlamento europeo. Entrambi hanno già concordato di ridurre le emissioni di CO2 del 100% per i nuovi camion per le consegne entro il 2035.

READ  Frans Timmermans: impastare, formare alleanze o suonare in altro modo con la band

Miglioramento dell’infrastruttura di ricarica

I paesi citano varie ragioni per il ritardo proposto nel documento trapelato. Ad esempio, i paesi vogliono ottenere maggiori infrastrutture per la ricarica delle auto elettriche.

I Paesi Bassi sono molto più avanti di altri paesi in questo senso. I dati dell’Associazione europea dei produttori di automobili mostrano che circa il 70% di tutte le stazioni di ricarica si trovano nei Paesi Bassi, in Germania e in Francia. Nel giugno dello scorso anno, i Paesi Bassi erano in testa con oltre 66.000 stazioni di ricarica, mentre Germania e Francia avevano ciascuna circa 45.000 stazioni di ricarica.

Differenze di potere d’acquisto

Un anonimo funzionario bulgaro ha anche indicato a Reuters che il potere d’acquisto negli Stati membri dell’UE varia notevolmente. Secondo il bulgaro, le misure climatiche devono tenere conto di fattori economici e sociali.

Parte della più ampia azione per il clima

Gli Stati membri dell’UE dovrebbero presentare la loro posizione sulle misure climatiche proposte nel prossimo futuro. Il Parlamento Europeo aveva precedentemente approvato la proposta della Commissione Europea. Queste misure fanno parte di una più ampia misura climatica. Ciò dovrebbe comportare una riduzione del 55% delle emissioni di gas serra entro il 2030 rispetto al 1990.

Autore: Wouter Hoeffnagel
Foto: Geralt di Pixabay

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24