Codice sorgente rubato e SDK di CD Projekt Red condivisi online – Giochi – Notizie

Secondo quanto riferito, il codice sorgente di Cyberpunk 2077, The Witcher 3 e la sua versione di Raytracing e Thronebreaker è apparso online. Sono stati pubblicati anche kit di sviluppo per più console, anch’essi rubati allo sviluppatore CD Projekt Red.

per ricerca di Eurogamer Sebbene il codice sorgente dei giochi possa essere trovato online, è ancora codificato. Il gruppo che possiede il codice chiede una “donazione” di 10.000 dollari a partita, in criptovaluta, per le chiavi di decrittazione. Esiste la possibilità che una persona che acquista chiavi di decrittazione per tale importo metta i dati su Internet senza crittografia, dopodiché tutti possono sfogliarli. Anche gli SDK per Switch, PS4, PS5 e “Xbox” sono stati messi online e non crittografati. Secondo datareaches.net Il codice sorgente è fornito su una nuova piattaforma di vulnerabilità chiamata payload.bin.

Il gruppo che ora mette online il codice non sarà più lo stesso Hack CDPR, all’inizio di quest’anno. Questo sarà il gruppo che Comprato bottino, ma lo avrebbero fatto, a condizione che non lo ridistribuissero. Questo sembra accadere ora. In una lettura introduttiva, il gruppo ha affermato che “questa perdita è stata concordata con l’acquirente in cambio di uno sconto”, il che sembra spiegare questa discrepanza, ma non è una spiegazione molto semplice.

Il codice sorgente di Gwent, che è stato anche rubato nell’attacco al CDPR, è stato messo online prima dell’asta. Forse era per attirare l’attenzione e dimostrare la legittimità della cosa da mettere all’asta.

Nell’hacking di CDPR, sono stati rubati anche dati non di gioco della società. Secondo un messaggio degli hacker, i documenti includevano “contabilità, amministrazione, risorse umane, relazioni con gli investitori e altro” all’epoca. Il gruppo afferma che questi documenti sensibili non saranno condivisi con il pubblico, ma saranno condivisi “con i media”. Forse questo è per dimostrare che hanno effettivamente i dati rubati nelle loro mani.

READ  Gli utenti si lamentano dell'impostazione del popup di Bing come motore di ricerca predefinito - Computer - Notizie

Suggerisci CD Projekt Red Al momento dell’attacco ransomware “Mi aspettavo la fuga dei dati rubati”. Ha detto di non negoziare con gli hacker e di non pagare un riscatto.

statua Inserito su Twitter da @zavtracast

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24