colonna | La bandiera è una grande multinazionale con molte divisioni

Quando il deputato Van Meijeren (FVD) ha recentemente accusato di corruzione il direttore del RIVM Van Dissel in un dibattito parlamentare, chiamato trecento mondi Prendere posizione contro i politici che “fanno accuse infondate contro gli scienziati”. Il presidente della Camera Bergkamp ha affermato che gli attacchi personali agli scienziati non appartengono alla Camera, il ministro Djgraf ha affermato che gli scienziati devono essere in grado di svolgere il loro lavoro in sicurezza, anche se il risultato non è gradito, e il ministro Kuipers vuole garantire la libertà degli scienziati. Perché la società può tutelare i loro diritti. Ha bisogno di risultati.

Tuttavia, queste lodevoli affermazioni ignorano le ragioni della sfiducia nei confronti della scienza.

Il termine corruzione (letteralmente: corruzione o abuso di potere) è soggetto a una massiccia erosione nelle dichiarazioni della FVD. Da questo punto di vista, ogni essere umano è corrotto come incarnazione di interessi – come con il proprietario di una taverna, credo che si fida dei suoi ospiti. Ma inconsciamente, il significato originario di “rompi, distruggi” risuona anche con tutti, anche al di fuori della FVD, nella “corruzione”. Qualcosa si è rotto nel rapporto tra scienza e società.

Inizia con un malinteso di base sulla scienza. Flag è una grande multinazionale con molte divisioni. Non è una scatola dove si possono scovare fatti o soluzioni a proprio piacimento o chiederle. La raccolta di informazioni scientifiche è il processo di tentativi ed errori, la formulazione e la verifica di ipotesi e il conflitto con risultati imprevisti, metodi di misurazione difficili e fallimento. I ricercatori, motivati ​​o meno dai media e dai loro portavoce, causano anche incomprensioni o peggio. Esagerano i risultati, estrapolando irresponsabilmente – a volte per entusiasmo ben intenzionato, a volte per speranza di finanziamento. Anche qui c’è inflazione di termini: siamo in aumento punti criticiIl caos minaccia oggi, la revisione completa del sistema è inevitabile e così via.

Dietro tutto questo c’è uno strato più profondo: una divergenza di opinioni sulla legittimità del potere. Coloro che non hanno fiducia nell’effetto autopulente a lungo termine della scienza, nella voce critica della stampa e nella regolamentazione del governo tenderanno a considerare la propria conoscenza come la norma. Tutto ciò che non sembra logico o controintuitivo viene rifiutato. Un semplice esempio: “naturale è salutare” – una frase che ignora le sostanze tossiche che contengono molte piante per proteggersi dagli altri organismi.

Poi c’è la paura della globalizzazione. Molti si sentono trascurati perché “tutto” è deciso da oscure forze geopolitiche e industriali. La conoscenza per definizione è internazionale. Anche gli studi locali sono legati a quanto fatto altrove, i risultati dall’altra parte del mondo sono rilevanti qui e la valutazione, in linea di principio, è puramente internazionale.

Se la società vuole consentire alla scienza di operare liberamente, è necessario un maggiore rifiuto delle accuse libere in Parlamento. Quindi ogni tipo di azione per avvicinare i fatti scientifici alla popolazione non aiuterà, a prescindere dalla buona volontà di tutte quelle mostre e programmi TV. Ogni politico ha il dovere di capire come la conoscenza basata sull’esperienza personale dovrebbe funzionare come base per la politica e perché differisce fondamentalmente dall’arbitrarietà o dall’intuizione degli influencer. È il momento del Programma Amici che mette in contatto i Giovani Scienziati con i Rappresentanti!

Luisa o Frisco È scrittore e presidente dell’Executive Board della Wageningen University & Research (louiseofresco.com

READ  Rafforzamento dighe, inverdimento e cantieri idrici: ecco come Rijnmond si prepara al cambiamento climatico

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24