colonna | L’estate 2022 sarà calda

Può essere ancora un’estate tranquilla nell’economia internazionale e nei mercati azionari. Che tutti – investitori, politici, banchieri, il decano – vadano in vacanza, lascino andare le cose e alla fine di agosto diano un’altra occhiata a come sta la bandiera. Ma questa opportunità non è eccezionale.

Naturalmente, se molti attori se ne sono andati, potrebbero esserci anche meno fattori che spingono a muovere i mercati finanziari. Ma d’altra parte: soprattutto in un mercato con scambi e liquidità relativamente scarsi, le fluttuazioni dei prezzi possono diventare piuttosto ampie.

La settimana esplosiva del mercato azionario di quattro settimane fa è ancora fresca nella mia mente. Poi contemporaneamente i prezzi delle azioni e dei titoli di Stato sono scesi, i tassi di interesse a lungo termine sono aumentati e il differenziale dei tassi di interesse tra Germania e Italia si è allargato così tanto (a oltre il 2,5 per cento) che la Banca Centrale Europea ha convocato una riunione d’emergenza sull’argomento. Il risultato: ci sarà un nuovo ‘strumento’ per domare gli ampissimi differenziali di tasso di interesse tra i paesi dell’euro (gli ‘spread’). Leggi: La differenza tra Italia e Germania.

Il prossimo incontro della Banca centrale europea si terrà il 21 luglio, ed è esattamente come sarà di nuovo. Perché in quel momento la nuova macchina era stata promessa. Sarebbe difficile. Questo nuovo “bazooka” dovrebbe essere abbastanza grande da dare l’impressione che i mercati finanziari non tenteranno nemmeno di separare i tassi di interesse italiani e tedeschi. Proprio come le “Outright Monetary Transactions” (OMT) che l’allora presidente della BCE Mario Draghi minacciò durante la crisi dell’euro nel 2012. Questo programma significava che la BCE poteva acquistare titoli di Stato dai paesi dell’euro senza limiti. †Qualunque cosa tu prenda, qualunque cosa costidisse in quel momento Draghi. Non era affatto necessario utilizzare OMT.

READ  Il circo di Mourinho corre a tutto gas a Roma: 'Lui vede tutta la partita' | proprio adesso

Ma maggiore è l’arma, maggiore è la resistenza dei paesi del nord. Perché una cosa del genere non dovrebbe diventare una licenza per l’Italia di non regolare la propria economia e il proprio bilancio. La scorsa settimana il ministro delle finanze Sigrid Kaag e il primo ministro Mark Rutte hanno espresso velate critiche a questo tipo di reti di sicurezza. Le banche centrali settentrionali, comprese le banche dei Paesi Bassi, sono sulla stessa pagina. Questa non è una resistenza vuota: l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, il think tank per i paesi industrializzati, stima che il debito del governo italiano quest’anno sia almeno il 150 per cento del PIL. Questa percentuale è tre volte superiore alla percentuale olandese.

Inoltre, cosa lei, come Banca Centrale Europea, definisce come “iperproliferazione” da difendere? Una certa percentuale, diciamo il 2,5 percento, fornisce chiarezza. Questo è stato il differenziale di tasso di interesse che ha portato alla riunione di emergenza della BCE un mese fa. Ma i banchieri centrali ricordano che un tale numero sarà messo alla prova incessantemente dagli investitori. Le cose finirono male nell’allora sistema monetario europeo nel 1992, quando il miliardario George Soros spinse la sterlina britannica nel bunker continuando a raccogliere la massima oscillazione del tasso di cambio consentita dalla sterlina al marco tedesco.

Sarà eccitante tra un paio di settimane. Perché se l’idea della BCE va male, l’orso sarà libero. Tanto più che a quel punto la tensione sta già aumentando: una settimana dopo si incontrerà anche la banca centrale statunitense, che potrebbe fare un altro passo da gigante con i tassi di interesse. L’euro è ora in rapido declino, verso la parità con il dollaro: con un rapporto di 1 a 1. Gli indicatori di recessione si stanno accumulando negli Stati Uniti.

READ  Hamas mantiene la calma a Gaza e ha un piano per uno scambio di prigionieri

Puoi quasi sospendere la tua vacanza per questo motivo.

A proposito, circa dieci anni dopo, l’ultima colonna è simile a questa. Dopo l’estate, ti trasformerai in una storia più grande con più spazio per l’interpretazione, meno opinioni, più munizioni e con molte più infografiche. E per il resto: beh, senza Mino Taminga. Abituarsi a.

Martin Schinkel Scrive di economia e mercati finanziari.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24