Come 100 giorni di guerra possono cambiarti la vita: andare al fronte con i tacchi alti

Oggi Ala è nella sua città natale di Odessa per visitare i bambini fuggiti da Mariupol e Kherson. Gli ho portato caramelle e giocattoli. È una delle tante cose che Alaa ha fatto dallo scoppio della guerra.

tacchi alti

Ma è soprattutto una “riparatrice”. Questa è la persona che aiuta i giornalisti internazionali nel loro lavoro. Parla fluentemente russo, turco e inglese, quindi può aiutare con la traduzione. Può anche stabilire contatti con giornalisti e portarli in luoghi diversi. Sorprendentemente, l’ha fatto con i tacchi alti cento giorni fa.

“Vado spesso in prima linea a Mykolaiv”, ha detto Alla al telefono. “Anche allora, indosso i tacchi alti e preferisco abiti colorati il ​​più possibile. Noto che rende le persone felici. Hanno bisogno di un po’ di luce in questi tempi bui. Sento la mia responsabilità di continuare a indossarli”.

Prima della guerra, Alla ha lavorato come manager nel settore dell’importazione e ha anche dato lezioni private di inglese ai giovani. A volte ho anche lavorato come traduttrice. Tutto quel lavoro è finito, ma con le sue capacità linguistiche e organizzative, ha trovato un nuovo lavoro: riparatrice.

“Il figlio lo sa: le sirene si nascondono”

Ha lavorato sodo mentre sua madre si prendeva cura dei suoi figli a casa. Non è cambiato molto per loro a causa della guerra, dice Alaa. “Stanno perseguendo la formazione a distanza, ma ci sono già abituati a causa di Corona”.

Ora è in vacanza in Ucraina e ha sua figlia (11) e suo figlio (4) molto tempo libero. “Cerchiamo di lasciarli vivere il più normalmente possibile. Mia figlia è abbastanza grande per capire cosa sta succedendo. Le dico tutto.”

READ  Migliaia di manifestanti a Budapest contro la legge anti-LGBTI

È diverso per suo figlio. Ma: “Capisce cosa significa la sirena. Quando la sirena suona, sa che dobbiamo andare in fondo al corridoio”. Poiché abitano all’ottavo piano, il rifugio è molto lontano.

Spera che la guerra non finisca presto, ma ha abbastanza energia per durare a lungo. “Non ho mai avuto così tante soddisfazioni dal mio lavoro.”

Timo: da fotografo a comandante

Timo è il comandante di una piccola unità militare. È preferibile non menzionare la città in cui si trova ora per motivi di sicurezza. Ora che i russi si sono ritirati da gran parte del paese, la sua unità sta aiutando la polizia a corto di personale a mantenere le strade sicure. Stanno anche seguendo le spie russe.

Il comandante Timo non aveva esperienza militare quando iniziò la guerra. era un fotografo. Dice che stava dormendo pacificamente quando le esplosioni lo hanno svegliato. “Ho chiamato i miei amici che mi hanno detto che Kiev era stata bombardata”.

‘molto spaventoso’

Timo ha portato in salvo la fidanzata e il padre, ma non è fuggito. “La scelta di combattere è stata facile. Spiegare ai miei genitori e alla mia ragazza che non sarei andato è stato molto più difficile”.

Denuncia Timo al consiglio comunale più vicino. Iniziò subito a lavorare come soldato. Solo due settimane dopo fu promosso comandante di un’unità di venti uomini. Timo parla del caos di quel periodo.

“Dovevamo difendere i depositi militari, ma non avevamo nemmeno giubbotti antiproiettile o elmetti. Solo alcune pistole e granate. Quel periodo è stato davvero spaventoso. Quando senti un’esplosione, non sai cosa fare. Tu basta congelare.

READ  Un turista cinese sfugge alla morte dopo che parte di un ponte sospeso di vetro affonda | all'estero

‘Mi sono abituato alla guerra’

Questo è esattamente ciò che è cambiato in Cento giorni di guerra. “Sentire i proiettili volare e sentire le esplosioni… ti ci abitui. Ora non ho più paura. Solo qualcuno della mia unità o dei miei amici morirà.”

Spera che la guerra non si intensifichi di nuovo, perché poi dovrà tornare al fronte. Cosa spera? “Spero che il cielo diventi di nuovo sereno. Vince l’Ucraina. Trovo un buon lavoro badando alla mia famiglia”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24