Come i parenti degli assassini della mafia italiana desiderano giustizia

I parenti delle vittime innocenti degli omicidi mafiosi vogliono solo una cosa: giustizia. In Italia, roccaforte della mafia, molti casi restano irrisolti e gli assassini vengono rilasciati. Con grandi conseguenze psicologiche per le persone in lutto.

Puoi goderti questi fantastici adattamenti di film sulla mafia Comora Di Il Padrino, Ma nella vita reale diventa più difficile. L’Italia è il fulcro delle grandi famiglie mafiose, che fanno tante vittime. Difensore Intervistati parenti di vittime di mafia.

I parenti delle vittime raccontano la storia

Due padri e due figlie raccontano la loro storia di un parente assassinato. Tutti chiedono ancora giustizia. I casi riguardanti i loro parenti vengono spesso abbandonati o risolti per mancanza di prove. Di conseguenza, la morte dei loro cari spesso rimane impunita.

Ecco come scrive Difensore Compreso di padre Vincenzo Agostino (86). Suo figlio Antonio e sua nuora incinta sono stati uccisi in pieno giorno. Suo figlio era un agente segreto che indagava sulla mafia. L’assassinio di Antonio dimostra che i servizi segreti italiani e la mafia sono, purtroppo, indissolubilmente legati. Un uomo dello Stato ha tradito il figlio di Vincenzo.

Il mese scorso, il capobanda Nino Madonna, uno degli assassini, è stato condannato all’ergastolo. Molte delle mafie coinvolte sono ancora sotto copertura.

Lamentele psicologiche

Il caso del poliziotto assassinato Antonio Agostino ha nuovamente suscitato polemiche sulla mafia italiana. Per i parenti degli innocenti vittime, la lentezza dell’azione legale e l’ingiustizia sono dolorose. Difensore Scrive che i membri della famiglia soffrono di depressione, disturbi d’ansia, pensieri suicidi o disturbo da stress post-traumatico.

Il rapporto di Libera, associazione antimafia, mostra che molti casi che coinvolgono vittime innocenti restano irrisolti. In 600 o più casi solo l’80% è parzialmente risolto o non risolto. Spesso a causa della mancanza di risorse o di processi infinitamente lunghi.

Omicidi mafiosi in Italia irrisolti

Padre Martino Ceravolo, 52 anni, racconta la sorte del figlio morto. La ‘Ndrangheta calabrese, organizzazione mafiosa, ha ucciso per errore il 19enne Filippo. Suo figlio stava cercando l’ascensore, cosa che ha poi scoperto, ed è salito in macchina con la persona sbagliata. A quel tempo era in corso una guerra di mafia tra il clan Emanuel e il clan Loyro. È stato rivelato che il conducente dell’auto a bordo di Filippo era Dominico Dawson, che era sulla lista dei decessi. Filippo cattura i proiettili puntati su Dassault. Dason è sopravvissuto all’attacco.

Filippo ha chiuso il caso per mancanza di prove. I colpevoli sono noti, ma ancora sotto copertura. “Quei criminali hanno preso la vita di mio figlio. Anche la nostra vita: «La sorella di padre Filippo soffre di depressione e sua madre ha tentato il suicidio tre anni fa.

Nessuna prova e gli autori sono liberi

Daniela Marcon, 52 anni, è membro di Libera, un’organizzazione antimafia. Dopo la morte del padre, soffrì di depressione e attacchi di panico. Suo padre Francesco è stato ucciso dalla mafia locale in Puglia. Francesco era il direttore dell’ufficio delle imposte e nel suo ufficio indagava su corruzione ed evasori fiscali. Il suo caso era ancora irrisolto.

La figlia Angelina Landa (48) sta cercando il padre assassinato Michael (62). Suo padre è stato ucciso dall’organizzazione mafiosa Comora. Queste mafie hanno ispirato i vincitori Netflix-Serie Comora. Ha trovato le ossa di suo padre nell’auto bruciata. Il corpo è stato lasciato lì dalla polizia. Anche questo caso è stato chiuso per mancanza di prove.

Omertà, il codice mafioso per la pace

Molti casi di mafia rimangono irrisolti in Italia dalla mafia dedicata e pacifica. Molti membri tengono la bocca chiusa sotto la parola “Omarta”. Non testimoniano contro altri mafiosi. I coinvolti oi testimoni tengono la bocca chiusa a causa del codice e della repressione mafiosa. Ciò rende difficile l’azione penale. La mafia ha una catena di responsabili degli omicidi. Trovare un colpevole è complicato.

Se l’assassino inizia a parlare, c’è un’enorme possibilità che casi come quello sopra vengano riaperti. Mafiosi arrestati per aver deciso di collaborare con lo Stato in cambio di una riduzione della pena. I parenti credono ancora che l’assassino del cugino appaia e ammetta tutto.

Al via l’inchiesta contro la mafia italiana, che è una delle più grandi di sempre

Sindaco di Anversa in Op1: “I Paesi Bassi pionieri nel crimine della droga”

Hai visto l’errore? Mandaci una email Ti siamo grati.

Rispondi all’articolo:

Come i parenti degli assassini della mafia italiana desiderano giustizia

READ  Campionato Mondiale di Ciclismo su Pista: Oro per gli Italiani nella ricerca delle squadre

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24