Come la famiglia Amaury guadagna milioni dalle corse in bicicletta

Molti nel circuito ciclistico trovano raro che una famiglia si occupi di tutte le finanze del più grande circo ciclistico del mondo. Per la macchina da soldi del tour ci sono tre settimane di costi esorbitanti per le squadre. Il rapporto non è più corretto.

Quasi nessuno sa che dietro il 108° Tour de France c’è il clan di un collaboratore intraprendente, la famiglia Amaury, che ha una forte presa sul Tour e sull’intero circuito ciclistico. “Tutti i soldi fluiscono in quell’unico gruppo e tutte le relazioni sono perse”, è la critica.

Tre eredi di questa famiglia chiusa controllano il destino del Tour: Marie-Odile Amaury (80), vedova di Philippe Amaury, morto 15 anni fa, e i suoi due figli, Jean-Etienne e Aurour. Controllano la società fondamentale Amaury Sport Organization (ASO), una consociata interamente controllata del gruppo mediatico Les Editions P. Amaury, che traccia linee strategiche per il leggendario evento di corse.

l’essenza

  • Il Tour de France è controllato dalla famiglia francese Amaury attraverso la loro società hub ASO, decidendo così cosa succede ai ricavi del più grande circo ciclistico del mondo.
  • Poiché il Tour è la corsa più grande del mondo e quindi la più importante a fini pubblicitari, nessuna squadra di ciclismo può starne lontana.
  • Ma per la macchina da soldi che è ASO, ci sono costi enormi che i team professionisti devono sostenere ogni anno.
  • Le squadre di ciclismo si sentono limitate dall’eccessivo successo del Tour e trovano anche poco sostegno dall’Unione Ciclistica Internazionale (UCI).

In questo modo, i tre decidono anche cosa succede al reddito annuo del tour. Non da meno, solo negli ultimi cinque anni il Tour de France ha incassato circa 240 milioni di euro. Denaro che può essere distribuito come dividendi alla holding di famiglia e, quindi, fa parte del proprio patrimonio.

un sacco di tentacoli

Il gruppo francese Amaury è come un calamaro che tiene le sue numerose corsie nel circuito ciclistico internazionale. L’azienda di famiglia, con un fatturato di 506 milioni di euro con circa 1.450 dipendenti, non è solo la proprietaria del Tour de France, ma anche il centro d’affari dietro leggendarie classiche o corse a tappe come la Parigi-Roubaix, la Freccia Vallone e la Liegi-Bastogne -Liegi, Parigi Nizza, Vuelta spagnola, Tour of California e Tour of Qatar e Oman.

La divisione ASO, che impiega circa 280 persone, si presenta non solo come un colosso nel paese del ciclismo, ma anche non solo. Organizza il Rally Dakar, la Maratona di Parigi e Barcellona, ​​la competizione di golf Alstom Open e il prestigioso Tour de France. Insieme, questi eventi sportivi rappresentano il 54% delle vendite totali del gruppo media.


Con quello che ci paga l’organizzazione del Tour, possiamo iniziare la nostra flotta di due giorni, per così dire.

Patrick Lefevre

CEO Deceuninck-Quick.Step

La famiglia Amaury ha anche un punto d’appoggio significativo nei rapporti sportivi, che rappresenta il 44% delle sue entrate. È proprietaria di L’Equipe, una delle più importanti riviste sportive francesi con una tiratura a pagamento di 206.000 copie. E da questo quotidiano il canale tv L’Equipe 24/24, che punta a mitigare il calo degli incassi nel mercato dei lettori e della pubblicità con introiti aggiuntivi da pubblicità televisiva.

Poiché il Tour è la corsa più grande del mondo (e quindi la più importante in termini di pubblicità), la squadra ciclistica non può e non se ne starà lontana. Ma per la macchina da soldi che è l’ASO, ci sono tre settimane di grandi costi per le squadre. Patrick Levere, CEO di Deceuninck-Quick.Step, ne è entusiasta da anni. “Il rapporto non è corretto”, dice. “Il tour è il film, rendiamo gli attori e gli attori migliori, il film è stato migliore. Ma loro la vedono al contrario. Con quello che ci pagano, possiamo far partire la nostra intera flotta per due giorni, per così dire .”

Tour paga ogni squadra esattamente 51.243 € a partire da denaro. “Se arriviamo a Parigi con sei dei nostri otto passeggeri, otteniamo altri 1.700 euro per passeggero”, afferma Gert Koeman, direttore finanziario di Deceuninck-Quick. Al Giro prendiamo 60mila euro, alla Vuelta 55mila euro. Quindi il tour paga il meno possibile. Ma i nostri costi sono più alti lì.

Coeman calcola quei costi del tour a € 158.928. “Quindi si può dire che saremmo più ricchi di 100.000 euro se non prendessimo parte al tour”. Questi costi non includono i costi fissi per passeggeri e personale, ma ci sono costi salariali variabili: solo per il tour sono assegnati un fisioterapista, uno psicologo, autisti VIP e una persona per garantire che gli otto passeggeri abbiano il proprio materasso.

Inoltre: “Andremo al tour con 34 persone”, dice Lefevere. Ci sono otto passeggeri. Il tour offre hotel per 22 persone. Dobbiamo mettere a dormire gli altri dodici da soli. Quindi l’ASO passa di nuovo alla cassa. Prima di annunciare il percorso, prenotano tutte le camere d’albergo entro un raggio di 100 chilometri. Quindi dobbiamo prenotare una stanza con loro per questi 12. Guadagnano.

La flotta Deceuninck-Quick.Step era composta da 15 veicoli durante il tour. Questo include un autobus, un camion, quattro auto di gruppo, un camper e un minivan con solo materassi. Secondo Koeman, il costo della sola benzina sale a 8.940 euro. A ciò si aggiungono l’assunzione di due chef di Kookeiland (un ristoratore mobile che cucina per gli otto passeggeri), i costi VIP (compresi tre viaggi in elicottero) e le spese di viaggio per i piloti e il personale fino alla partenza a Brest e ritorno a casa da Parigi.

Ma per quanto riguarda il premio in denaro? I corridori che vincono o indossano maglie gialle lo guadagnano durante la corsa. “Questo denaro va ai piloti, non alla squadra”, dice Koeman. Ricevono anche premi assicurativi da noi. Ogni giorno in maglia gialla significa una ricompensa per uno come Alaphilippe. Stessa cosa se Cavendish vince una tappa.

magnete dei soldi

Oggi l’ASO è la più grande calamita di denaro nel circuito ciclistico internazionale. Si stima che il 70% di tutti i diritti televisivi sia nascosto nelle tasche di quel particolare giocatore. I Big Three, il Tour, il Giro e la Vuelta, rappresentano la maggior parte di tutte le entrate televisive. Di tutti i soldi della sponsorizzazione che affluiscono agli organizzatori, il round rappresenterà almeno il 60 percento. La società dietro il Giro d’Italia (RCS) è alla pari con i proprietari Tour (ASO) e Vuelta (Unipublic, che possiede il 49% dell’ASO) quando si tratta di difendere la loro posizione dominante nel mercato.

L’eccessivo successo del tour ha messo il mondo del ciclismo in uno scacco matto. Ad esempio, si segnala che la direzione dell’ASO ha fatto tutto ciò che era in suo potere per annullare il round 2020, anche se più di 40.000 persone in tutto il mondo erano già morte a Covid-19 entro la fine di marzo e la fine non era in vista. La Grande Boucle, il vitello d’oro dell’ASO, ha dovuto vivere a tutti i costi, mentre un classico come la Paris-Roubaix è stato abbandonato senza troppi clamori.

Questo atto arbitrario è stato a lungo una spina nel fianco dell’UCI. Ma anche nella propria federazione sportiva, le squadre professionistiche non si sentono sufficientemente sostenute. Addetti ai lavori fanno notare che l’Aso ha falciato il prato ai piedi dell’Uci. L’azienda di famiglia dietro il Tour è già più in grado dell’UCI di vendere sponsorizzazioni e diritti di trasmissione in pacchetti all’ingrosso e quindi generare entrate aggiuntive.

Un ottimo esempio è ancora la Champions League, dove le più grandi squadre di calcio europee si sfidano ogni anno. La UEFA guadagna molto da questa competizione e coinvolge i grandi club premiando generosamente la loro partecipazione. Questo è il modello da seguire per il mondo del ciclismo, afferma Lefevere.

Ma non siamo ancora lì. Gli eredi della famiglia Amaury sono fermamente legati al loro modello di azionista. Una strategia che hanno seguito per 56 numeri del tour. La 108a edizione del tour non cambierà molto.

READ  La principessa Amalia sa già come si sente il trono | Rivista di Stan Higgins

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24