Come l’epidemia ha dato vita a uno spazio pubblico europeo

Felin, il virus si è diffuso in tutto il continente europeo nelle ultime settimane invernali del 2020, costringendo decine di migliaia di persone a combattere fino alla morte. La maggior parte dei paesi sta chiudendo i propri confini e milioni di famiglie stanno chiudendo le porte di casa. Scene infernali alimentano la paura dell’infezione. Si sta verificando un disastro in Europa, ma non esiste una risposta comune.

Questa denuncia è la più forte in Italia, che è stata colpita presto dal virus. Le grida di aiuto restano senza risposta, seguono amari rimproveri. È stata criticata anche la risposta lenta e debole dell’UE ai drammi negli ospedali e nelle case di cura da Bergamo a Madrid, Mulhouse o Tilburg.

La difesa che le istituzioni sanitarie pubbliche di Bruxelles non sono ufficialmente competenti fa una brutta impressione. Quando la depressione economica minaccia quella primavera, i profeti di morte predicono la fine dell’Unione Europea.

Fare un errore

Apparentemente dal nulla, il sindacato ha poi mostrato una grande flessibilità dinamica. L’epidemia di virus ha portato sfiducia, sfiducia e scontri, ma ha anche mobilitato forze inaspettate e scatenato grandi trasformazioni. Questo è andato molto velocemente. Già nell’estate del 2020, i capi di governo hanno preso due decisioni di vasta portata: l’Unione europea ha iniziato ad acquistare centralmente i vaccini ed è stato creato un enorme fondo di recupero Corona. Due manifestazioni di solitudine e capacità di lavorare, del tutto inimmaginabili solo pochi mesi fa. Nessuno parla più di “nessuna autorità”. Il sindacato si è reinventato. Come è potuto succedere?

Il segreto sta nell’interazione tra pubblico e politica. Più delle precedenti grandi crisi europee, l’azione politica segue un appello generale all’azione durante il disastro di Corona. Tutti i civili sono stati aggrediti fisicamente. Non era colpa di nessuno. La crisi è stata così stimolante – gli straordinari blocchi, le politiche divisive e mediche di Cina e Stati Uniti, la prospettiva di licenziamenti di massa – che “l’Europa” ha dovuto fare qualcosa; in ogni modo. Grida di disperazione pandemiche costrinsero la Federazione a prendere una forma che non aveva ancora avuto.

La crisi del Corona in un primo momento evoca sicuramente un forte sentimento patriottico: ogni giorno ogni società conta e santifica i malati e i morti; ascolta i discorsi ufficiali tenuti da re, presidenti o primi ministri; Porta canzoni dai balconi. In serata il personale sanitario ha applaudito. Momenti patriottici intensi.

Leggi anche: Corona governa sull’Eid? L’applicazione varia molto da paese a paese

Allo stesso tempo, i vicini sono più vicini che mai: il loro comportamento disperato e il blocco, le politiche dell’IC e i tassi di mortalità, i loro confini aperti o chiusi. Oltre alla simpatia transfrontaliera, guardare i vicini ha anche vantaggi locali. Le persone controllano il proprio governo confrontandolo con altri governi. Gli elettori vogliono sapere perché la Germania sta testando in modo più aggressivo della Francia, perché muoiono più persone in Spagna che in Austria e perché il Belgio offre mascherine mentre i Paesi Bassi no. Con l’incertezza senza precedenti di quei giorni (il primo ministro Mark Rutte: “Con il 50 per cento di conoscenza dobbiamo prendere il 100 per cento di decisioni”), l’unità europea fornisce un livello minimo di sostegno e misura.

READ  Adenar van Ruekel si riconquista il "meraviglioso" Campionato Europeo | Giornale Barnifield

Ma in Federazione non è solo questione di paragoni. A causa dell’interdipendenza tra valuta, mercato e mobilità, il pubblico deve affrontare le ripercussioni delle decisioni prese dai vicini sulla propria vita. E se la Repubblica Federale pompasse nella sua economia centinaia di miliardi di aiuti di Stato che l’Italia non potrebbe permettersi? E se la Svezia seguisse un corso lassista per affrontare Corona e tenesse aperti i vicini ai confini? E se l’Ungheria accettasse un vaccino russo? Alcune opinioni patriottiche sono troppo rapide per informare i vicini: la tua decisione è anche affar nostro; E viceversa, alcuni leader nazionali vengono ascoltati da un pubblico europeo più ampio. In questa interazione inaspettatamente turbolenta, sta prendendo forma una nuova propaganda che spinge all’azione.

Al contrario, le tempeste finanziarie del 2008 dall’alto verso il basso svenire. I governi riuniti, allarmati dagli esperti, sono stati costretti a persuadere i parlamenti pigri di decisioni difficili per salvare la banca e la valuta. La folla guardava, senza chiedere nulla. Allo stesso modo, le libertà economiche stabilite dalla fabbrica di controllo di Bruxelles dagli anni ’50 sono sempre state concesse dall’alto come un servizio, non imposte dal basso come condizione. D’altra parte, in una pandemia, la priorità è per la prima volta del pubblico.

Quando la storia bussa alla porta, perdere le forze non è una scusa

John Dewey spiega nel suo grande libro Il pubblico e i suoi problemi (1927) sulla natura dello Stato e sul suo funzionamento. Mentre la maggior parte delle teorie politiche collocano le origini dello stato nelle azioni e nella forza di volontà dei suoi fondatori e attori, gli americani lo capovolgono: il pubblico viene prima di tutto. Il pubblico si forma in risposta a eventi che colpiscono le persone coinvolte. Ciò può riguardare eventi esterni (disastri naturali, pandemie), ma anche conseguenze indirette delle azioni umane (cospirazione politica, sfruttamento economico). All’inizio, il pubblico è disorganizzato e “informe”. Tuttavia, non appena si tenta di organizzare il pubblico e di occuparsi degli eventi per suo conto, “si verifica qualcosa di simile a uno stato”, ha scritto Dewey. L’accuratezza pubblica è il mandato (affari pubblici) e la forma (comunità o repubblica).

“Politica dell’evento”

Affrontare le dinamiche della situazione, plasmare il cambiamento a cielo aperto: questo è esattamente ciò che vogliamo dai nostri leader politici, più che funzionari pubblici o avvocati, esperti dello status quo. Di qui la debolezza della difesa iniziale di Bruxelles; Quando la storia bussa alla porta, perdere i poteri non è una scusa. Ciò che conta, allora, è l’apparente capacità di esercitare la “politica degli eventi”, cioè di individuare e scongiurare lo shock che colpisce tutti i cittadini, e di improvvisare e persuadere nel momento presente, anticipando e rafforzando così il sistema. Quindi non è una questione di autorità ufficiale, ma di responsabilità personale e politica.

READ  Campionati mondiali di ciclismo in Africa per la prima volta nel 2025 | sport

Angela Merkel è una delle poche che realizza questa missione politica. In quest’ultima grande crisi europea nei suoi sedici anni di mandato, la cancelliera tedesca sta interpretando il suo più grande capolavoro. Vicino a Pasqua 2020, senti come stanno bruciando i disaccordi politici sulla solidarietà tra Nord e Sud e come si stanno inasprendo le linee di frattura. Giorno dopo giorno si leggono rapporti su come anche il nord e il sud della zona euro stanno divergendo economicamente (che è un rischio per gli esportatori tedeschi). Da Parigi si sente il grido del presidente francese, che in questo momento cruciale cerca di riaffermare il matrimonio di convenienza franco-tedesco chiamato Europa. E così, il 18 maggio 2020, dopo un’attenta considerazione e un alto carattere, sono saltato. Per conto della Repubblica Federale, si fa carico di prestiti sindacati per un valore di 500 miliardi di euro, che vengono dati in dono. Quello che era un tabù durante la grave crisi dell’euro è ora possibile.

Leggi anche questo articolo di Caroline de Grueter: L’UE non è stata ingenua quando si è trattato di acquistare vaccini

Il cancelliere mostra una sensibilità quasi sismica ai movimenti clandestini della propaganda europea. Da nessuna parte più di Berlino si è reso conto che il calvario fisico di una pandemia può portare a cambiamenti improvvisi, esplosioni emotive e depositi di risentimento, con grandi rischi per la fiducia e la stabilità reciproche.

La Merkel era già nel pieno della rabbia del sud nel 2010; La sua faccia con i baffi di Hitler era su una vignetta greca o spagnola. Nella primavera del 2020, registrerai come sono emerse le prime esperienze di quei giorni di crisi dell’euro durante la pandemia. I leader di Roma e Madrid le hanno detto: “Il nostro Paese sta morendo” – e quindi gli aiuti d’emergenza non devono essere condizionati; È stato umiliante. Non si può ignorare che la fiducia del pubblico italiano nella federazione è diminuita e l’uscita è un’opzione per due italiani su tre.

I cambiamenti nella sfera pubblica sono puramente politici

I cambiamenti nella sfera pubblica sono puramente politici. Il risultato non è la somma di forze oggettive (come la bilancia commerciale di un Paese, l’arsenale o la capacità tecnologica) ma anche e soprattutto una questione di stati d’animo, sentimenti, gratitudine, risentimento, memoria, attesa, parole e storie – spesso espresse come equilibrio precario e maggioranze disuguali. Tuttavia, l’umore del pubblico è leggibile, tangibile e facile da toccare. C’è anche un’enorme forza nell’opinione pubblica che mette da parte o può schiacciare molti fatti apparentemente oggettivi. Questo era evidente nella crisi di Corona.

READ  L'Italia integra un allevamento di alghe con un parco solare

Allora devi vedere quella propaganda europea. Nel marzo 2020, il ministro delle finanze olandese Wopke Hoekstra ha presentato la sua proposta poco brillante per un’indagine della Commissione sulla carenza di riserve finanziarie in Italia e Spagna. Questa è stata una dura critica nella speranza di applaudire i tifosi olandesi. Tuttavia, ha ottenuto un concerto bruciante degli spalti europei e ha dovuto gocciolare. Il ministro ha giudicato male la natura, le dimensioni e il temperamento del suo pubblico europeo.

Emissione di debito congiunto

Altri giocatori hanno cercato le tribune più larghe. Contemporaneamente al trasferimento di Hoekstra, l’Europa meridionale ha messo in campo un vecchio desiderio della crisi dell’euro, con la richiesta di un’emissione congiunta di obbligazioni. Questo è passato attraverso i canali ufficiali, con una lettera di nove capi di governo al presidente supremo Charles Michel. Ma più efficace quando i sindaci italiani dopo pochi giorni con un annuncio a tutta pagina in Frankfurter Allgemeine Zeitung Chiedi ai lettori dei giornali tedeschi di sostenere questi “collegamenti corona”.

A volte si afferma che non esiste uno spazio pubblico europeo perché non parliamo una sola lingua. Questo non ha senso. Tutti capiscono l’applauso o l’obiettivo o il concerto. Il pubblico con cui la politica deve confrontarsi è costituito da cittadini più che perbene che inviano lettere al giornale e votano ogni pochi anni.

Il pubblico piange, applaude, dimostra, conosce, ha desideri e lamentele, e fa sentire il suo potere direttamente o attraverso i media.

In questa epidemia, che si è verificata intensamente a livello nazionale, il pubblico ha scoperto anche il suo ruolo europeo. Dice che la nostra vita e la nostra salute sono una questione pubblica comune. Vogliamo che la politica ci aiuti, ci protegga, salvi vite e ci fornisca un futuro. Questo crescente grido di malcontento ha soffocato le voci di persistente opposizione che descrivono ogni iniziativa a Bruxelles come un’interferenza indesiderata negli affari nazionali.

Europeo.. Traduci più velocemente che mai niente di generale Si passa da un incarico senza forma a una decisione politica. Pandemonio e feroce guerra generale: porta nuova forza politica all’Unione in un momento molto fragile.

Ecco una citazione da alcuni estratti dal libro che uscirà la prossima settimana pandemonio europeo. Debolezza e potere politico (editore storico).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24