Come puoi vivere autenticamente? Questa è la domanda fondamentale per il tipo di evoluzione

Statua di Ulf de Bruyne

Sebbene il nome J.D. Salinger (1919-2010) non sia più molto utilizzato, il suo romanzo Il custode nella segale Dal 1951 un’influenza duratura sul romanzo Coming of Age. Un esempio recente nei Paesi Bassi Storia della mia vita sessuale Dal 2021 di Toby Lackmaker. Il personaggio principale di quel romanzo assomiglia esattamente a Holden Caulfield Il custode nella segale Con un misto di disgusto e stupore per il mondo adulto, pieno di retorica ipocrita, ambizioni instabili e rituali incombenti che sottolineano solo l’alienazione dell’uomo socialmente adattato. Come si può vivere autenticamente in un mondo di imitazione e opportunismo? Questa è la domanda fondamentale di questo genere.

È bello rendersi conto di quanto sia giovane questo genere. Non molto tempo fa, un ragazzo di 16 anni è stato espulso dal Child Domain. Il proliferare dei giovani è il risultato della rivoluzione industriale e della specializzazione del lavoro, che ha creato un enorme bisogno di lavoratori qualificati, che sono stati quindi costretti a frequentare la scuola per un periodo più lungo. L’agricoltura in famiglia e l’apprendimento del mestiere come apprendista qualificato furono progressivamente sostituiti dall’istruzione obbligatoria che si estese sempre di più. Inoltre, l’aspettativa di vita in Europa è quasi raddoppiata negli ultimi due secoli. L’ideale dell’eterna giovinezza esiste senza dubbio già, ma questi sviluppi lo hanno completamente democratizzato.

In parte sotto l’influenza del romanticismo, il bambino era visto sempre meno come una forza lavoro in formazione e che forniva la vecchiaia in formazione. A poco a poco assunse l’aura di una santa. Coloro che volevano essere geniali dovevano rimanere essi stessi bambini. Picasso ha dichiarato di essersi tolto la vita per dipingere da bambino. E nel film Amedeo Di Milos Fuhrmann del 1984, Mozart è ritratto come un ragazzo grande con la scintilla di un dio. D’altra parte, il suo rivale Antonio Salieri, che impareggiabilmente padroneggiava il mestiere e le leggi della composizione, ma poiché non possedeva la scintilla divina, fu punito con la debolezza e l’oblio. Il peccato di Salieri è che è cresciuto e potrebbe essere sempre stato adulto.

Genius, concetto romantico per eccellenza, consiste in una miscela tipica di un tocco di originalità, un po’ di follia e apertura mentale dei giovani. Il fascino di Holden Caulfield Il custode nella segale è che il lettore sospetta di avere a che fare con un genio in divenire, un’idea che Holden sviluppa lui stesso.

READ  Rihanna si unisce al club esclusivo con una cover hot (foto)

Tuttavia, l’originalità, il rinnovamento senza fine della tradizione, è un elemento con cui non bisogna essere troppo generosi. Se sei molto originale, i tuoi vicini chiameranno il servizio di emergenza e finirai in un istituto di salute mentale. All’interno delle porte di un tale stabilimento, il fascino dell’originalità svanisce molto rapidamente.

A proposito, la conoscenza del passato è di solito così limitata che si può riciclare all’infinito il passato, e tuttavia dichiarare con piena convinzione di aver inventato qualcosa di completamente nuovo.

Ma anche al di fuori del mondo dell’arte fine e di qualità inferiore, il raggiungimento della maggiore età è diventato un processo senza fine, poiché le persone continuano a cercare, trovare e reinventarsi. Il giogo dell’inevitabilità e del duro lavoro è stato sostituito da un giogo, forse altrettanto pesante, del tempo libero e delle possibilità apparentemente infinite.

A poco a poco, la vecchiaia è diventata sempre più un’astratta porta della morte, segno che si deve marcire volontariamente o meno.

Che questa immagine non sia un assioma, possiamo concludere da Un seminario di Platone, dove uomini più anziani, pieni di zelo per la vita, discutono dell’amore e della domanda a quali condizioni la saggezza del vecchio possa essere sostituita dal corpo del giovane. Sarebbe un peccato escludere le donne da questo baratto, se non altro perché ora sappiamo che anche le donne possono essere sagge.

La prevalenza dell’avversione per l’invecchiamento è illustrata da un’intervista con Marja Pruis di Sara Berkeljon a di Volkskrant† Bruce ha detto che la parola nonna “la trova davvero molto difficile”, aggiungendo che la trova “infantile” su se stessa. Ovunque sorga l’infantilismo, la possibilità della scintilla divina rimane aperta.

Dobbiamo aggiungere che una donna anziana ha tempi più difficili di un vecchio, anche perché molte persone non sono ancora abituate all’idea che anche lei possa offrire le sue conoscenze e le sue intuizioni a un giovane affamato, in cambio di un po’ di calore .

Nel genere del romanzo di formazione, Beati anni di disciplina Per la scrittrice italo-svizzera di 81 anni Fleur Gaige si trova in un luogo unico. Il libro è stato pubblicato in Italia nel 1989 e recentemente ripubblicato in Olanda. Qui non c’è ricerca di autenticità e onestà falso Il mondo, come lo chiama Holden Caulfield. In effetti, il suo disgusto per la borghesia superficiale ei suoi gesti divennero all’ordine del giorno. Jaeji descrive le dimissioni del giovane con vivacità, una rassegnazione piena di entusiasmo che limita la vita.

READ  Brett Decker tocca gli spettatori con un generoso regalo per l'amica di Cheyenne: "I Can Afford It" | Si scopre

Le protagoniste di questo romanzo sono le ragazze di un collegio vicino all’Appenzello, una delle regioni più conservatrici della Svizzera. Gli uomini sono assenti in questo mondo. Jaegy scrive che c’è “una carenza di uomini”. Gli uomini erano per lo più vecchi, pazzi o badanti.

Il nome dello scrittore svizzero Robert Walser è già citato nella seconda frase del libro, che copre la follia. È possibile che Walser venga definito un genio, ma ha trascorso gran parte della sua vita in istituti psichiatrici. Con Jaeggy, la follia è il pane quotidiano che dovrebbe mangiare il meno possibile.

Il narratore è contro Holden Caulfield. In questo romanzo, l’artificiale ha bisogno della perfezione, come se le ragazze si rendessero già conto di cosa sia veramente la vita artificiale: “Durante gli anni del collegio, ogni ragazzina sviluppa invano un’immagine di se stessa, una specie di doppia vita, inventando un modo di parlare, camminare e guardare.

E di Federico, che il narratore ammirava e amava, scriveva: «Federico nascondeva il suo disprezzo dietro l’obbedienza e la disciplina, era molto venerata. Non potevo ancora fingere bene.

Il collegio è abitato da ragazze della classe migliore. Avresti voluto quasi parlare dell’aristocrazia, se non fosse stato per il fatto che in quel momento non esiste più.

Le considerazioni e gli aspetti della disuguaglianza – l’imperfetta distribuzione di privilegi e doveri oggi chiamati privilegi – sono completamente assenti da questa narrazione. Nel collegio, Bausler Institute, per la preside, la signora Hofstetter, è accettato il mondo in cui il giocatore accetta di morire a dadi in 1. Ciò non significa che manchi ogni varietà: “Una ragazza era una ragazza negra, poiché si chiamava allora, con i capelli ricci, una bambola che ci piaceva’ in giro per l’Appenzello. Un giorno suo padre venne a prenderla. Era il capo di uno stato africano.

In questo universo senza uomini, l’inevitabile crudeltà di un tale collegio assume una forma diversa. Meno ansimante, più tristezza. Come scrive Jaegy di Frederick, “potrei non averla osservata tanto quanto ho fatto”.

READ  Wolff è ottimista dopo i suoi colloqui con la FIA e la rabbia verso Massey rimane

Mancano anche le madri; Ci sono l’un l’altro e la signora Hofstetter, che sembra così inavvicinabile che in realtà è anche lei assente. Questa dipendenza e condanna reciproca fa sembrare il desiderio e l’ammirazione ancora più feroci. Il gioco di potere è stato anche aspramente contestato dalle ragazze. Al massimo, si potrebbe dire che la violenza appare meno schietta. Guarda, nota gelida, o semplicemente zittisci l’altra persona.

La ragazza più giovane che chiede protezione al narratore viene rifiutata da lei e il narratore in seguito se ne pente. “Era davvero carina e affascinante. Ho perso una cameriera senza godermela.”

Sembra che la vita stessa sia assente e non attenda con impazienza. Tutta la vita è una leggenda. Oppure, come scrive Jaegy, “Frederic alludeva a un uomo come una parabola perfetta”.

L’uomo e la vita stessa, proverbi completi.

Beati anni di disciplina A volte ricorda quell’altro romanzo, almeno bello e scritto anche in italiano Finzi-Continis.Giardino Di Giorgio Bassani (1916-2000), in cui una famiglia dall’aspetto aristocratico del piccolo paese di Ferrara attende una devastazione del tutto diversa, quella della guerra.

Le ragazze del collegio sono gravide di malizia, in attesa di lasciare di nuovo l’istituto, ma sanno che porteranno sempre con sé la signora Hofstetter e la malizia.

Alla fine del romanzo, Jaegy scrive sul tema amoroso del narratore: “Pochi anni dopo, Frederic ha cercato di dar fuoco alla sua casa a Ginevra, alle tende, ai dipinti e alla madre. Sua madre stava leggendo in salotto.

La mamma viene dopo tendaggi e dipinti, dettagli espressivi.

Ammiro il modo sottile, serio e ironico in cui Jaegy descrive i “bambini più grandi” che parlano della vita “come se fosse un libro di palle”.

Le ragazze in questo collegio sono così ossessionate dall’impotenza umana, giocano quell’impotenza finché non diventa, sapendo che il loro mondo riscriverà comunque lentamente la storia. Non possono essere troppo tristi per questo e non hanno fiducia nell’alternativa.

Alcuni cercano di precedere la storia dando fuoco alle tende e alla madre stessa.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24