Come sarà il nostro pianeta nel 2500 a causa dei cambiamenti climatici?

Ci sono molti rapporti basati su ricerche scientifiche che parlano degli effetti a lungo termine dei cambiamenti climatici – come l’aumento dei gas serra, delle temperature e del livello del mare – entro l’anno 2100. Ma allora? Le proiezioni climatiche oltre l’anno 2100 non sono incluse nel normale adattamento climatico e nel processo decisionale ambientale. Un po’ strano, perché le persone nate ora non avranno più di 70 anni fino al 2100. Che aspetto ha il mondo per i loro figli e nipoti?

Perché questo è importante?

Anche se gli umani smettessero immediatamente di usare combustibili fossili che rilasciano gas serra nell’atmosfera dei pianeti, il mondo continuerà a riscaldarsi per i prossimi cinque secoli e gli oceani continueranno a salire.

Ad esempio, l’accordo di Parigi richiede di limitare il riscaldamento a meno di 2°C rispetto ai livelli preindustriali entro la fine del secolo. Ogni pochi anni dal 1990, esaminiamo i nostri progressi attraverso i rapporti di valutazione scientifica del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) e i relativi rapporti speciali. I rapporti dell’IPCC valutano la ricerca attuale per mostrarci a che punto siamo e cosa dobbiamo fare prima del 2100 per raggiungere i nostri obiettivi e cosa potrebbe accadere se non lo facciamo.

Una valutazione pubblicata di recente sui contributi determinati a livello nazionale (NDC) delle Nazioni Unite avverte che le attuali promesse del governo sul clima ci preparano per un aumento molto pericoloso di 2,7°C entro il 2100: ciò significa incendi, tempeste, siccità, inondazioni, calore e profondità del suolo e cambiamenti dell’ecosistema acquatico.

Sebbene alcune proiezioni climatiche guardino oltre l’anno 2100, queste proiezioni a lungo termine non sono prese in considerazione nell’adattamento climatico e nel processo decisionale ambientale di oggi. Ciò è sorprendente perché le persone nate ora non avranno più di 70 anni fino all’anno 2100. Come sarà il mondo per i loro figli e nipoti?

Per comprendere, pianificare e comunicare l’intera gamma di impatti climatici in qualsiasi scenario, anche quelli impegnati nell’accordo di Parigi, ricercatori e responsabili politici devono guardare oltre l’orizzonte del 2100. Il clima smetterà di riscaldarsi entro il 2100? Se no, cosa significa questo per gli esseri umani ora e in futuro? In un articolo appena consultato in Global Change Biology Cominciarono a rispondere a queste domande.

Nove dipinti

Le loro proiezioni sono state modellate sugli scenari di CO2 bassa (RCP6.0), media (RCP4.5) e alta (RCP2.6) fino all’anno 2500. Quest’ultimo è coerente con l’obiettivo di “ben al di sotto dei 2°C” di l’Accordo di Parigi. Hanno anche modellato la distribuzione della copertura vegetale, lo stress termico e le condizioni di crescita per le nostre attuali colture principali, per avere un’idea di quale tipo di sfide ambientali potrebbero adattarsi i bambini di oggi e i loro nipoti del 22° secolo.

READ  Non vogliono un vaccino e ora hanno paura di dividersi: 'al massimo ti chiamano ASO'

Scoprono che le temperature medie globali continuano a salire oltre RCP4.5 e 6.0 dopo il 2100. In questi scenari, la copertura vegetale e le migliori aree di crescita si spostano verso i poli e l’area adatta per alcune colture diventa più piccola. Luoghi con una lunga storia di ricchezze culturali ed ecosistemi, come il bacino amazzonico, possono diventare sterili. Inoltre, hanno scoperto che lo stress da calore può raggiungere livelli letali per le persone nei tropici attualmente densamente popolati. Queste aree possono diventare inabitabili. Anche in scenari di alta mitigazione, scoprono che il livello del mare continua a salire a causa dell’espansione e della miscelazione dell’acqua negli oceani in fase di riscaldamento.

Per mostrare come potrebbe essere un mondo con meno emissioni di anidride carbonica e temperature più elevate rispetto a quello che abbiamo visto finora, sono state create nove placche che abbracciano un migliaio di anni (1500, 2020 e 2500 d.C.). In tre principali regioni paesaggistiche (Amazzonia, Midwest degli Stati Uniti e subcontinente indiano). Le 2500 immagini si basano sulla previsione RCP6.0 e contengono versioni leggermente avanzate ma riconoscibili delle tecnologie odierne.

da amazon

La foto in alto mostra un villaggio indigeno tradizionale (1500) con uno sbocco al fiume e colture piantate nella foresta pluviale. L’immagine centrale è un paesaggio contemporaneo. L’immagine in basso risale all’anno 2500 e mostra paesaggi aridi e bassi livelli d’acqua a causa del deterioramento della vegetazione, con infrastrutture sparse o degradate e poca attività umana.

Midwest americano

Il pannello superiore si basa su città e comunità indigene con edifici e un’agricoltura diversificata basata sul mais prima dell’arrivo degli europei. La seconda è la stessa zona oggi, dove si coltivano monograni e grandi mietitrebbie. Tuttavia, l’ultima immagine mostra l’adattamento dell’agricoltura a un clima subtropicale caldo e umido, con l’immaginazione di piantare foreste subtropicali a base di palme e piante grasse nella zona secca. Le colture sono curate da droni alimentati dall’intelligenza artificiale, con meno presenza umana.

India

La foto in alto è una vista della campagna agricola occupata delle risaie e una vita sociale frenetica. Il secondo è una scena contemporanea che mostra la combinazione di coltivazione del riso tradizionale e infrastrutture moderne. L’immagine in basso mostra il futuro delle tecnologie di adattamento al calore, tra cui l’agricoltura meccanizzata e gli edifici ecologici con una presenza umana minima a causa della necessità di dispositivi di protezione individuale.

conclusione scomoda

Gli scienziati norvegesi sono giunti a una conclusione scomoda prima Il riscaldamento globale probabilmente continuerà fino al 2500. Anche se gli esseri umani smettessero immediatamente di usare combustibili fossili che rilasciano gas serra nell’atmosfera del pianeta, le temperature continueranno ad aumentare nei prossimi cinque secoli.

Secondo i loro calcoli, nella migliore delle ipotesi – passando ora a zero emissioni – le temperature globali nell’anno 2500 sarebbero ancora più alte di almeno 3 gradi Celsius e il livello del mare più alto di tre metri. Anche con un drammatico arresto delle emissioni che alimentano il riscaldamento globale, avvertono che il ghiaccio artico continuerà a sciogliersi, il vapore acqueo continuerà ad accumularsi nell’atmosfera, il permafrost continuerà a sciogliersi e gli enormi serbatoi di antico carbonio continueranno a essere intrappolati nel terreno un tempo ghiacciato. fuggire nell’atmosfera.

Hanno anche calcolato che gli esseri umani hanno dovuto iniziare a ridurre le emissioni di gas serra sei decenni fa per mantenere le temperature continentali e il livello del mare come sono stati per la maggior parte della storia umana. Per rallentare il riscaldamento globale, i paesi devono unirsi per rimuovere 33 miliardi di tonnellate di anidride carbonica (CO2) – un volume quasi inimmaginabile – dall’atmosfera ogni anno d’ora in poi.

READ  Segreto oltre i 100? Flora intestinale - Wel.nl

Anche se il mondo agisce in modo aggressivo, gli oceani continueranno a salire

Proprio come con le temperature, anche l’innalzamento del livello del mare sarà una lunga storia. A differenza di molti altri studi sul livello del mare, a Uno studio condotto dai glaciologi di Copenhagen Prevedi quanto in alto salirà il mare, non entro il 2100, ma fino a raggiungere i 2.500.

Se dovessimo arrivare a zero emissioni ora, il livello del mare aumenterebbe in media di poco più di 2 metri per 2500. Se dovessimo continuare così, sarebbe da 6 a 8 metri. Alcune località potrebbero subire un aumento del livello del mare maggiore di questo, a causa delle differenze nelle correnti oceaniche e di altri fattori.

Quindi, anche se il mondo agisse in modo aggressivo per ridurre la combustione di combustibili fossili, gli oceani si alzerebbero comunque. Il motivo è che ogni grammo di anidride carbonica (CO2) che pompiamo nell’atmosfera vi rimane per decenni, intrappolando il calore del sole e riscaldando il pianeta. La maggior parte dell’anidride carbonica che galleggia sopra di noi ora è in circolazione da molti decenni, e ogni tonnellata di carbone e galloni di benzina che bruciamo oggi è accatastata sopra.

Il calore trattenuto dai gas serra alza il livello del mare in tre modi. Innanzitutto, aumenta la temperatura dell’oceano ed espande l’acqua di mare. In secondo luogo, il ghiaccio sulla Terra si sta sciogliendo in luoghi come la Groenlandia e l’Antartide. Terzo, può far scorrere il ghiaccio terrestre più velocemente verso il mare, anche se non si è sciolto.

Tuttavia, queste cose richiedono tempo. Ci vogliono anni prima che il calore intrappolato si faccia strada negli oceani, lasciando l’acqua di mare in espansione in ritardo rispetto all’aumento delle temperature. Lo scioglimento della neve dipende non solo da quanto è caldo il ghiaccio, ma anche da quanto tempo rimane tale. Dopotutto, un cubetto di ghiaccio può sopravvivere in un forno a 260 gradi se lo si lascia acceso per qualche secondo. Lasciatelo in forno a 35 gradi per 20 minuti e si scioglierà completamente.

READ  Più umidità nell'aria inglese, ma non relativamente

La grande domanda è se aggiorniamo a una civiltà di tipo I

Forse i nostri nipoti del ventiseiesimo secolo guarderanno i loro antenati e vedranno che abbiamo iniziato prima del Diluvio. Forse vedranno che abbiamo apportato i tipi di cambiamenti tecnologici, culturali e politici necessari per prevenire estinzioni di massa, sconvolgimenti politici, distruzione ambientale e persino il crollo della civiltà. O forse guardano indietro alle persone che volontariamente hanno portato il mondo alla rovina.

Tuttavia, i nostri discendenti vedranno gradualmente il progresso della loro tecnologia e, sebbene la tecnologia abbia creato i rischi del cambiamento climatico antropogenico e della guerra nucleare, ci offre anche il potenziale per cambiare rotta e migliorare. Il fisico teorico e futurista Michio Kaku prevede che l’umanità passerà da una civiltà di tipo 0 a una civiltà di tipo I sulla scala di Kardashev in soli 100 anni. In altre parole, diventeremo una specie in grado di sfruttare l’intera somma dell’energia del pianeta.

Con questo potere, le persone nel ventiseiesimo secolo avrebbero potuto migliorare le tecnologie energetiche pulite come la fusione nucleare e l’energia solare. Inoltre, possono manipolare l’energia planetaria per controllare il clima globale. Tuttavia, i futuristi non sono d’accordo sui tempi di un tale ipotetico aggiornamento della nostra abilità tecnologica – e l’aggiornamento stesso non è affatto certo. Gli scettici indicano il percorso che il mondo ha iniziato a prendere sempre di più nell’ultimo decennio, osservando che le forze politiche ed economiche potrebbero impedirci di fare quel grande salto.

La nostra tecnologia è notevolmente migliorata dal XVI secolo e questo ritmo è destinato a continuare nei secoli a venire. Il fisico Stephen Hawking ha suggerito che entro il 2600 questa crescita vedrà la pubblicazione di 10 nuovi articoli di fisica teorica ogni 10 secondi. Se la legge di Moore continua e la velocità e la complessità di calcolo raddoppiano ogni 18 mesi, alcuni di questi studi potrebbero essere opera di macchine altamente intelligenti. D’altra parte, Hawking ha anche previsto che la sovrappopolazione e il consumo di energia avrebbero reso la Terra inabitabile entro l’anno 2600.

Leggi anche:

Quest’anno quasi il 25% del ghiaccio marino si trova nell’Artico. Perché questa non è una buona notizia?

Anche l’idea che piova sempre di più? Bene, già fino al 19 percento delle forti piogge è con noi a causa della crisi climatica

(kg)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24