Corona pass è obbligatorio in Italia al lavoro da domani

Mentre altri paesi europei stanno lentamente riducendo l’attività della corona, l’Italia è un passo avanti. Tutti gli italiani che lavorano in aziende private o governo devono esibire il biglietto Corona al lavoro da domani. Chi non è stato vaccinato o recentemente testato non può entrare e non sarà pagato.

“Abbiamo riprogettato meglio la porta automatica”, afferma Mauricio Minotti. Dirige un’impresa edile con dodici dipendenti alla periferia di Roma ed è restio a controllare tutti. “Questo vale non solo per chi lavora qui, ma anche per visitatori, fornitori e corrieri. Ogni volta che qualcuno vuole entrare, un dipendente deve mettere da parte il suo lavoro e controllare quella persona”.

Tutelare l’economia

Corona Pass è già stato reso obbligatorio per il personale sanitario e docente in Italia. Con il tasso di vaccinazione all’80 per cento, il governo di Mario Tracy ha deciso il mese scorso di estendere la misura. Circa 18 milioni di persone sono state colpite dalla nuova legge.

Nonostante le sue obiezioni pratiche, Minoti ritiene che il governo abbia preso la decisione giusta. Ricorda chiaramente le serrature precedenti che in Italia erano più lunghe e dure che in Olanda. “Ero seduto da solo in ufficio qui. Era così triste. La cosa più importante ora è che possiamo continuare a lavorare. Un’azienda è come una macchina, non possiamo essere sempre inattivi. Ora se c’è un’altra battuta d’arresto, il la macchina si spegnerà”.

Non è chiaro quanti italiani sostengano la nuova legge. Fino a pochi mesi fa, due terzi delle persone parlavano ancora a favore del Corona Pass, ma il sostegno sembra diminuire. Uno studio molto recente dice che più della metà degli italiani ha bisogno di un pass per il lavoro è una buona idea.

READ  'Siamo venuti all'inferno'

L’obiezione più grande è che i lavoratori non vaccinati devono pagare i propri processi. Ciò significa che tre volte a settimana sono 15 euro, che scendono a 180 euro al mese. Come attualmente previsto, se la legge si applica fino alla fine di dicembre, una persona non vaccinata perderà circa 500 euro per poter lavorare.

Manifestazioni e violenze

Nonostante il governo abbia deciso di legiferare un mese fa, la prima grande manifestazione ha avuto luogo lo scorso fine settimana. Circa 10.000 persone si sono radunate a Roma. L’opposizione iniziò in sordina, ma poi perse il controllo e, in una certa misura, i movimenti neofascisti si unirono all’opposizione.

«Quella violenza è orribile perché distrae dalla cronaca», dice Claudia Baganelli. Ha manifestato più volte contro il Corona Pass. “Tra i manifestanti c’erano famiglie con bambini, gente comune. Il governo dovrebbe chiederlo”.

Baganelli lavora in banca, ma da domani ha deciso di non andare a fare la spesa. “Voglio dare un segnale. Un segnale di protesta che non parteciperò a questo tipo di ricatto”.

Se è diligente, non verrà pagata fino a dicembre. “Non sto nuotando nei soldi. Sicuramente rinuncerò alle cose. Ma penso che valga la pena attenersi alle mie politiche”.

Difficile dire quanti italiani faranno la stessa scelta. Tuttavia, vari settori, compresi i trasporti e l’agricoltura, hanno espresso timori per la carenza di personale. Quindi una mossa che mantiene in funzione l’economia può effettivamente avere un effetto devastante.

L’economia deve continuare a funzionare

Per motivi di privacy, il dirigente aziendale Minoti non ha potuto chiedere quale dei suoi dipendenti fosse vaccinato. Per evitare il rischio che qualcuno rimanga a casa, ha deciso di occuparsi di eventuali prove. “Abbiamo preso appuntamento con una farmacia della zona. Il personale può andarci a nostre spese”.

READ  Innogusto traduce i sapori italiani in ingredienti alimentari di origine vegetale

Secondo lui, è importante che tutto continui a funzionare e compensi le perdite dell’anno scorso. “Stiamo arrivando, ma non siamo ancora arrivati. Ci vorrà davvero un po’”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24