Coronapas necessario in molti posti a partire da venerdì, c’è ancora molta discussione sul codice QR al lavoro e nell’istruzione

UTRECHT La carta d’ingresso Corona viene ampliata per includere più settori, ritorna l’impegno della maschera per la bocca e si rafforza la consulenza per il lavoro da casa. Secondo fonti informate, lo annuncerà domani il governo uscente, visto l’alto numero di feriti.

Da venerdì il Corona Pass sarà obbligatorio, tra l’altro, nelle palestre, nelle piscine e nei cosiddetti siti di trasporto come zoo, parchi divertimento e musei, che oggi sono trapelati. Inoltre, tornerà l’aderenza alla mascherina negli spazi pubblici chiusi e nelle occupazioni che richiedono il contatto. Ciò significa che i copri bocca devono essere indossati nuovamente, ad esempio, dal parrucchiere e in municipio. Si discute ancora se i copri bocca saranno di nuovo obbligatori nei negozi. Il gabinetto provvisorio vuole anche che le persone lavorino da casa metà del tempo, secondo i rapporti noi.

Zoo e parchi a tema si aspettano un minor numero di visitatori e un fatturato inferiore se devono controllare i codici QR all’ingresso. Club van Elf, l’organizzazione ombrello per una sfilza di attrazioni quotidiane come lo zoo Ouwehands a Rhenen e il Museo ferroviario a Utrecht, vuole sostegno nel caso in cui vengano prese nuove misure per Corona. Neanche il settore delle piscine è soddisfatto. “L’introduzione di una scansione QR a visitatori e ospiti rischia di essere una campana a morto per molte piscine e scuole di nuoto, poiché la carenza di personale nel settore è grave”, hanno scritto la Fondazione olandese per la sicurezza in acqua e il nuoto e ENVOZ in una lettera del fuoco.

Corona passa al lavoro?

READ  Sport Court: Dick Jaspers vince il Grand Prix | gli sport

E che dire del corridoio Corona al lavoro e nell’MBO e nell’istruzione superiore? La discussione è scoppiata di nuovo su questo. Hubert Bruls, capo del Consiglio di sicurezza e sindaco di Nimega, ritiene che il biglietto d’ingresso Corona dovrebbe essere utilizzato anche sul posto di lavoro. A Buitenhof ha detto ieri che per questo è necessario un cambiamento di legge. Ciò è supportato anche dai maggiori rappresentanti degli interessi della comunità imprenditoriale olandese, VNO-NCW e MKB-Nederland. sindacati contrari. La FNV lo considera anche incompatibile con i diritti fondamentali dei dipendenti.

I principali datori di lavoro della provincia di Utrecht attendono con impazienza gli sviluppi, così come il settore dell’istruzione. È già in Italia e Austria, tra gli altri paesi: per lavorare con la tua carta Corona. Ci sono alcune aziende nei Paesi Bassi che richiedono ai propri dipendenti un codice QR, come Deloitte e Leaseplan. Ma questo non è ancora il caso su larga scala.

Il Royal BAM Group di Bunnik non chiede ai dipendenti un codice QR, ma il gruppo di costruzione non esclude la possibilità che ciò accada. Un portavoce di RTV Utrecht ha dichiarato che “se il governo metterà in atto una politica per questo, BAM seguirà quella politica, ma al momento non è così”. Domani sera il gruppo lattiero-caseario FrieslandCampina di Amersfoort attende la conferenza stampa. I dipendenti non sono attualmente tenuti ad avere un pass Corona. “Questo non è permesso”, ha detto un portavoce del ministero.

Anche il fornitore di servizi finanziari Acmea a Zeist, de Volksbank e Strukton ha riferito che i dipendenti non sono tenuti a codificare un QR. Un portavoce di Structon afferma: “Stiamo seguendo le linee guida del governo nazionale. Lo abbiamo fatto dall’inizio della pandemia e continueremo a farlo. I nostri colleghi lavorano da casa se possibile e sul posto se necessario”.

READ  Alpecin-Fenix ​​viene fornito con un aggiornamento su quattro feriti ai passeggeri

Coronapas in MBO e istruzione superiore?

La National Student Union (LSVb) è a conoscenza del dibattito sul Corridoio Corona nell’MBO e nell’istruzione superiore, ma è sorpresa che la misura sia ora sul tavolo. “Ci sono molti altri settori in cui potresti voler essere coinvolto prima dell’istruzione. Ora è troppo presto per noi”, afferma il presidente Ama Boahene. “Il Corridoio Corona assicura che alcuni studenti non possano continuare con l’istruzione o che sia più difficile. Questo porta a discussioni e problemi difficili”. Tutti hanno diritto all’istruzione, che è il fondamento della società. Lo vuoi con il minor numero di restrizioni possibile”.

L’organizzazione universitaria VSNU descrive il Corridoio Corona come “estremamente difficile nella pratica e probabilmente non fattibile”. Secondo l’Associazione delle Università di Scienze Applicate, la procedura richiederà un’enorme quantità di manodopera e influenzerà la programmazione.

Hai un consiglio o un commento? Inviaci le tue notizie o foto tramite Il WhatsApp Oppure invia una mail a [email protected]

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24