Corre Energy, guidata dall’Irlanda, vale 62 milioni di euro in IPO a Dublino

La Corre Energy, guidata dall’Irlanda, ma con sede nei Paesi Bassi, ha dichiarato che giovedì lancerà il valore di mercato in crescita di 62 milioni di euro di Euronext Dublino, dopo aver raccolto 12 milioni di euro in un’offerta pubblica iniziale (IPO).

Fondata nel 2018, la società di energia rinnovabile si concentra sullo sviluppo, la costruzione e la gestione di impianti di stoccaggio sotterraneo su scala di rete, nonché la produzione e la vendita di idrogeno verde. In origine, l’intenzione era quella di raccogliere 10 milioni di euro dall’IPO.

Il CEO Keith McGrane, un geofisico formato presso l’University College di Dublino, ha affermato che il processo di raccolta fondi, guidato dall’agente di cambio Davey, “va ben oltre l’accettazione”.

“Il processo di collocamento, insieme al nostro elenco pubblico, ai partner di progetto dedicati e all’accesso a una serie di altre fonti di finanziamento, posiziona Corre Energy come il primo motore di una soluzione tecnologica che riteniamo cambierà le regole del gioco in termini di economia ambientale ed economica sostenibile sostenibilità”, afferma McGrane, che in precedenza ha lavorato allo sviluppo delle energie rinnovabili presso Airtricity e Gaelectric e al finanziamento delle risorse naturali presso i prestatori KBC Group e Barclays.

Corre Energy è guidata da Frank Allen, attuale presidente di Iarnród Éireann ed ex CEO della Rail Procurement Agency. La sede dell’azienda si trova a Groningen, nell’Olanda settentrionale.

Corre Energy, attualmente in fase di sviluppo, utilizzerà elettricità rinnovabile per immagazzinare aria compressa in grotte di sale sotterranee, che possono essere successivamente combinate con idrogeno verde immagazzinato in caverne condivise per generare elettricità.

READ  Da giugno al sole in Europa: la testimonianza di Corona lo rende possibile

Corre Energy ha recentemente ottenuto dal Fondo Infrastrutture Italiano, sostenuto dalla Banca Europea per gli Investimenti, un finanziamento in equity fino a 20 milioni di euro, di cui 3 milioni già incassati.

La pipeline di sviluppo della società di 11 progetti di stoccaggio di idrogeno verde include il progetto Zuidwending nei Paesi Bassi, che avrà una capacità di generazione di 320 MW, e il Green Hydrogen Hub in Danimarca, che è anche un impianto da 320 MW.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24