Covid vs Consulenti – De Groene Amsterdammer

Ponte San Pietro, Bergamo, Italia, aprile 2020. Le vittime della corona attendono il trasporto militare al crematorio di Firenze

© Marco De Lauro / Getty Images

Gli italiani lo sanno Che il loro paese non è gestito molto bene e che mille cose potrebbero essere fatte meglio su come funziona il loro paese. Ma la consolazione era la preoccupazione. Gli italiani sanno che se si ammalano possono almeno contare su uno dei migliori sistemi sanitari al mondo. Poi è arrivato il Covid-19.

In particolare in Lombardia, la parte più ricca del paese, gli ospedali dotati di personale altamente qualificato e nuove tecnologie sono stati invasi dai pazienti e i pronto soccorso con abilità di volo artificiale sono stati convertiti in reparti di terapia intensiva. In uno dei momenti più bui dell’epidemia, a Bergamo, dove l’ospedale è stato riammodernato e riaperto nel 2012, una fila di camion dell’esercito ha dovuto trasportare i morti in altre zone per la cremazione. È stata solo sfortuna a causa dell’alto numero di vittime, o scelte e politiche hanno contribuito al dramma che si sta svolgendo nel nord Italia?

È un dato di fatto che l’Italia ha iniziato a spendere meno per l’assistenza sanitaria nel periodo precedente la crisi del Corona. Uno studio scientifico di questa primavera ha rilevato: “Negli ultimi due decenni, il sistema sanitario italiano ha subito continui tagli di bilancio”. “Ad esempio, i limiti salariali hanno portato a una diminuzione delle competenze degli operatori sanitari e i salvataggi finanziari hanno ridotto la capacità ospedaliera e il turnover del personale in alcune aree”. Ma c’è una relazione tra il carico ospedaliero e quelle riduzioni? Lo studio ha concluso con cautela che le misure di austerità “pur garantendo la stabilità finanziaria, possono avere una serie di effetti negativi e non intenzionali”.

Questa è un’affermazione molto vaga. Due relazioni che trattano questo argomento parlano più chiaramente. uno di Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite, Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo economico. All’inizio di quest’anno rispetto a Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite risposta di diversi paesi al coronavirus, concludendo che la prosperità del paese non è stata fondamentale per una risposta efficace alla crisi del coronavirus. Ad esempio, il rapporto ha elogiato l’approccio del Senegal, che è stato riportato anche dalla rivista Politica estera Si è classificato al secondo posto nella classifica globale di “Corona Efficiency” (dopo la Nuova Zelanda). Piuttosto che la quantità di denaro spesa per l’assistenza sanitaria, il rapporto ha identificato le risorse e l’influenza dei governi come un fattore determinante per una risposta di successo a COVID-19. Conclusione: “In alcuni paesi sviluppati, l’erosione del settore pubblico, attraverso l’esternalizzazione e la privatizzazione, ha ostacolato la risposta alla pandemia”.

Questa conclusione si basa su uno studio statistico Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite l’anno scorso ha riportato morti per Covid-19 nella prima metà della pandemia. Questo studio ha confrontato i dati di 147 paesi e ha trovato un’associazione tra il grado di privatizzazione del settore sanitario di un paese e i decessi per Covid-19. Nei paesi in cui è stato speso relativamente più denaro privato per l’assistenza sanitaria (e quindi la quota di denaro pubblico nella spesa sanitaria totale è stata inferiore), il coronavirus è stato peggiore. “Concludiamo che un aumento del 10% della spesa sanitaria privata è associato a un aumento del 4,9% dei decessi correlati a Covid-19”, hanno scritto i ricercatori.

READ  Utrecht gioca un ruolo centrale nella criminalità internazionale legata alla droga: cosa bisogna fare?

Ciò è in linea con altri studi scientifici dall’Italia. Uno di loro ha indicato la mancanza di coordinamento tra le istituzioni privatizzate nei paesi europei come uno dei fattori che ostacolano una buona risposta a Corona. Un altro studio ha rilevato che la Lombardia è stata un “precursore della privatizzazione e delle forze di mercato nell’assistenza sanitaria” in Italia, e che ciò ha avuto “conseguenze disastrose per la gestione dell’emergenza”.

Queste conclusioni vengono dall’Italia È un rapporto Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite Supportato da un secondo rapporto che tenterà di quantificare gli effetti delle forze di mercato e dei tagli nel settore sanitario sulla risposta a COVID-19 in Europa quest’anno. Questa indagine è stata condotta da Business Europe Monitor (Direttore esecutivo), un’organizzazione non governativa che cerca di smascherare l’influenza dei lobbisti aziendali a Bruxelles. sotto il titolo Quando i mercati diventano killer mette Direttore esecutivo Insieme a prove che si aggiungono alla conclusione che “l’esternalizzazione dei compiti e la fornitura di assistenza sanitaria privata ha notevolmente minato la capacità dei paesi dell’UE di rispondere efficacemente al Covid-19”.

Il capo della ricerca belga Olivier Hodemann. Spiega i risultati di Bruxelles. L’assistenza sanitaria varia tra i paesi europei, ci sono paesi in cui gli ospedali e l’assistenza agli anziani sono finanziati al 100% con fondi pubblici, alcuni paesi con molti soldi privati ​​nella sanità, come la Gran Bretagna e l’Italia, e altri nel mezzo. Ma in quasi tutti i paesi ci sono stati tagli all’assistenza sanitaria in generale e all’assistenza agli anziani in particolare nei 5-10 anni precedenti la pandemia. In quei paesi, ciò ha portato a carenze di personale nelle istituzioni sanitarie e negli ospedali e ha portato a un minor numero di letti ospedalieri quasi ovunque.

Le aziende hanno avuto accesso diretto al processo decisionale relativo alla strategia Corona

In particolare, nei paesi che hanno incontrato difficoltà finanziarie durante la crisi del debito europeo negli anni successivi al 2009, c’è stata anche la privatizzazione dell’assistenza sanitaria. Il risultato, tra l’altro, è una diminuzione della capacità dell’IC. “In quei paesi, ci sono stati cambiamenti consapevoli dalla spesa pubblica alla spesa privata, sulla base della convinzione che il settore privato sia più efficiente e quindi più economico”, afferma Hodemann.

READ  Sport Court: giocatori di beach volley Breuer-Musen per le semifinali del Campionato Europeo | gli sport

Le conseguenze di ciò vanno oltre i numeri sul conto. “I fondi privati ​​hanno priorità diverse rispetto ai fondi pubblici e si concentrano sull’assistenza sanitaria dove il potenziale di profitto è maggiore”, afferma Hodiman. “La terapia intensiva è una di quelle aree in cui gli investitori vedono poche opportunità di profitto. Pertanto, gli ospedali privati ​​hanno generalmente meno letti IC. Ciò è stato evidente in Spagna e Italia, dove il numero di letti IC in alcune regioni è diminuito drasticamente negli anni precedenti alla la crisi si è rivelata disastrosa nei primi mesi dell’epidemia.

Consentire alle forze di mercato e agli investitori privati ​​di accedere alla sanità è una questione dei paesi stessi, ma anche della politica europea. I paesi europei che avevano bisogno del sostegno finanziario di Bruxelles lo hanno ricevuto solo dopo accordi sulle riforme in alcuni settori della loro economia, spesso nel settore finanziario, ma anche in settori in cui vanno molti fondi pubblici, compresa la sanità. Il principio guida era l’idea che la spesa pubblica potesse essere ridotta raggiungendo una certa qualità minima di assistenza – “efficienza dei costi” in gergo. Alla Commissione Europea è formalmente vietato esprimere una preferenza per soluzioni pubbliche o private in materia economica, ma ciò nonostante, la preferenza delle successive commissioni per le forze di mercato e l’efficienza dei costi è stata abbastanza chiara per vent’anni.

per ricerca Direttore esecutivo Questa tendenza delle forze di mercato nel settore sanitario è stata rafforzata durante la crisi di Corona. Le parti che spingono per maggiori forze di mercato e privatizzazione nel settore sanitario hanno un dialogo permanente con la Commissione europea. Questo dialogo si è approfondito durante la crisi di Corona, afferma Hodemann. Le aziende e le organizzazioni di lobby come Business Europe si sono regolarmente consultate ampiamente con i membri del comitato sulla migliore strategia per affrontare il coronavirus. Quindi le aziende avevano accesso diretto al processo decisionale. Ha senso che l’UNHCR chieda consigli. Ha un piccolo servizio civile, e quindi ha una conoscenza interna limitata, e quindi cerca consigli esterni. Ma in questo caso con i partiti sappiamo che hanno una ricetta per: più forze di mercato.

Hoedeman trova il ruolo della società di consulenza McKinsey più sorprendente in questo senso. McKenzie è andato all’UNHCR nel 2020 per Gratuito Per aiutare la strategia europea anti-coronavirus, e la Commissione europea l’ha approvata.” “Questo è lodevole da un lato, ma dall’altro McKinsey è un attore molto importante nel settore sanitario in molti paesi europei, e in strategie di governo in questo settore. Nei paesi in cui esercitano una grande influenza, come l’Inghilterra, il loro consiglio è sempre stato: più forze di mercato, più privatizzazioni. A loro non interessa questo. Se McKinsey spinge ulteriormente i paesi europei nella direzione delle forze di mercato nell’assistenza sanitaria durante il periodo Corona, ciò significa molti contratti per quell’azienda in futuro per consigli sulla sua implementazione in diversi paesi.

READ  L'agricoltura nell'Unione europea non può più buttare via le patate bollenti

Quando la Commissione Europea Non ha rivelato quei contatti, ha Direttore esecutivo Wob ha fatto diverse richieste. Vogliamo accedere alla connessione tra UNHCR e McKinsey. Ma la commissione ha continuato a mantenere questo segreto a tempo indeterminato. Quindi abbiamo inviato richieste a Wob per tutte le e-mail e le consultazioni condotte. Dopo un anno di formazione, ora abbiamo ricevuto un sacco di documenti, ma molti di essi sono stati cancellati. Sembra che la Commissione preferisca mantenere qualcosa su questo segreto.

La sua importanza va oltre la determinazione se McKinsey, i lobbisti e la Commissione europea hanno fatto tutto bene. Primo, perché la Commissione Europea può decidere su 750 miliardi di euro di aiuti da erogare ai Paesi attraverso l’European Recovery Fund. Questo fondo, che dovrebbe aiutare i paesi europei a riprendersi dai danni causati dal virus Corona, è arrivato dopo un’aspra lotta tra gli Stati membri. I Paesi Bassi hanno chiesto che i soldi vengano pagati solo se i paesi hanno prima messo in atto un piano di investimenti con la promessa di riforme strutturali nel loro paese. Questi piani devono essere approvati dalla Commissione Europea prima che i fondi vengano sbloccati. I piani esistenti (solo i Paesi Bassi non hanno presentato un piano sei mesi dopo la scadenza) spesso includono anche riforme nel settore sanitario.

Questo non è un male di per sé, ma è importante che queste riforme non servano a obiettivi obsoleti. Se gli studi post-coronavirus mostrano che l’assistenza privatizzata significa una risposta peggiore alla pandemia, causando morti inutili, disagi sociali e costi più elevati, questa lezione dovrebbe essere al centro del piano di ripresa post-pandemia. Certamente per la Commissione Europea, che ama usare il termine “science driven” quando si parla di sanità. Ma questo non sembra essere il caso qui – in ogni caso, la commissione non ha abbracciato queste idee e rimane concentrata principalmente sull’efficienza dei costi.

L’orientamento della Commissione Europea è importante anche perché l’Unione Europea sta lavorando a una sorta di “unione della salute”, EU4Health. Molto rimane poco chiaro su questo, mentre è di fondamentale importanza quali lezioni apprese dalla pandemia di Corona. Il comitato non è chiaro su questo – non va oltre le grida che l’assistenza sanitaria ha bisogno di essere “rafforzata”. Non c’è un ampio dibattito sull’orientamento tematico di EU4Health, come c’è con una discussione più ampia sulle lezioni di Covid-19 per l’assistenza sanitaria nei paesi europei e su come la Commissione europea dovrebbe sostenerle. Come dice Olivier Houdemann: “È molto importante discutere le questioni fondamentali sull’assistenza sanitaria che vogliamo avere in Europa e le lezioni che stiamo imparando dall’esperienza del Covid-19. Questa discussione non è ancora iniziata.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24