Crescita delle vendite degli esportatori olandesi sui mercati italiano e irlandese, stagnazione delle importazioni di frutta

Entro il 2021, i Paesi Bassi erano in prima linea nel commercio di frutta e verdura fresca, nonostante i costi di trasporto più elevati, la carenza di contenitori di pesce, la Brexit e le serrature. Le vendite all’estero di frutta e verdura fresca sono salite a 13,1 miliardi di euro (+ 1%). Le esportazioni di frutta fresca sono state superiori a quelle del 2020, mentre le esportazioni di verdura fresca sono aumentate del 2%. Secondo l’analisi di GroentenFruit Huis per il 2021, il numero totale di chilogrammi di frutta e verdura fresca venduti al confine è leggermente diminuito (-1%).

La maggior parte della frutta e verdura scambiata va ai nostri vicini, il 95% dei quali ha sede in Europa. Gli agricoltori e le società commerciali olandesi sono partner nella vendita al dettaglio e nella ristorazione in Europa per una gamma completa di frutta e verdura. La Germania (4,9 miliardi di euro) è stato il mercato più importante, seguito dal Belgio (1,2 miliardi di euro) e dal Regno Unito (UK) (1,1 miliardi di euro).

Meno riesportazione nel Regno Unito
I Paesi Bassi mantengono la loro forte quota commerciale nel Regno Unito per i prodotti coltivati ​​nel nostro paese, ma stanno perdendo terreno come partner commerciale per le riesportazioni. Le vendite all’ingrosso dei primi 5 prodotti nel Regno Unito sono state molto stabili rispetto al 2020. Si tratta di pomodori, peperoni, cetrioli, fragole e cipolle coltivati ​​nei Paesi Bassi. La riduzione del Regno Unito riguarda principalmente i prodotti importati nei Paesi Bassi e poi venduti nel Regno Unito (= riesportati). Ad esempio, avocado, mango, mirtilli, agrumi e banane hanno attraversato il canale. Il commercio reciproco tra l’UE e il Regno Unito è esente da tasse di importazione, ma ciò non si applica alle merci provenienti da paesi terzi. Come risultato di queste tasse all’importazione, le società britanniche, ad esempio, acquistano frutti tropicali a basso costo dall’America centrale attraverso i Paesi Bassi, ma non direttamente.

READ  "L'economia italiana potrebbe crescere di oltre il 5% quest'anno"

Crescita delle vendite
Italia (+13%) e Irlanda (+16%) sono i maggiori produttori rispetto al 2020. Viene coltivato nei Paesi Bassi e venduto principalmente insieme a frutta importata. Burro e mango potrebbero aver contribuito alla crescita delle vendite in entrambi i paesi. Ma si trattava anche dell’aumento dei pomodori per l’Italia e delle maggiori vendite di cipolle e banane in Irlanda. Anche le vendite di frutta e verdura sono in aumento nel mercato olandese. Entro il 2021, il consumo olandese di frutta e verdura fresca aumenterà del 3%.

In genere era difficile per gli olandesi vendere frutta e verdura in luoghi lontani a causa degli elevati costi di trasporto. Le esportazioni di peperoni olandesi negli Stati Uniti (Stati Uniti) sono quasi cessate nel 2021 con tassi di trasporto aereo di merci molto elevati e aerei passeggeri bassi (i peperoni vengono trasportati sullo stomaco dell’aereo). . Per fare un confronto: nell’anno prima della Corona 2019, negli Stati Uniti sono stati venduti oltre 16 milioni di chili. Le cipolle olandesi sono popolari in tutto il mondo con una crescita delle vendite in paesi come Costa d’Avorio, Regno Unito, Gambia e Nicaragua.

Le importazioni di frutta sono stagnanti
Nel 2021, le imprese olandesi hanno importato frutta e verdura fresca per un valore di பழ 9,2 miliardi (+ 3%). Negli anni precedenti, la frutta è cresciuta più velocemente delle verdure importate, ma non entro il 2021. Ad esempio, le importazioni di ortaggi sono aumentate del 9 per cento e di frutta fresca dell’1 per cento. Più di tre quarti delle importazioni totali rappresentano ancora frutta fresca. Le prime 5 importazioni includono burro, banane, uva, mirtilli e arance. La gamma di ortaggi da importare nel 2021 includerà pomodori, peperoni, cipolle e patate dolci. Per quanto riguarda la frutta, importa principalmente grandi quantità di uva, mirtilli e mele.

READ  L'Italia richiede test corona negativo ai viaggiatori dell'UE: "peggiore"

Il Perù ha vinto
I primi 3 paesi nell’emergere di frutta e verdura fresca sono Spagna, Perù e Sud Africa. In particolare, continuano ad aumentare le importazioni dal Perù. Tra il 2016 e il 2021, le importazioni dal Perù sono raddoppiate a oltre 1,1 miliardi di euro. Gli ingredienti principali del Perù sono burro, mirtilli e mango. Brasile (+ 19%) e Colombia (+ 32%) sono i maggiori importatori di frutta olandese.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24