Dagli editori | Significato e sciocchezze conferenze stampa sul ciclismo

Nessuna società di media può sfuggirle: fare delle scelte. Quali sono le novità, dov’è l’interesse dei nostri lettori e come cerchiamo di rimanere il più oggettivi possibile su temi a volte complessi? Ape Nella camicia del leader Crediamo sia importante essere trasparenti su come lavoriamo, quindi negli ultimi giorni di ogni mese discutiamo di un argomento su cui abbiamo lavorato in From Editors.

Conferenze stampa durante i Grand Tour: chi ci arriverà?

L’interesse per il ciclismo non è distribuito uniformemente durante la stagione. Inutile dire che il Tour de France attira maggiormente l’attenzione nei mesi estivi. Molte celebrità nel mondo concordano sul fatto che è molto di più dei grandi classici o del Giro Ditalia, che si svolge oggi. Tuttavia, i piloti e le squadre hanno i loro obblighi anche nel Grand Tour italiano. È qualcosa che dicono di non aspettare sempre. Quante volte si suggerisce a qualcuno di non voler portare via la giacca rosa a causa di tutti gli extra che ne derivano?

Durante il Giro d’Italia, l’organizzazione crea diversi momenti per poter dialogare con i protagonisti del plotone. Ogni giorno c’è una conferenza stampa con il vincitore di tappa e poi in maglia rosa. Nei giorni di riposo, seguono le domande con alcuni corridori di alto rango dalla valutazione complessiva. Con le transizioni, alcune cose possono anche essere organizzate per interviste separate, ma queste cose sono di natura informale. Ad esempio, se la squadra sente che il pilota ha bisogno di riposare, in realtà non ha bisogno di parlare con nessuno.

A causa della crisi Corona, è per una piattaforma come Nella camicia del leader Partecipare a queste conferenze stampa è diventato molto più facile. Le organizzazioni delle competizioni, così come le squadre, stanno sfruttando maggiormente le possibilità a cui siamo stati ampiamente presentati lo scorso anno. Zoom, Microsoft Teams o altre comunicazioni su Internet sono diventati un luogo comune. Come giornalista, non devi necessariamente recarti in Italia per parlare con un concorrente. Ciò consente di risparmiare denaro e fatica (oltre a ridurre i contatti e i momenti di viaggio in relazione al Coronavirus), inoltre puoi scrivere immediatamente un articolo della conferenza stampa dal tuo sito web aziendale. In questo modo, la notizia potrebbe arrivare al lettore più velocemente che mai.

READ  Come Netflix può cambiare la nostra visione del mondo e gli stereotipi

Screenshot della conferenza stampa con Damiano Caruso nel secondo giorno di riposo.

Quanto è concreto il ciclismo?

Il ciclismo è da anni uno sport molto tangibile, così come il giornalismo. Eppure ce l’abbiamo Nella camicia del leader L’idea che i conducenti siano diventati più sani nelle loro storie dopo o in altri momenti della stampa. Abbiamo sentito che era una partita difficile e i loro compagni di squadra hanno fatto un ottimo lavoro o, talvolta, una descrizione completa dello scenario di gioco che abbiamo appena visto. È un loro diritto, ma ciò significa che giornalisti e siti Web (inclusi IDL) si stanno riversando per allontanare qualcuno che si è allontanato da quella linea. Il risultato: rivolte e tempeste mediatiche, che non sono vantaggiose per l’autista in questione. È un merito per qualcuno quando non gliene importa, ma non possiamo assolutamente biasimarlo se preferisce dire qualcosa nel modo giusto la prossima volta. Sarà una grande partita e il pubblico è fantastico.

Può avere un effetto negativo sul lato mentale di un atleta, che è qualcosa che non sta ricevendo molta attenzione in questo momento. Naomi Osaka, la seconda miglior tennista del mondo, spera di cambiare le cose. Difende le preoccupazioni psicologiche degli atleti Evita Così la stampa durante il Roland Garros. “Non mi arrenderò più alle persone che dubitano di me”, ha scritto in una dichiarazione. Annullare l’obbligo giornalistico comporterebbe multe, ma i giapponesi potrebbero prenderlo: “Spero che il ricavato vada per una buona causa”.

Nel ciclismo non sei ancora arrivato a questo punto, anche se ci sono esempi di squadre che preferiscono mandare un video preregistrato al mondo piuttosto che parlare con un gruppo di giornalisti. In questo modo previeni molte attenzioni negative, perché come squadra controlli te stesso. Il ciclista è mentalmente meno appesantito e il Pastore (che conta molto su di lui per il ciclismo) non dovrà essere perplesso sulla collaborazione. tutto e ‘bene quel che finisce bene.

Dagli editori |  Significato e sciocchezze conferenze stampa sul ciclismo

Cosa ne pensi di questo in In de Leiderstrui?

La domanda è se si tratta di sviluppi altamente desiderabili. Molti appassionati di ciclismo amano molto le corse grazie al suo carattere tattile. Stanno davvero aspettando il discorso giusto per grandi film o altri contenuti di marketing? Questo non ci dà più distanza tra ciclisti da una parte e tifosi e giornalisti dall’altra? In questo modo, tutto ciò che viene deviato, in senso positivo o negativo, verrà solo amplificato ulteriormente. La natura umana dello sport scompare, mentre il ciclista spera di godersi la pace e la tranquillità della propria bolla. È qualcosa che hanno tutto il diritto di fare. Dopotutto, sei diventato un atleta per allenarti, vincere o fare qualcos’altro, ma probabilmente non rispondi a domande a cui hai già risposto centinaia di volte. A questo proposito, la decisione di Osaka sul Roland Garros è più che comprensibile.

Tuttavia, lo sport rimane un mondo di intrattenimento ed è un mondo di enormi quantità di denaro. Quindi potresti aspettarti che come atleta, quando devi la tua fama e fortuna al successo commerciale, devi una certa responsabilità sotto forma di discorsi con la stampa. Quindi la critica di Osaka è sicuramente lì. Tanto più che ha preso la decisione “unilateralmente”, senza consultare organizzazioni o stampa. Forse ti starai chiedendo se questa sia la strategia più vantaggiosa. Dopotutto, crei meno momenti di giornalismo per te stesso, ma così facendo ti rimetti sotto i riflettori. La prima volta che si va sulla strada giusta, però, si tratterà di boicottare la stampa e non sempre di traguardi sportivi.

D’altra parte, Osaka è stata in grado di aggiungere altro a questo Nella camicia del leader, Che non ha nulla a che fare con il tennis, in sostanza, riflette sul significato e sulle sciocchezze di tutti i tipi di momenti giornalistici. Qual è il rapporto tra un atleta e il giornalismo e come vi rapportate per riuscire a conquistare le masse il più oggettivamente possibile? Non c’è una risposta univoca, ma è chiaro che aprirsi da entrambe le parti può fare molto bene allo sport, prima di entrare in una situazione simile come in Formula 1, per esempio. Quello che il ciclismo non dovrebbe volere è che sia un mondo chiuso in cui i giornalisti critici sono esclusi e l’atleta vive nella propria bolla. Allora siamo tutti lontani da casa …

NBQuesto articolo è stato scritto prima della partita di debutto di Naomi Osaka al Roland Garros. allo stesso tempo Minaccia Organizzazione per espellerla dal torneo.

Porta: Jannick van der Hooft – [email protected]

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24