diretto | I britannici arrabbiati per la dura politica di viaggio della Francia | interni

19.00 – Continua ad aumentare il numero di contagi da corona nel Regno Unito

Nel Regno Unito, con l’allentamento delle misure Corona, il numero di nuovi contagi continua ad aumentare. Sabato, le autorità sanitarie hanno riferito che 54.674 pazienti con Covid-19 sono stati aggiunti entro 24 ore. L’ultima volta che ce ne sono state così tante il 15 gennaio. Il bilancio delle vittime è leggermente diminuito da venerdì a 41.

Tra i nuovi contagiati, il segretario alla Sanità britannico Sajid Javid. Lui stesso ha annunciato di essere risultato positivo e di aver avuto solo lievi lamentele, molto probabilmente perché aveva già avuto due colpi di corona. Trattandosi di un test rapido, è stato sottoposto anche a un test PCR. Il risultato di questo non è ancora noto.

A causa della campagna vaccinale aggressiva, i ricoveri ospedalieri sono limitati. Questo è il motivo principale per cui il primo ministro Boris Johnson ha nuovamente concesso agli inglesi ampie libertà da lunedì.

17:30 – Ancora proteste in Francia per il passaggio di Corona

In molte città francesi si torna in piazza per protestare contro l’introduzione del “passaggio sanitario”, il Corridoio della Coruña. Gli adulti devono essere in grado di dimostrare di aver ricevuto una vaccinazione contro il coronavirus, di aver tollerato il Covid-19 o di essere risultati negativi di recente per partecipare a eventi con un vasto pubblico e alle istituzioni culturali. Da agosto la tessera va esibita anche quando si visitano, tra l’altro, la ristorazione ei centri commerciali.

L’avversione alla misura e alla vaccinazione obbligatoria per gli operatori sanitari è stata evidente anche mercoledì, festa nazionale Quatorze Juillet. Secondo i media francesi, sabato migliaia di manifestanti sono tornati a Parigi. Si sono riuniti in almeno tre posti. Tra i promotori c’erano il politico di destra Florian Filippo (Les Patriotes), l’ex vicepresidente del Fronte nazionale e alcuni leader dei “gilet gialli”.

Il testo continua sotto l’immagine.

Gli oppositori del pass corona e dell’antivaccinazione fanno spesso riferimento ai metodi nazisti della seconda guerra mondiale. Da Lille a Marsiglia si sono sentiti slogan come “libertà” e “dittatore Macron”. I cartelli recitavano, tra l’altro, “Pseudo-pandemia, vera dittatura” e “Io non sono un codice QR”.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha lanciato lunedì un pacchetto di misure per frenare la diffusione allarmante della variante delta del coronavirus e ha incoraggiato i suoi cittadini a vaccinarsi. Un sondaggio di opinione ha mostrato che una grande maggioranza dei francesi era d’accordo con questo.

Decine di migliaia di persone hanno espresso la loro insoddisfazione per la seconda volta in una settimana per vari motivi. Proprio come mercoledì, le manifestazioni non sono state ovunque pacifiche. Alcune manifestazioni non erano consentite. A Digione, Lille, Nantes e Lione, tra gli altri, la polizia ha usato gas lacrimogeni per disperdere la folla.

READ  I paesi europei delle vacanze inaspriscono nuovamente le misure Corona

14.01 – Gli inglesi sono arrabbiati per la politica di viaggio della Francia

Il governo britannico ha fatto arrabbiare i vacanzieri e l’industria dei viaggi imponendo regole di quarantena in Francia. La regola secondo cui i britannici devono essere messi in quarantena a casa per dieci giorni dopo la fine del viaggio lunedì verso molte destinazioni turistiche popolari, ma è stato deciso all’ultimo minuto di non coprire la Francia.

Questa decisione riguarda le preoccupazioni sulla diffusione della cosiddetta variante beta del coronavirus in Francia. Questa variante è stata scoperta per la prima volta in Sud Africa ed è rara nel Regno Unito. La BBC scrive che si teme che i vaccini non funzioneranno bene contro questo mutante.

A causa della crisi della Corona, il governo britannico ha creato un “sistema a semaforo” con tre codici colore per i paesi: verde, ambra e rosso. I britannici completamente vaccinati non dovranno più essere messi in quarantena a casa dopo un viaggio in un paese che diventa ambra (una specie di arancione/giallo) da lunedì.

La Francia è rimasta nell'”ambra”, ma è l’unico paese al di fuori di questo rilassamento. È una sorta di compromesso perché, secondo la fonte del Guardian, i ministri si sono spinti troppo oltre per inserire la Francia nella “lista rossa” dei Paesi ad alto rischio. Quindi i viaggi furono severamente limitati, il che poteva avere gravi conseguenze politiche e diplomatiche.

I vacanzieri nei media britannici si lamentano dell’improvviso cambiamento di politica e l’industria dei viaggi è anche scontenta dello status eccezionale della Francia, che è popolare tra i turisti. Il CEO di EasyJet Johann Lundgren si è lamentato del fatto che il governo stava “tirando il tappeto” tra i britannici in vacanza in Francia o che hanno già prenotato un volo.

Lundgren ha affermato che il sistema a semaforo è inutile se il governo improvvisa costantemente. Questo crea “confusione e incertezza”, ha detto. Willie Walsh, direttore dell’industria aeronautica presso l’International Air Transport Association, ha accusato il governo di “distruggere la propria industria dei viaggi e le migliaia di posti di lavoro che dipendono da essa”.

Le turbolenze mostrano che i paesi con alti tassi di vaccinazione stanno anche lottando con le politiche di viaggio per i loro cittadini durante le festività natalizie. Il ministro della Sanità Sajid Javid ha affermato che è sempre stato chiaro che il governo era pronto a intervenire rapidamente alla frontiera “per proteggere i successi che abbiamo avuto nella riuscita politica di vaccinazione”.

Il governo britannico decide solo ufficialmente le regole che i viaggiatori in Inghilterra devono rispettare, perché le regioni autonome hanno voce in capitolo nella loro politica di viaggio. Scozia e Irlanda del Nord non hanno ancora detto se assumeranno anche un incarico straordinario per la Francia, secondo Sky News.

09.24 – Inizia ad aumentare anche il numero di casi di coronavirus nelle case di cura

La nuova ondata di casi di corona colpisce principalmente i giovani, ma il virus sta lentamente ma inesorabilmente iniziando a penetrare nelle case di cura. Il numero di test positivi tra gli anziani è in aumento, anche se al momento rimane limitato. La popolazione è la più suscettibile all’infezione, e quindi è stata tra i primi gruppi ad essere vaccinata all’inizio di quest’anno.

READ  Bande afghane accettano di combattere: accoltellato giovane richiedente asilo | all'estero

Il testo continua sotto l’immagine.

Era mercoledì scorso. Quindi 25 residenti in case di cura sono risultati positivi. Questo è il numero più alto dal 5 maggio, più di due mesi fa. Questo numero non è completo, perché i rapporti possono essere ritardati, quindi il numero potrebbe continuare a salire. La scorsa settimana, 61 residenti sono risultati positivi al virus, una media di circa nove al giorno, il più alto dalla fine di maggio.

In aumento anche il numero di case di cura colpite dal coronavirus. Almeno 36 siti hanno avuto almeno un test positivo nella popolazione nelle ultime quattro settimane, il numero più alto in quasi un mese. Nelle quattro settimane fino a lunedì scorso, 24 siti che sono stati recentemente testati sono risultati positivi. Rispetto al picco, questi sono tutti numeri piccoli. All’inizio di gennaio, da 850 a 900 siti erano risultati positivi di recente, ovvero più di un terzo di tutte le case di cura nei Paesi Bassi.

L’Associazione Professionisti Geriatria, Verenso, prende atto dell’aumento. “Le infezioni stanno aumentando leggermente, ma sono ancora limitate alla popolazione totale”, afferma la direttrice Nanda Hawit. Secondo lei, l’aumento è previsto. “La casa di cura è parte della comunità. Se il numero di casi nella comunità aumenta, aumenterà l’infezione nella casa di cura”. Molti residenti sono stati vaccinati contro il coronavirus, così come alcuni dipendenti. “Ma questo non si applica ancora a tutti i visitatori o, ad esempio, ai giovani lavoratori in vacanza”, afferma Hawitt.

I vaccini corona non possono prevenire ogni infezione. Ma la popolazione vaccinata che ora è risultata positiva, secondo Hoyt, sembra essere meno malata di quanto non fosse prima delle vaccinazioni.

Il bilancio delle vittime nella popolazione è ancora basso al momento. Nell’ultimo mese sono stati registrati solo sei decessi, l’ultimo dei quali è stato più di una settimana fa. Alla fine dell’anno, più di cinquanta residenti sono morti al giorno e nella prima ondata ci sono stati giorni in cui sono morti più di ottanta residenti della casa di cura.

09.10 – CHI: Olandese, attenzione in vacanza حذر

Un consigliere anziano dell’OMS chiede agli olandesi di fare attenzione quando vanno in vacanza. Catherine Smallwood afferma in un’intervista di AD che i paesi in cui molte persone sono già state vaccinate, come i Paesi Bassi, hanno una responsabilità speciale. “Quei paesi non dovrebbero diventare la fonte della diffusione della malattia”.

Smallwood dell’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato al quotidiano che gli olandesi possono andare in vacanza “ovviamente”, ma chiedono alle persone di considerare i rischi dovuti alla pandemia di Corona. “Se devi passare venti ore in un autobus affollato, il rischio è molto maggiore rispetto a quando viaggi con la tua auto”.

Secondo il “Chief Emergency Officer” della sezione europea dell’Organizzazione mondiale della sanità, è meglio che i turisti guardino l’ambiente circostante: “È stretto e chiuso o c’è una ventilazione sufficiente? Stai andando a fare escursioni in montagna o partecipare a un grande festival musicale con molte persone?”

READ  (Parte di) Gli eurodeputati si incontrano di nuovo contro la loro volontà a Strasburgo

Smallwood assicura ad AD che ci sono ancora “rischi significativi” associati ai viaggi per le persone che non sono completamente vaccinate. Il rischio è inferiore per le persone che sono state completamente vaccinate. Per quanto vorremmo che fosse, il virus non è sparito. C’è ancora molto virus nella regione europea e le tendenze non sembrano molto buone”.

L’alto funzionario spiega che il virus di tipo delta si sta diffondendo rapidamente in tutta la regione europea “Questa variante è diventata prevalente in molti paesi europei, compresi i Paesi Bassi”. Smallwood afferma nel documento che i maggiori impatti si vedranno nei paesi con una bassa copertura vaccinale. “Siamo davvero preoccupati per questo”.

08.10 – Il governo ha tenuto conto del rilascio dei detenuti a causa di Corona

All’inizio della pandemia di Corona nel marzo 2020, il governo olandese ha tenuto conto del fatto che i prigionieri dovevano essere rilasciati. Anche i disagi e le morti nelle carceri facevano parte degli scenari di emergenza Corona, riferisce NOS, che ha richiesto documenti al servizio di custodia.

Il servizio ha acquistato ulteriori 1.500 cavigliere per monitorare i detenuti nel caso in cui fossero costretti a tornare nelle loro case a causa del Corona. Uno dei documenti afferma che “il calcolo è considerato un punto di partenza fittizio secondo cui avrebbe dovuto essere effettuato l’80 per cento della sanzione”.

Alla fine, i 175 detenuti che avevano quasi scontato la pena e avevano già trascorso una parte significativa del tempo fuori dal carcere non hanno dovuto tornare nelle loro celle. Per evitare che portassero con sé il virus, è stato loro concesso un congedo più lungo con un braccialetto alla caviglia. Non c’era bisogno di rilasciare altri detenuti prima.

Metà delle cavigliere sono ancora in uso e l’altra metà sullo scaffale. DJI sta cercando di vendere di nuovo le gomme rimanenti. In questo modo l’organizzazione spera di compensare parte dei costi sostenuti (complessivamente circa un milione e mezzo di euro).

07.02 – Inizio del pellegrinaggio alla Mecca per soli casti

Inizia sabato in Arabia Saudita il tradizionale pellegrinaggio islamico alla Mecca, l’Hajj. A causa della crisi della Corona, quest’anno 60.000 persone potranno partecipare all’Hajj, a condizione che siano vaccinate contro il virus. Possono partecipare solo i cittadini sauditi e i musulmani che vivono in Arabia Saudita di età compresa tra 18 e 65 anni.

Il testo continua sotto l’immagine.

L’Hajj, che dura fino al 22 luglio di quest’anno, è obbligatorio per ogni musulmano sano di mente che può permettersi il viaggio. L’anno scorso, dalla sola Arabia Saudita sono stati accolti solo 10.000 pellegrini. Nel 2019, 2,5 milioni di credenti vanno ancora alla Mecca. 1,8 milioni di loro provenivano dall’estero.

Puoi leggere il blog di ieri qui sotto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24