diretto | Il 70% della popolazione dell’UE ha ricevuto il vaccino | interni

12,38 – Il 70 percento della popolazione dell’UE è stato vaccinato

Dei circa 366 milioni di adulti nella popolazione dell’UE, il 70% è stato vaccinato. “L’Unione europea ha mantenuto la sua promessa”, ha dichiarato a Bruxelles la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, riferendosi all’obiettivo fissato dal Consiglio esecutivo dell’Unione europea di proteggere il 70% della popolazione europea dal Covid-19 entro luglio.

Ciò significa che quasi 256 milioni di adulti in 27 paesi membri hanno ricevuto un’iniezione da Pfizer/BioNTech, Moderna o AstraZeneca. Secondo von der Leyen, il 57 percento è completamente vaccinato. O circa 209 milioni di persone nell’Unione Europea hanno ricevuto due iniezioni di questi medicinali o uno del vaccino Janssen.

La Commissione Europea acquista i vaccini per conto dei 27 Stati membri. Inizialmente, le consegne e quindi le campagne di vaccinazione nell’Unione europea non sono andate così bene come sperato, ma “il processo di recupero ha avuto molto successo”, ha affermato von der Leyen, un medico di professione. “L’Unione europea è uno dei leader mondiali”.

Bruxelles continua ad acquistare nuovi vaccini, per essere in grado di dare “richiamo” alle persone vaccinate in seguito, se necessario, come protezione aggiuntiva contro le mutazioni esistenti. Avverte che l’UE deve rimanere vigile. “La variante delta è molto pericolosa. Ecco perché mi rivolgo a tutti coloro che hanno l’opportunità di essere vaccinati. Per la sua salute e per gli altri”.

11.00 – Diminuzione significativa dei casi di coronavirus, ma più ricoveri

Con la stessa rapidità con cui il coronavirus si è diffuso nelle settimane precedenti, il numero di casi positivi è ora in calo. Ma cresce la pressione sulla sanità. Più persone sono finite nel reparto infermieristico o nell’unità di terapia intensiva a causa di Corona. Anche il numero dei decessi per Corona è leggermente aumentato.

Negli ultimi sette giorni, l’Istituto nazionale di sanità pubblica e ambiente (RIVM) ha ricevuto tra le 35.000 e le 38.000 segnalazioni di test positivi. La settimana prima, il numero era 69.731 e circa 52.000 la settimana prima. Ciò significa che il numero di nuovi casi è diminuito dal 45 al 50 percento nell’ultima settimana.

Il RIVM fornirà la cifra settimanale esatta martedì. Più di 33.000 persone sono risultate positive al virus negli ultimi sei giorni. L’epidemia è tornata ai livelli visti all’inizio di luglio, quando il numero di test positivi ha iniziato a esplodere.

Nell’aggiornamento settimanale, RIVM ha anche riportato il numero di pazienti corona che sono stati ricoverati in ospedale nell’ultima settimana. È probabile che il numero sia di circa 500. La scorsa settimana, l’istituto ha riferito che 205 persone sono state ricoverate in ospedale, 31 delle quali sono in terapia intensiva. Questo era già molto di più della settimana precedente. La stragrande maggioranza delle persone che finiscono in ospedale non è vaccinata.

READ  Un americano passa tre giorni su un albero per evitare la polizia | All'estero

È probabile che il numero di decessi segnalati entro una settimana salga a più di 20. La scorsa settimana, RIVM ha riportato 14 decessi e la settimana prima di 11.

Martedì il RIVM calcolerà anche il nuovo numero di riproduzione. Quel numero era a 3 poche settimane fa, un livello record che indica un enorme aumento. È arrivato appena sopra 1 alla fine della scorsa settimana, il che significa che il breakout si sta stabilizzando. Se il numero scende al di sotto di 1, l’epidemia potrebbe svanire lentamente. Il numero si riferisce sempre alla situazione di due settimane fa, perché i numeri più recenti non sono ancora abbastanza affidabili.

Martedì, RIVM ha anche riferito quante persone sono state vaccinate contro il coronavirus la scorsa settimana. Ci saranno probabilmente circa un milione di persone e sarà il numero più basso dalla fine di maggio. Oltre l’83 percento degli adulti ha avuto almeno la prima iniezione, rendendo i Paesi Bassi uno dei migliori paesi d’Europa.

08.45 – record di colloqui a Luiserlijn nell’anno del Corona

Listening Line ha stabilito un numero record di conversazioni in Corona 2020, secondo i dati annuali. Per telefono e chat, i volontari hanno condotto oltre 357.000 conversazioni, un aumento di circa il 12% rispetto al 2019 e oltre 1.400 scambi di e-mail. Durante il primo periodo della pandemia, il numero di chiamate è aumentato del 20%, poiché il blocco ha causato ansia, solitudine e tristezza.

In media, Luiserlijn ha ricevuto 883 chiamate al giorno e chiunque sia disturbato da qualcosa e non voglia, osa o non possa parlarne nel proprio ambiente può chiamarlo giorno e notte. Più della metà delle telefonate, raggiunte dall’inizio di quest’anno attraverso il nuovo e più economico numero 088-0767000, sono state effettuate al di fuori dell’orario di ufficio. Ad esempio, un chiamante che era a letto con il coronavirus e aveva bisogno di chiamare dice che era “sollievo” chiamare nel cuore della notte qualcuno che era “davvero interessato a lei”. “La sensazione che lo stavo davvero ascoltando è stato un enorme sollievo”.

Gli argomenti più discussi dell’anno sono stati i contenuti di oggi, seguiti dalle relazioni e poi da Corona. In media, quelle chiamate sono durate 20 minuti. La chat è durata 33 minuti e ha riguardato principalmente la salute mentale e le relazioni.

READ  Incidente aereo Milano: il miliardario tra le vittime, moglie e figlio all'estero

07.00 – Chiusura del lockdown a Melbourne

Il blocco nella città australiana di Melbourne verrà revocato più tardi martedì mentre le autorità controllano lo scoppio del tipo delta di coronavirus. Anche il vicino South Australia sta allentando le sue regole di soggiorno a casa. Ma a Sydney, la città più grande del paese, è probabile che il blocco in vigore da cinque settimane venga esteso.

Dopo quasi due settimane di permanenza obbligatoria a casa, milioni di residenti a Melbourne e nel vicino stato di Victoria potrebbero scendere in strada poco prima della mezzanotte di martedì. Tuttavia, non è ancora finita. “Dobbiamo essere vigili su questo virus, il ceppo delta, nei prossimi giorni, settimane e mesi in modo che il maggior numero possibile di persone venga vaccinato”, ha affermato il premier dello stato Dan Andrews.

Scuole, ristoranti e negozi riapriranno nel Victoria, ma rimarranno le restrizioni, come l’uso di mascherine. Per almeno due settimane, le persone non sono autorizzate a invitare ospiti nelle loro case e il numero di incontri all’aperto è limitato. Lunedì sono stati registrati dieci nuovi feriti nello stato.

A Sydney, le autorità hanno annunciato 172 nuovi casi legati all’epidemia iniziata a giugno. Un autista locale è stato contagiato mentre trasportava un equipaggio di un aereo.

Diverse città australiane hanno protestato contro la chiusura durante il fine settimana. A Sydney migliaia di persone hanno protestato contro le misure di Corona e ci sono stati scontri con la polizia. La gente è scesa in strada anche a Melbourne e Adelaide. A Brisbane, dove non è stato annunciato alcun blocco, ci sono state anche manifestazioni contro la politica di Corona. La gente chiedeva la libertà e portava cartelli che dicevano che il Paese deve svegliarsi e che il governo era più pericoloso del COVID-19.

Dall’inizio dell’epidemia in Australia sono stati registrati più di 33.000 casi di corona e 930 decessi. Finora, quasi il 13% dell’intera popolazione di 25 milioni è stata vaccinata contro il virus.

00.54 – Chiusura notturna e divieto di bevande alcoliche ad Arnhem Park a causa di feste

Park Sonsbeek ad Arnhem sarà chiuso tutti i giorni dalle 23:00 alle 05:00 a partire da martedì, ha deciso il sindaco Ahmed Margosh. Il divieto di alcol si applica anche tra le 20:00 e le 5:00.

READ  La legge francese sul clima affronta il primo ostacolo in Parlamento

Durante le settimane nel parco si tengono feste serali e notturne, che attirano molti giovani da Arnhem e dai comuni limitrofi. “In quelle feste non c’è distanza, c’è uso eccessivo di alcol e droghe, disturbo costante alla popolazione locale, e forze dell’ordine e polizia devono intervenire regolarmente”, dice il comune.

Una festa notturna nel parco ha recentemente assistito a una rissa, alla quale hanno partecipato un centinaio di persone. Il comune teme anche che il parco diventi più attraente ora che sono iniziate le vacanze estive nella regione di Arnhem.

“Il costante afflusso di feste non è solo un grave inconveniente per i residenti locali, ma crea anche rischi per la salute inaccettabili. I visitatori rendono questo parco molto pericoloso di notte. Chiede ai genitori di sapere dove si trovano i loro figli e di rivolgersi a loro”, ha affermato il sindaco Margosh. Opportunità di aprire le scuole dopo l’estate.” La chiusura notturna e il divieto di bevande alcoliche continueranno almeno fino al 30 settembre.

00.15 – L’Olanda torna ad essere una zona ad alto rischio per la Germania

La Germania considera i Paesi Bassi e la Spagna aree ad alto rischio a partire da martedì. Ciò significa che verranno applicate regole più severe per prevenire la diffusione del virus Corona.

I viaggiatori dovrebbero essere isolati dopo essere arrivati ​​in Germania dopo aver soggiornato in una zona ad alto rischio, a meno che non siano stati completamente vaccinati o si siano ripresi dal coronavirus. In linea di massima la quarantena dura dieci giorni, ma può essere interrotta anticipatamente se il test risulta negativo dopo cinque giorni.

Le persone devono avere la prova di essere state vaccinate, testate o recentemente guarite dal Covid-19 prima di attraversare il confine. Devono inoltre fornire questi dati alle autorità tedesche tramite un modulo online.

Le regole non si applicano solo agli adulti, si applicano a tutti i viaggiatori dai 6 anni in su. Questo può anche essere un problema per i tedeschi in vacanza con le loro famiglie nei Paesi Bassi o in Spagna. Molti adulti tedeschi sono già stati vaccinati, ma spesso i loro figli no.

Le autorità tedesche escludono alcuni gruppi di viaggiatori. Ciò riguarda le persone che hanno guidato in un’area ad alto rischio senza fermarsi e le persone che transitano in un altro paese e si assicurano di percorrere il percorso più veloce possibile attraverso la Germania.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24